Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Elezioni in Cile: i cileni puniscono i partiti politici per aver eletto i propri elettori | internazionale

I funzionari stanno contando i voti a Santiago, in Cile, questa domenica.EFE

Conferenza costituzionale cilena, che sarà formulata La nuova carta di base A partire dal prossimo mese, sarà caratterizzato dalla diversità e con poca influenza dei partiti tradizionali e delle grandi coalizioni. Con quasi il 90% dei seggi elettorali esaminati a livello nazionale, gli indipendenti avrebbero potuto assicurarsi 30 dei 155 seggi nell’Assemblea costituente, cosa che nessuno si aspettava. Il diritto del presidente al potere Sebastian Pinera Ha subito una pesante sconfitta. Nonostante fosse al fianco del Partito Repubblicano, dall’estrema destra, non è arrivata al terzo dell’accordo, necessario per poter negoziare le regole della nuova costituzione: lui avrebbe solo 39 seggi, secondo ha calcolato che la domenica sera cambia con i minuti, anche se le servivano almeno 52 minuti. Il centrosinistra unito nella lista di approvazione – che comprende gran parte della Concertación, che ha governato il Cile tra il 1990 e il 2010 – avrebbe 25 tradizionali, anche in basso a sinistra della lista, sono d’accordo con Dignidad, composta dai comunisti e dai Ampio fronte, che è stato lasciato con 28 seggi in Conferenza.

In Cile, questo fine settimana si sono svolte quattro elezioni: le tradizionali elezioni per i governatori regionali e municipali (per sindaci e consiglieri). Ma quello dell’elettorato è stato il più importante per le sue implicazioni per le sorti del Paese: sarà nelle mani dei 155 membri dell’accordo redigere la nuova carta di base, che sostituirà quella attuale. Nato nel 1980, in una dittatura Augusto PinochetHa una cinquantina di riforme, la maggior parte delle quali dalla fine del regime militare e del governo Ricardo Lagos (2005). Quando lo scoppio sociale ha messo alla prova la democrazia cilena nell’ottobre 2019, la classe politica ha presentato il percorso fondamentale come l’unico modo per dirigere istituzionalmente le richieste sociali.

L’accordo di fondazione sarà diversificato, quindi la conclusione degli accordi dovrebbe essere complessa. Le stime delle settimane precedenti indicano che gli indipendenti vinceranno tra gli otto ei 16 seggi, alla luce delle difficoltà nell’ottenere partecipazioni in un sistema che distingue le liste all’interno dei partiti. A causa delle difficoltà, molti candidati senza membri hanno scelto di correre con il sostegno di vari gruppi, quindi il numero di membri tradizionali che non devono rendere conto a grandi partiti e coalizioni potrebbe essere più alto.

READ  Google Pay: risparmia, paga e gestisci

Il presidente Sebastian Pinera, de La Moneda, con il sostegno del suo gabinetto, ha dichiarato: “I cittadini ci hanno inviato un messaggio chiaro e forte, sia al governo che a tutte le forze politiche tradizionali: non stiamo aderendo adeguatamente alle loro richieste e desideri. . ” La destra è stata profondamente ferita. Non solo non ha raggiunto un terzo dell’accordo, che lo lascia in una situazione impossibile, ma ha anche perso comuni importanti, come Maipo, Stazione Centrale e Viña del Mar. Nel frattempo, il Partito comunista escludeva il sindaco di Santiago, il proprietario del più grande simbolismo.

In una giornata ancora aperta – l’una di notte in Cile, Cerville non riporta ancora i candidati “eletti” – le elezioni si sono svolte in modo impeccabile, come è consuetudine nel paese sudamericano. Furono convocati circa 14,9 milioni di cittadini Eleggere i 155 redattori della nuova costituzione, che formeranno un corpo comune tra uomini e donne con 17 seggi riservati alle popolazioni indigene. Gli elettori dovevano anche scegliere i governatori distrettuali e le autorità municipali (sindaci e consiglieri). È stato un voto complicato, che ha raccolto quattro voti e una sfilza di candidati. È anche la prima volta che un paese latinoamericano ha designato due giorni di votazioni La pandemia COVID-19Il che ha cambiato le abitudini degli elettori, votava solo la domenica. Sabato le forze armate e la circoscrizione elettorale (Cervel) hanno assicurato i seggi elettorali, senza che si registrino incidenti.

