Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Enel raddoppia l’utile di settembre a 4.253 milioni di euro, battendo le previsioni

Enel raddoppia l’utile di settembre a 4.253 milioni di euro, battendo le previsioni

Madrid, novembre. 7 (Stampa Europa) –

Enel ha registrato nei primi nove mesi dell’anno un utile netto di 4.253 milioni di euro, che rappresenta un aumento del 141,9% rispetto a 1.758 milioni di euro dello stesso periodo dell’anno precedente, ha riferito martedì la società.

Tuttavia, i ricavi dell’azienda energetica italiana, maggiore azionista dell’azienda elettrica spagnola Endesa, che detiene il 70% del suo capitale, hanno raggiunto a fine settembre 69.534 milioni di euro, in calo del 34,1% rispetto allo stesso periodo nel 2022. .

Suddiviso per area, il fatturato è stato di 28.779 milioni di euro, dopo che la produzione convenzionale e il marketing globale sono diminuiti del 49,9%. Il segmento Reti perde il 2,4% a 15.192 milioni di euro, mentre EGP vede i suoi ricavi aumentare del 22,8% a 7.996 milioni di euro.

Inoltre, la divisione Retail ha generato 37.526 milioni di euro ed Enel X 1.341 milioni di euro. Queste cifre sono inferiori rispetto al 23,1% e al 22% registrati dodici mesi fa. Quindi, i servizi e altri settori hanno trattenuto 21,3 miliardi di euro dall’importo, ovvero il 13,3% in meno rispetto allo stesso periodo del 2022.

Per quanto riguarda la provenienza dei ricavi, l’Italia, il principale mercato di Enel, ha fruttato all’azienda energetica 35.044 milioni di euro, il 46% in meno, mentre il secondo mercato più importante, l’Iberia, ha generato 19.181 milioni di euro, il 21,9% in meno.

Già in America Latina Enel ha realizzato ricavi per 13.881 milioni di euro, in calo del 4,2%. Per il Nord America, i ricavi sono diminuiti dello stesso tasso (4,3%) a 1.398 milioni di euro. A questa cifra vanno aggiunti contributi minori rispettivamente di 179 e 59 milioni di euro per Africa, Asia e Oceania e il resto d’Europa.

READ  Ondata di caldo 'Lucifero' colpisce l'Italia, 48,8 gradi Celsius registrati in Sicilia

Nei mesi di gennaio e settembre i costi operativi di Enel sono stati pari a 57.360 milioni di euro, in calo del 43,5%, incluso un ulteriore impatto negativo di 2.339 milioni di euro dovuto ai prezzi delle materie prime. Complessivamente l’utile operativo è stato pari a 9.835 milioni di euro, in calo del 62,1%.

Il risultato operativo lordo (Ebitda) a fine periodo è stato pari a 15.220 milioni di euro, in aumento del 23,5% rispetto ai precedenti 12.327 milioni di euro. Da parte sua, l’Ebitda normalizzato di Enel è stato pari a 16.386 milioni di euro, in crescita del 29,3%.

L’indebitamento finanziario netto di Enel alla fine dei mesi analizzati ammontava a 63.312 milioni di euro, superiore del 5,4% rispetto ai 60.068 milioni di euro di fine 2022. L’azienda italiana contava 65.212 dipendenti, una cifra molto vicina ai 65.124 dipendenti del 20 dicembre.

Predizioni

Il gruppo ha migliorato la guidance annunciata ai mercati finanziari nella presentazione del piano strategico 2023-2025, con un target di Ebitda modesto nel 2023 compreso tra 21.500 e 22.500 milioni di euro rispetto a 20.400 e 21.000 milioni di euro.

Da parte sua, il risultato netto normalizzato si colloca tra 6.400 e 6.700 milioni di euro, rispetto ai 6.100 e 6.300 milioni di euro precedenti.