Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Elena Ferrante: La misteriosa identità dell’autrice di The Lost Daughter

Il 31 dicembre la figlia scomparsa È arrivato su Netflix come uno dei film più emozionanti dell’anno. Il film è la prima apparizione di un film Maggie Gyllenhaal Come regista e in diversi festival, il film ha ottenuto il plauso della critica come una delle produzioni più rilevanti del momento, vincendo anche il premio per la migliore sceneggiatura alla recente Mostra del cinema di Venezia.

Ora si sta dirigendo verso la stagione dei premi mentre cerca di brillare in palline d’oro E intrufolandosi nelle nomination finali degli Oscar, il lungometraggio riapre le porte alla spiritualità non solo dietro il libro a cui è stato ispirato, ma anche dietro l’autore della storia: il misterioso Elena Ferrante.

Olivia Colman in La figlia perduta / Foto: Netflix

la figlia scomparsa

Sapevamo già lavorare Maggie Gyllenhaal Come attrice riconosciuta è stata una piacevole sorpresa vederla dietro la macchina da presa come regista che dovremo seguire da vicino in futuro. la figlia scomparsa È la sua presentazione come regista, ed è stata ben accolta dopo essere stata presentata in vari festival.

Ma il film non funziona solo grazie alla meravigliosa guida della donna che lo governa; Dobbiamo anche sottolineare la massiccia interpretazione di Olivia Colman Onestamente, non sorprende che ci abbia sorpreso per la qualità della sua performance. Dai trailer possiamo già assaporare un pezzo di terra pieno di tensione e Joe non si sente per niente calmo.

L’eccitazione psicologica, dopo tutto, evoca aL’ossessione e i demoni del passato della protagonista come motore principale della sua discussione. Molta sostanza, senza dubbio.

Olivia Colman suscita la tensione nel trailer di The Lost Daughter

Foto: Netflix.

La regia di Gyllenhaal e la performance di Coleman sono la scommessa perfetta che era necessaria per adattarsi Figlia delle tenebre (titolo originale) romanzo del 2006 di Elena Ferrante Di cui Maggie ha acquisito i diritti nel 2018. Nel complesso, il libro ci mostra una storia ComandoUna donna di mezza età divorziata che ha deciso di prendersi una vacanza estiva.

READ  Biglietti Coldplay Argentina 2022: prezzi e quando saranno in vendita

Tutto sembra calmo fino a quel momento, mentre lui sembra rilassato. Ma man mano che la storia va avanti, ci ritroviamo a vivere una vita tormentata dove la maternità è messa in discussione e come abbiamo detto, ossessioni e legami del passato e Altri dettagli rivelano le caratteristiche più impressionanti del nostro eroe.

A causa di quel personaggio misterioso che sia il film che il romanzo sentono, l’identità mitica ma sconosciuta dell’autrice stessa viene messa sul tavolo, Già citato da Elena FerranteCome uno dei misteri più emozionanti della letteratura contemporanea.

Elena Ferrante

Misticismo, mistero, anonimato e altro… Fa tutto parte di lei -o meglio, della sua intangibile personalità- Elena Ferrante. Come indicato dai vari media, della scrittrice sappiamo solo ciò che ha deciso di rivelare alla luce del pubblico, e si tratta generalmente di cose molto basilari. C’è anche chi si chiede se l’uomo dietro la penna.

Si sa che il misterioso scrittore era italiano, nato a Napoli. Quindi nel 2022 compirà 79 anni…. O almeno questi sono i dati concreti trovati su Internet. Comunque, giusto per chiarire, “Elena Ferrante” è solo un soprannome. I suoi primi romanzi hanno avuto negli anni maggiori ripercussioni nel mondo, ma sin dalla loro pubblicazione è possibile notare la qualità dei suoi racconti, sempre tendenti al Verso il femminismo, la maternità e il rapporto della donna con il suo ambiente e altro ancora.

Elena Ferrante: La misteriosa identità dell'autrice di The Lost Daughter

Copertina di “Amore fastidioso”. Foto: E/O.

Il suo primo lavoro è stato amore fastidioso dal 1992 (amore preoccupante nel titolo originale), si qualifica come una delle sue opere maggiori pur non esagerando nella vendita delle copie. Tuttavia, questo è stato il suo primo romanzo ad essere adattato per il cinema, con una parte italiana del 1995 conosciuta come amore malvagio il amore preoccupante in diversi paesi.

È anche noto che fin dalla prima pubblicazione, Ha chiesto di non essere identificata a nessun costo. Così, come abbiamo detto attraverso questo testo, il misticismo della celebre scrittrice crebbe, soprattutto quando nel XXI secolo iniziò a pubblicare con frequenza i suoi romanzi (tra il primo e il secondo libro passarono quasi 10 anni, giorni dell’hijra 2002).

