Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ecofin rilascia i primi 50.000 milioni di aiuti europei per la ripresa | Economia

Appena una settimana dopo che la storica società ha accettato di varare un regime di aiuti senza precedenti finanziato da emissioni di debito congiunto, il Consiglio europeo ha compiuto un passo alla volta per poter annullare il pagamento dei primi 50.000 milioni di euro prima dell’anniversario dell’euro. L’Unione europea deve uscire più forte dalla crisi del COVID-19. L’Ecofin, la riunione dei ministri dell’economia e delle finanze dell’Unione europea, ha dato ieri l’approvazione definitiva ai piani di rilancio presentati da decine di Stati membri per accedere agli aiuti, tra cui la Spagna, che si appresta a ricevere il primo pagamento di 9000 milioni.

L’Unione Europea fa così il primo passo sulla strada della distribuzione di 750.000 milioni di euro agli Stati membri tra il 2021 e il 2026, la Spagna aspira a riceverne circa 140.000 milioni tra sussidi – che non dovrà pagare – e prestiti agevolati. Al momento lo Stato ha chiesto solo trasferimenti diretti per 69.500 milioni di euro e comincerà a chiedere sostegno attraverso prestiti dal prossimo anno per coprire voci specifiche come la nuova ERTE.

L’approvazione da parte del Consiglio europeo del Piano di ripresa, trasformazione e resilienza della Spagna, un compendio di duecento riforme e investimenti per far uscire il Paese dalla pandemia più forte di quanto è entrato, presuppone la sua approvazione definitiva dopo che è già stato approvato. Ricevuto da Bruxelles.

“Dopo l’approvazione da parte del Consiglio del piano di rilancio spagnolo, può iniziare il finanziamento della prossima generazione dell’Unione europea”, ha annunciato sul suo account Twitter la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, sottolineando che i fondi sarebbero stati utilizzati “per realizzare un’economia più verde”. , paese digitale e meglio preparato per il futuro.” .

READ  Glovo accumula più di 300 forzieri aperti nel mondo

Il capo del governo, Pedro Sanchez, ha detto allo stesso modo che “in poche settimane riceveremo i primi 9000 milioni di fondi europei”. “Ci stiamo muovendo verso la ripresa favorendo le trasformazioni di cui la Spagna ha bisogno”, ha aggiunto.

Questo importo è il primo pagamento che la Spagna riceve da fondi precedentemente concessi. Da lì, lo Stato riceverà pagamenti semestrali in base al raggiungimento degli obiettivi fissati nel piano, che includono riforme come il lavoro, le tasse o le pensioni. Il governo aspira a ottenere un secondo pagamento di 10.000 milioni entro la fine dell’anno, aggiungendo 19.000 milioni nell’intero anno, e ottenere il resto delle sovvenzioni entro la fine del 2023. In ogni caso, i bilanci generali del Gli Emirati Arabi Uniti 2021 consentono già al governo di fornire, a titolo di debito, circa 26.000 milioni quest’anno.

Il piano è stato approvato solo quando il nuovo amministratore delegato spagnolo, a seguito dei nove trasferimenti di portafoglio e dell’ingresso di sette nuovi membri del gabinetto che ha generato la crisi di governo annunciata sabato da Sanchez, convoca il suo primo governo. La portavoce del nuovo governo e capo della politica regionale, Isabel Rodriguez, ha celebrato la “coincidenza” che l’approvazione definitiva del piano di risanamento arrivi in ​​occasione della prima presentazione dei nuovi ministri, a cui il presidente ha affidato il compito di guidare l’uscita. dalla crisi.

Rodriguez Sanchez ha rivelato di essersi posto “un chiaro obiettivo di prendersi cura della ripresa economica, delle persone che hanno sofferto la cosa peggiore della crisi” e di sfruttare le “risorse” che l’Unione Europea metterà a disposizione. “Sentiamo un grande sostegno dalla maggioranza degli spagnoli che vogliono voltare pagina in questi tempi difficili”, ha detto la portavoce, aggiungendo che il governo “ha la volontà della società e la partecipazione del settore economico e commerciale” per attuare la ripresa. Piano.

READ  L'accesso alla rete elettrica soffoca la Spagna | un lavoro

Distribuzione per paese

Parallelamente, il Consiglio ha dato il via libera ai piani presentati da Germania, Austria, Belgio, Danimarca, Slovacchia, Francia, Grecia, Italia, Lettonia, Lussemburgo e Portogallo. Ciascuno di loro avrà ora accesso a prefinanziamenti fino al 13% dell’importo dei sussidi e dei prestiti che gli corrispondono, il che significa che quasi 50.000 milioni saranno immessi nell’economia europea entro poche settimane.

L’Italia sarà il Paese che beneficerà maggiormente di questi sviluppi. Nonostante riceverà anche 9.000 milioni di anticipo rispetto ai 68.900 milioni di sussidi che le corrispondono, Roma ha chiarito di volere anche 122.600 milioni di prestiti, di cui riceverà un acconto di 15.900 milioni, aggiungendo così un iniziale esborso di 24.900 milioni.

seguono Spagna e Francia (con 5.100 milioni in anticipo sui sussidi); Grecia (2300 in rimesse e 1700 in crediti); Germania (2.300 aiuti); e Portogallo (1.800 aiuti e 351 finanziamenti). In totale, l’Unione Europea metterà a disposizione quest’estate 49.944 milioni: 31.994 milioni in sussidi e 17.951 altri crediti.

In attesa che Commissione e Consiglio finiscano di analizzare i piani del resto dell’Unione Europea, questi sviluppi sono chiamati a ribellarsi alla ripresa della pandemia, permettendo di pompare denaro nell’economia reale finché i paesi beneficiari hanno la canali necessari e sono pronti a farlo “in modo rapido e adeguato”, come ha chiesto ieri il vicepresidente della Commissione economica, Valdis Dombrovskis.