Il cambiamento della costituzione è stata una risposta alla classe politica dei cittadini nel mezzo delle rivoluzioni del 2019, quindi una bassa affluenza alle urne implica un coinvolgimento minimo delle persone in questa uscita istituzionale. Secondo le proiezioni, voterà circa il 40% della popolazione di 14,9 milioni di persone. Da un lato, è un contesto negativo: nel mezzo di una pandemia con 37.617 casi attivi, una crisi economica sta rendendo difficile anche pagare i mezzi pubblici per andare in luoghi spesso lontani da casa e ritardarlo. Le elezioni (originariamente previste per aprile) e la difficoltà del processo con quattro votazioni simultanee.

READ  Eroe: un cane ha salvato il suo proprietario da un serpente velenoso

La partecipazione preoccupa autorità ed esperti, soprattutto per quanto riguarda la legittimità del processo fondativo, che riorganizzerà il Cile. Si tratta di b Le elezioni più importanti nella storia cilena moderna. C’è stata una dimostrazione di candidati senza precedenti. Alla luce della debole legittimità del partito, il 68% dei candidati alla conferenza non appartiene a nessuna comunità. Nel frattempo, non c’è confronto tra i tassi di vaccinazione in America Latina. A partire da venerdì, 9.006.139 persone sono state vaccinate con la prima dose e 7.457.662 con le due dosi, ovvero il 49,1% della popolazione target. A partire da lunedì riprenderà l’immunizzazione delle persone sane sui 30 anni.

“Al di là dei risultati, l’importante è che ci sia un buon livello di partecipazione, idealmente almeno del 51% – simile al referendum di ottobre – con una buona distribuzione geografica, secondo i livelli socioeconomici”. Daniel Zovato pensa, Direttore regionale per l’America Latina e i Caraibi presso International IDEA, un’organizzazione intergovernativa che ha analizzato lo svolgimento delle elezioni nel contesto di una pandemia. Per Zovato questo traguardo “non sembra per niente facile”. “Ci auguriamo che ciò venga raggiunto per dare una buona base di legittimità al processo di fondazione, perché la costituzione deve includere tutti”, afferma il politologo, che ritiene che “il Cile dovrebbe seriamente e con urgenza considerare di reimporre il voto obbligatorio” .

Con il sondaggio volontario implementato nel 2012, la partecipazione è diminuita dall’87% nel 1989 a un minimo record del 36% nelle penultime elezioni municipali del 2016. Nel referendum costituzionale dello scorso ottobre, L’80% ha scelto di modificare l’attuale costituzione e la partecipazione è stata del 50,91%. Nonostante l’importanza del referendum di sette mesi fa, la metà dell’elettorato successivo ha scelto di non votare. In generale, tuttavia, Zovato sottolinea che il Cile ha implementato “un’innovazione di successo in America Latina con una doppia giornata elettorale consecutiva”.

READ  Il Gruppo dei Sette principali nazioni ha accettato di donare un miliardo di vaccini e ha chiesto un'indagine "trasparente" in Cina sulle origini del COVID-19.

Con la conferenza di fondazione che inizia a giugno, il Cile si ridefinirà sulle questioni centrali. La commissione discuterà del suo sistema politico e del sistema di governo, perché c’è un certo consenso sul fatto che il sistema presidenziale cileno – esacerbato – abbia mostrato carenze con le rivoluzioni dell’ottobre 2019. Discuterà di decentralizzazione e regionalizzazione, in uno stato unificato e fortemente centralizzato nella capitale, come il Cile. 155 componenti Devono concordare su varie questioni relative alle popolazioni indigene, come il loro esplicito riconoscimento nella costituzione o nella pluralità delle nazioni. Si tratta di una questione centrale, visti i problemi del rapporto storico tra il popolo mapuche e lo Stato cileno che hanno portato la regione dell’Araucanía a un’escalation di violenza. L’organo costituente discuterà il modello di sviluppo economico, il destino di istituzioni come la Corte costituzionale, il modello statale – i diritti economici e sociali sono dibattiti accesi – e questioni particolarmente sensibili ai mercati, come l’indipendenza della banca centrale.

Uno degli aspetti che preoccupano in questo momento in Cile è questo Ancora una volta la partecipazione è diminuita nei comuni poveri e popolari. E a La Bentana, a sud della capitale, sabato la partecipazione è stata del 13,69%. A Vitacura, uno dei paesi più ricchi, il dato è del 41,31%. Se il percorso fondamentale non richiede i deboli in Cile, sarà molto complesso che la nuova costituzione sia la base del nuovo patto sociale di cui ha bisogno la nazione latinoamericana.

Iscriviti qui per me le notizie Da EL PAÍS América e ricevi tutte le chiavi per le informazioni sulla situazione attuale nella regione.