READ  Bambita ha rivelato come stabilisce i limiti per i suoi figli: "Dico loro 'Penserai, 'Mi hanno detto che dovrebbe essere un minuto per ogni età'"

Un altro aspetto strano è che, in effetti, pochi sanno chi c’è dietro lo pseudonimo di Elena Ferrante. In questo senso, le uniche persone veramente certe della sua identità sono Sandra e Sandro Ferrypresidenti e fondatori Versione E/O.L’editore con cui la scrittrice ha lavorato per tutta la vita… E per rispetto dei tuoi desideri, hanno mantenuto il segreto della tua vera identità.

Legame con Anita Raja

Dopo il 2006 è stato pubblicato Figlia delle tenebre (Il libro che ispira la figlia scomparsa) E nel 2011 la prima parte del noto poema epico “I due amici”, La popolarità di Elena Ferrante è aumentata vertiginosamente. Da lì, la leggenda della sua identità iniziò a fare più rumore non solo nella comunità letteraria italiana, ma nel mondo intero.

E così, mettiamola in qualche modo, è iniziata la ricerca dell’identità di Ferrante. L’indagine più approfondita è stata condotta dal giornalista Claudio Gatti Lì nel 2016. Secondo New York TimesGatti ha trovato alcuni documenti finanziari e alcune caratteristiche letterarie per affermare che Elena Ferrante era in realtà una donna di nome Anita Raja |.

Elena Ferrante: La misteriosa identità dell'autrice di The Lost Daughter

Anita Raja alla conferenza. Foto: cattura di YouTube.

Chi è Anita Raja? Discendente di un ebreo di origine polacca e di un uomo di Napoli, Anita Raga è nota soprattutto per essere una traduttrice di spicco all’interno del circolo letterario italiano, portando in italiano molte opere di molti famosi autori tedeschi (il suo rapporto con la Germania è molto vicino al suo famiglia materna che viveva nella Germania nazista).

In generale, Gatti afferma nel suo articolo che il reddito finanziario di Raja non corrisponde al reddito del traduttore. Un altro dettaglio è che Anita ha fatto traduzioni appositamente per la casa editrice E/O, per la quale la misteriosa Elena Ferrante ha lavorato per tutta la vita. La ricerca indica solo la possibilità senza confermarla.

Elena Ferrante: La misteriosa identità dell'autrice di The Lost Daughter

Anita Raja. Foto: cattura di YouTube.

Altre possibilità dietro l’identità di Ferrante

Per la teoria che Anita Raga sia Elena Ferrante, c’è un altro collegamento con suo marito, Domenico Starnone. Dal 2005 ad oggi, diversi analisti italiani hanno trovato presunte somiglianze tra scrittura, prosa e altri dettagli tra le opere di Starnone e Ferrante. Di conseguenza, è stato ipotizzato che le opere del misterioso autore Sarà un lavoro congiunto di Raja con il marito Domenico di cui sopra.

READ  Corona virus, l'Italia revoca il coprifuoco perché la Russia è preoccupata per la versione Delta

Ovviamente hanno negato e così hanno fatto i vertici della casa editrice E/O, che hanno chiesto esplicitamente di mettere da parte le speculazioni. Qualche anno fa, il mistero si credeva risolto quando sui social è apparso un post in cui Raja avrebbe ammesso la sua identità di Ferrante, ma non era altro che una bufala. Tommaso Dipendenti, che in ambito giornalistico si è autodefinito “l’eroe italiano delle bugie” (sì, suona strano, ma è vero).

Elena Ferrante: La misteriosa identità dell'autrice di The Lost Daughter

Domenico Starnone, scrittore italiano e marito di Anita Raja. Immagine: Getty.

Poiché la teoria di Raja e Starnone non è stata confermata, altre idee – anche non confermate – suggeriscono che Elena Ferrante possa essere stata l’autrice. Marcella Marmo o gli scrittori Michel Briscoe, Erie de Luca e Giuffredo Fovi, eccetera. Ma la storia e il misticismo dietro l’identità di Ferrante non scompaiono…. E francamente, non sembra essere risolto.

“Quello che mi interessa di più è mantenere uno spazio creativo che sembra pieno di possibilità, comprese le tecniche. L’assenza strutturale dell’autore ha un’influenza sulla scrittura che vorrei approfondireElena Ferrante ha dichiarato al New York Times in un’intervista via e-mail (come tende la maggior parte delle sue dichiarazioni) nel 2014. Sapremo chi c’è dietro la persona? la figlia scomparsa Di fatto? Solo il tempo lo dimostrerà, se lo scrittore vorrà.

Vuoi più dati sui film basati sui libri? Qui parliamo dell’ispirazione dietro vicolo da incubo di Guillermo del Toro.

Questa è stata la vera ispirazione dietro “Nightmare Alley” di Guillermo del Toro