Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“È stato difficile per me accettare la sconfitta del Sant Jordi”.

“È stato difficile per me accettare la sconfitta del Sant Jordi”.

Lleyton HewittÈ il campione della Coppa Davis nel 1999 e nel 2003, e finalista nel 2000 e nel 2001, come finalista per la squadra nazionale australiana di Coppa Davis. In vista della finale contro l’Italia di Jannik Sinner, il numero uno ha incontrato Marca per parlare della sua squadra, dell’assenza di Kyrgios e del promettente futuro del figlio Cruz.

Chiedo. Non raggiungevano due volte la finale di Coppa Davis dal 2001.

Risposta. È sempre complicato perché ci sono tante nazioni e, indipendentemente dal fatto che vinciamo o meno il titolo, sarò soddisfatto del lavoro dei ragazzi. Abbiamo ancora un ultimo sforzo per provare a vincere.

D: Vedi riflesso lo spirito di squadra che avevi da giocatore?

R. Assolutamente, questo è ciò che mi rende più orgoglioso. Fanno tutto quello che io e gli altri allenatori chiediamo loro. Meritano i risultati che ottengono.

D: Ti manca Nick Kyrgios in squadra perché con lui saranno più forti?

R. non necessariamente. I giocatori qui lavorano molto bene in gruppo, si motivano ogni giorno in allenamento e questo si riflette anche nelle partite. Non potrei essere più felice con i tennisti qui. Per vincere la finale devi esserci, e noi ci siamo.

La squadra più forte con Kyrgios? non necessariamente

Domanda: Da quando ti sei ritirato, l’Australia non ha avuto un giocatore di ‘primo livello’, o qualcuno in grado di vincere un ‘Grande Slam’. Perché?

R. Non lo so. È vero che Nick (Kyrgios) era vicino ma non è intervenuto del tutto. Alex adesso bussa anche alle porte della “Top Ten” e ci sarà sicuramente anche in futuro.

READ  ◉ BOCA TODAY: La nuova data per suonare con Newell's, i lavori a La Bombonera e le ultime novità

Domanda: Hai giocato quattro finali di Coppa Davis, la partita al Palau Sant Jordi è stata la più complicata a causa del terreno e dell’ambiente contro di te?

R. Sì forse. Quando giocavi fuori casa era sempre più difficile perché non sceglievi la superficie, ma allo stesso tempo amavo quel tipo di sfida quando ero giocatore. È stata una sconfitta dura e per me è stato difficile accettarla. Ma allo stesso tempo sapevo di aver dato tutto quello che potevo per vincere, e quando mi guardo indietro mi sento altrettanto orgoglioso.

D: Quali sono i tuoi primi ricordi della Coppa Davis?

R. Soprattutto il primo anno in cui abbiamo vinto, nel 1999, perché era il mio primo nel circuito professionistico.

Mio figlio Cruz non sta male, siamo diversi

D: Sembra che tuo figlio Cruz, 14 anni, seguirà le tue orme visti i buoni risultati che sta ottenendo nelle categorie inferiori. Ti vedi riflesso in esso?

R. Non lo sta facendo male. Penso che siamo diversi. È bello vederlo divertirsi facendo esercizio. Il tennis è uno sport bellissimo e mi piace fare a modo suo.

D: Sei un padre e lo è anche il tuo allenatore?

R. No, ha il suo allenatore.

Domanda: Ti piacerebbe averlo sotto di te un giorno come capitano australiano della Coppa Davis?

R. Vediamo e aspettiamo, anche se sarà un po’ difficile da gestire.

Novak Djokovic ha vinto tre tornei del Grande Slam all’età di 36 anni. Sei sorpreso?

R. È incredibile e impressionante ciò che fa nel tennis e nel mondo dello sport per mantenere questo livello. Fa tutto ciò che è in suo potere per avere sempre il suo corpo in perfette condizioni.

READ  Fa sempre la stessa cosa: Lionel Messi ha fatto scontrare i rivali e scatenato polemiche sui social