Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Farmaco felino, peritonite ed efficacia del remdesivir

Farmaco felino, peritonite ed efficacia del remdesivir

La remissione e la sopravvivenza a lungo termine sono state valutate in un gatto con peritonite infettiva felina (FIP) dopo la somministrazione di un analogo nucleosidico dell’adenosina GS-441524. Ulteriori studi in Medicina felina Dimostrare il valore di GS-441524 nell’indurre il trattamento clinico delle forme parossistiche, non simpatiche, neurogeniche e neurogeniche di FIP quando la dose è sufficientemente elevata.

Remdesivir è un farmaco antivirale con autorizzazione all’uso di emergenza da parte della Food and Drug Administration statunitense per il trattamento di COVID-19 ed è anche un profarmaco per GS-441524. Vari studi indicano che remdesivir subisce una rapida conversione metabolica in vivo, con GS-441524 che è il principale metabolita circolante.

La mancanza di una licenza veterinaria per GS-441524 ha creato un mercato per i medicinali senza licenza. Presumibilmente migliaia di gatti sono stati sottoposti a cure in tutto il mondo, la maggior parte dei quali ha ottenuto la remissione e forse una cura. Tuttavia, l’importazione di veicoli non immatricolati per uso veterinario è ancora illegale in molte parti del mondo.

Nel novembre 2020, i veterinari australiani hanno ottenuto l’accesso legale a una formulazione iniettabile di remdesivir. Alla fine del 2021, è diventata disponibile anche una formulazione in compresse da 50 mg di GS-441524.

Non erano disponibili dati di sicurezza o studi di farmacocinetica per l’uso di remdesivir nei gatti. Tuttavia, sulla base del successo dell’uso di GS-441524 e senza alcuna alternativa registrata, i veterinari australiani hanno iniziato a utilizzare remdesivir somministrato per iniezione, e successivamente GS-441524 per via orale, per trattare i gatti con FIP. I dati di altre specie sono stati utilizzati per stimare la dose iniziale.

READ  MLC Laser Medical Center festeggia 11 anni con grandi innovazioni

Nuovo lavoro

Come risultato di questo studio, in Australia è stato pubblicato uno studio che raccoglie questa serie di casi per documentare la sopravvivenza e descrivere il decorso clinico dei gatti con FIP trattati con remdesivir somministrato per via parenterale in monoterapia, con o senza passaggio a GS-441524. Data l’importanza globale di queste opzioni terapeutiche negli animali da compagnia, la ricerca registra i cambiamenti clinicopatologici per un periodo di 6 mesi.

Il lavoro è stato svolto su segnalazioni per un totale di 28 gatti. Gli animali sono stati reclutati in modo prospettico tra maggio 2021 e maggio 2022. Da notare che gli autori dello studio non hanno escluso casi di malattia avanzata, poiché “era importante determinare l’efficacia del trattamento nell’intera gamma di presentazioni cliniche”.

Un totale di 5 gatti su 28 (18%) erano ematologici o morenti al momento dell’inizio del trattamento, ma 3 gatti hanno raggiunto la remissione e sono sopravvissuti per più di 6 mesi.

Ventiquattro gattini sono sopravvissuti fino a 6 mesi (86%). Tre gatti del gruppo di animali gravemente malati sono morti entro 48 ore. Escludendo questi, il tasso di sopravvivenza da 48 ore a 6 mesi è stato del 96% (24/25). La remissione è stata raggiunta al giorno 84 nel 56% (14/25). Tre gatti hanno richiesto un trattamento secondario per far riemergere la FIP.

Allo stesso modo, la remissione è stata raggiunta in tutti e 3 dopo dosi più elevate (15-20 mg/kg). Le reazioni avverse sono state occasionali fastidi al sito e irritazione cutanea con l’iniezione di remdesivir.

Alla luce di questi risultati, gli autori considerano “la somministrazione parentale di remdesivir e la somministrazione orale di GS-441524 trattamenti efficaci e ben tollerati per la FIP”.

READ  Anni di vita trascorsi da un medico e da un'infermiera in servizio

Anche se spiegano che “sebbene i gatti con malattia avanzata possano essere maggiormente a rischio di morte nelle prime 48 ore, la remissione può ancora essere raggiunta e vale la pena provare il trattamento”. Tuttavia, “sono necessarie ulteriori ricerche per migliorare la nostra comprensione della FIP per migliorare la durata del trattamento”.

cat.jpg

La remissione e la sopravvivenza a lungo termine sono state valutate in gatto con pif.

FVE e FECAVA collaborano per affrontare il trattamento della FIP

La Federazione dei veterinari in Europa (FVE) e la Federazione delle associazioni veterinarie europee per animali da compagnia (FECAVA) hanno recentemente organizzato un webinar per discutere le sfide e le opportunità associate al trattamento della peritonite infettiva felina.

Gli obiettivi principali del webinar erano aumentare la consapevolezza del Forum delle Isole del Pacifico, condividere le ultime scoperte e i progressi della ricerca, esplorare potenziali soluzioni alle restrizioni legali e promuovere un ambiente per una discussione aperta.

La FIP è causata da una mutazione nel coronavirus felino (FCoV) e fino a poco tempo fa i gatti infetti avevano opzioni terapeutiche limitate. Tuttavia, i promettenti risultati della ricerca hanno dato speranza perché “nuovi farmaci si sono dimostrati efficaci nel trattamento di questa malattia precedentemente fatale”. Sfortunatamente, “molti paesi non consentono ai veterinari l’opzione legale di utilizzare queste nuove opzioni terapeutiche efficaci”, hanno lamentato.

FVE e FECAVA sostengono con forza un aumento degli sforzi di ricerca per sviluppare efficaci vaccini FIP, esortando allo stesso modo i legislatori a “fornire ai veterinari un’opzione legale per curare i gatti affetti da FIP, come consentire l’uso di remdesivir o GS-441524”. Questo passaggio, ritengono, è necessario per garantire che i proprietari “non si sentano più obbligati a rivolgersi al mercato illegale nella loro disperata ricerca di cure salvavita per i loro animali domestici”.

READ  Il benessere nel tuo cervello: chiavi per attivare il materiale del piacere

Fontana: Alcuni