Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Estrarre energia solare dal deserto è una missione faraonica.  Questi sono i cavi sottomarini che promettono di trasportare

Estrarre energia solare dal deserto è una missione faraonica. Questi sono i cavi sottomarini che promettono di trasportare

E se riempissimo il deserto di pannelli solari? Non risolveremo i nostri problemi energetici? Le variazioni su queste domande sono molto comuni ma a volte la risposta non è facile. Finora non ci sono progetti che prendano in considerazione la conversione di vaste parti del deserto in fattorie solari, ma alcuni dei più grandi progetti esistenti sono in luoghi come il Sahara. Il problema ora è portare l’elettricità in Europa.

Riempire il deserto di pannelli solari sarà un business che dovrà affrontare molte sfide economiche, tecnologiche e ambientali (sì, deserti Non cessano di essere preziosi ecosistemi con aree popolate) e logistica.

La logistica che richiede questo tipo di progetto non solo per trasportare materiali in luoghi remoti del nostro pianeta, richiederà in seguito anche la trasmissione dell’energia elettrica ottenuta alle industrie e alle abitazioni in Europa. Oggi esiste una sola rotta operativa che collega le due sponde del Mediterraneo (nello specifico Spagna e Marocco), ma sono molte le iniziative che cercano non solo di ampliare questo contatto, ma anche di crearne di nuovi.

Di tutti i progetti, il più singolare è quello sviluppato da Xlinks per unire Marocco e Regno Unito. 3.800 chilometri di cavi, Circa 20 miliardi di euro In investimenti sono alcuni di questi numeri totali di progetti consegnati nel 2021.

I promotori di questo collegamento hanno stimato che i lavori possano iniziare già nel 2027 per essere completati qualche anno dopo, nel 2030. Il progetto non si basa solo sui trasporti, ma prevede anche un parco energetico che produca energia solare ed eolica e anche ha capacità di accumulo di energia.

READ  Nell'analizzare la futura sostituzione dell'Ariete, l'Italia prenderà in considerazione l'acquisto dei carri armati Leopard 2

Più a ovest, nel punto successivo dove Marie Noström Si possono trovare restringimenti per riunire Europa e Asia Due ulteriori progetti che collegheranno la Tunisia con Malta e l’Italia: tuNur E Elmed. Questi progetti pensano ad una serie di cavi che Unirà la Tunisia all’Italia Continentale direttamente attraverso Malta e la Sicilia.

Nel Mediterraneo orientale troviamo anche due progetti che mirano a unire Egitto e Grecia attraverso Cipro. Si tratta di GREGY INTERCONNESSIONE Basato su Il legame tra Europa e Asia.

GREGY INTERCONNESSIONE Viene introdotto nell’anno 2022 e contempla 1.373 chilometri di cavi sottomarini e implementato alla fine del presente contratto. Questo cavo sarà in grado di trasferire 3000 megawatt Tra i due continenti da fonti pulite in Egitto.

Il legame tra Europa e Asia Da parte sua, include anche Israele sul suo cammino. Questo progetto è stato introdotto nel 2021 e promette di essere il cavo più lungo e più profondo installato nel 2025. Con un budget di ca. 760 milioni di euro Finanziato in parte dall’Unione Europea, avrà una capacità di circa 2.000 megawatt.

percorsi alternativi

Esistono alternative a quella del “cavo fuso”, ma nessuna di esse sembra essere ben consolidata. L’idrogeno, ad esempio, richiederà la costruzione di infrastruttureForse più che posare reti via cavo: stazioni di trasferimento, gasdotti a idrogeno, porti…

Ci sono anche opzioni più tipiche della fantascienza, come il trasporto di energia elettrica in barca senza convertirla in idrogeno, come suggeriscono alcune aziende. Questa idea è stata suggerita altrove, ma se è corretta può essere applicata anche a questo contesto.

READ  La pericolosità degli alimenti ultra-lavorati, due nuovi studi confermano la loro relazione con lo sviluppo di tumori e malattie cardiovascolari

Piantare pannelli solari Tuttavia, i paesi africani non sembrano essere la soluzione migliore ai vincoli energetici dell’Europa Può aiutare a placare una domanda che non sembra essere soddisfatta. L’abbandono degli idrocarburi, non per inevitabilità ambientale ma per necessità geopolitica, ha colto di sorpresa il vecchio continente; La diffusione di questi progetti di interconnessione si spiega con questa circostanza.

Dovremo aspettare e vedere l’esito di queste connessioni. Nuove imprese possono basarsi sul loro successo, sia per procurarsi energia in Africa sia per trasportarla in Europa. I governi nordafricani sembrano aperti a questo nuovo modello di business, ma ci sono anche Ragioni per alcuni dubbi.

In primo luogo, poiché i rapporti commerciali tra Europa e Africa sono stati in passato, a dir poco, diseguali, c’è chi vede in questo tipo di commercio una reliquia del passato coloniale. C’è chi sostiene in questo senso che Paesi come l’Egitto e il Marocco dispongano già di reti elettriche che permettono all’energia estratta di raggiungere altri Paesi del Sud, con maggiori fabbisogni energetici ma senza capacità di competere sui mercati internazionali.

Un’altra considerazione per gli scettici ha a che fare con la politica. Gli sforzi europei per ridurre la dipendenza dei regimi autoritari dall’energia nel nostro Oriente possono concludersi con l’abbandono di questa dipendenza Altri sistemi soffrono di problemi simili. Questi progetti, per il prossimo futuro, saranno gradualmente eliminati. Non resta che attendere per vederne i frutti e come influiranno sulle relazioni economiche e politiche tra i due continenti.

A Xataka | Israele vuole che Internet passi dall’Europa all’Asia attraverso di essa. La tua arma sarà un grande cavo attraverso il Mediterraneo

READ  Santa Fe rafforza i suoi legami con le aziende biotecnologiche italiane

A Xataka | Se l’idrogeno verde vuole diventare più economico e avere successo, sai cosa puoi fare: utilizzare meno tracce di metalli.

Immagine | una pentola