Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ernia laparocele incarcerata: quale patologia intestinale ha operato papa Francesco?

Ernia laparocele incarcerata: quale patologia intestinale ha operato papa Francesco?

Lui Papà Francesco86 anni E che ieri mattina si è sottoposto alle visite mediche, è rientrato Gemelli di Romadove è stato operato oggi pomeriggio per a Intasamento intestinale Qualsiasi ostruzione che non consente il passaggio di cibo o liquidi attraverso l’intestino, a causa di a ernia incarcerata

Nel luglio 2021, A.J Pontefice, 86 anni, Ha trascorso 10 giorni nello stesso ospedale per due Operazione intestinale33 cm del colon sono stati rimossi. Anche se poco dopo Francisco Gli ha detto che si era ripreso e che poteva mangiare normalmente, in una recente intervista Agenzia di stampa presentato a gennaioE religioso Ha detto che il suo diverticolo intestinale era “tornato”

Spiega l’ernia Fabio Nachmann, Direttore del Dipartimento di Gastroenterologia dell’Ospedale Universitario della Fondazione Favaloro ed ex Presidente della Società Argentina di Gastroenterologia, È l’uscita dei visceri attraverso la parete muscolare addominale.

“In questo caso, quello che sicuramente è successo, poiché so che è stato operato per un blocco del diverticolo, è che il papa ha sviluppato un’ernia attraverso l’incisione muscolare dove si è avuto accesso nell’ultima operazione e ovviamente le anse intestinali (parte del magro) rimasto incastrato in quel foro.Lo specialista fa notare che questo intrappolamento non consente il reinserimento degli anelli nella cavità addominale e questo può causare ostruzione addominale.

Papa Francesco soffre di un’occlusione intestinale

Ramiro Heredia È un medico clinico presso l’Hospital de Clínicas e spiega che le ernie con queste caratteristiche possono essere una condizione grave. “Per un paziente di 86 anni con una storia medica nota di un papa, un intervento chirurgico importante e urgente come un’ernia incisionale intrappolata o intrappolata è una condizione potenzialmente grave. In queste malattie, c’è un’interruzione del normale passaggio intestinale perché parte dell’intestino entra in una perforazione, in questo caso, creata durante un precedente intervento chirurgico. Ciò provoca l’allargamento dell’intestino sopra l’ostruzione, che può causare dolore, flatulenza, nausea, vomito, febbre, diminuzione del passaggio di gas e/o feci in in alcuni casi anche forme diarroiche (ricorrenti), in altri”, argomenta Heredia.

READ  La presidente Dina Bolwart viene aggredita ad Ayacucho: l'hanno insultata e tirata per i capelli

In termini di intervento, Heredia spiega che un’ernia bloccata o intrappolata è un’emergenza chirurgica che richiede anestesia generale, intubazione tracheale e supporto respiratorio intraoperatorio. “Viene praticata un’incisione, viene visualizzato l’intestino colpito e viene valutato il significato dell’intestino ostruito. Una volta rilasciato da questa prigione, viene visto come si riprende o meno. Se non riacquista la sua normale vitalità, il chirurgo potrebbe essere necessario rimuovere quella parte scartata dell’intestino e ricollegare le parti “. Dopo che la parete addominale è stata chiusa e fissata, spesso con una rete, che è una protesi speciale che fornisce resistenza ai tessuti”, descrive lo specialista.

Il Santo Padre, al termine dell’udienza generale, si è recato all’infermeria Gemelli, dove si è recato nelle prime ore del pomeriggio Verranno sottoposti in anestesia generale a laparotomia e chirurgia plastica della parete addominale con una protesi”, ha annunciato dopo le 10 a Roma il portavoce pontificio, Matteo Bruni.

L’operazione, disposta nei giorni scorsi dall’équipe medica che assiste il Santo Padre, si è resa necessaria perché il prof ernia incarcerata che provocano sindromi sub-ostruttive dolorose ed esacerbanti ricorrenti”, ha aggiunto in una nota il direttore della sala stampa.

Ha concluso: “Il recupero nella struttura sana durerà diversi giorni per consentire il normale sviluppo postoperatorio e il pieno recupero funzionale”.

Questo era Il ricovero del Papa per la terza volta in due anni: A fine marzo è stato ricoverato d’urgenza per quattro giorni con una grave polmonite e il 4 luglio 2021 è stato operato per un problema intestinale, in un intervento programmato. In quel periodo è stato ricoverato per dieci giorni all’infermeria Gemelli.

READ  Sintesi della guerra tra Israele e Hamas per questo sabato 2 dicembre 2023
Ulteriori informazioni su The Trust Project