Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È possibile far uscire la Spagna dagli ultimi posti in Eurovision?

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 maggio 2021-11: 02

Javier Herrero.

Rotterdam (Paesi Bassi), 21 maggio (EFE). Negli ultimi dieci anni la Spagna è diventata un vicino regolare degli ultimi posti in Eurovision 2021, mentre alcuni dei suoi vicini, come l’Italia, la Francia o il Portogallo, stanno combattendo per i primi posti. Gli esperti parlano di Efe: cosa si può fare per scendere dal fondo di un pozzo?

All’European Song Contest più famoso al mondo, una media di 41 paesi partecipano ogni anno (39 di questa versione), ma “le dieci canzoni che piacciono di più a tutti ottengono punti, e questo è fondamentalmente quello che ci succede”, egli inizia chiamando Victor Escudero, l’editore del sito ufficiale del Festival.

L’obiettivo è avere un filtro che duri nella memoria in modo che non esca dal tabellone a scapito dell’elemosina. Inizia con alcuni risultati degni di nota che evocano un flusso di credibilità che fa apprezzare ogni nomina con occhi diversi, come ottenuto da Bulgaria, Russia o Svezia.

“In Svezia, abbiamo anche sentito per molti anni che non c’era modo di ottenere un buon risultato, e mentre stavamo ancora cercando le ragioni, abbiamo improvvisamente vinto con Lauren e le cose hanno iniziato ad andare bene”, ha detto Martin Osterdahl, presidente del festival come CEO.

Con anni di esperienza nell’organizzazione del Melodifestivalen (un fenomeno televisivo in Svezia che lavora alla selezione della canzone dell’Eurovision), insiste sul fatto che “tutti i paesi possono farsi carico del proprio destino nella competizione lavorando con le squadre nazionali, con la produzione del festival … e gli schemi che portano alla vittoria cambiano “dal tempo”.

READ  + Coronavirus oggi: il Regno Unito terrà un incontro virtuale per incoraggiare l'adozione globale di vaccini + | Il mondo | DW

“L’Eurovision è una gara. Ci sarà sempre un vincitore e tutti gli altri saranno perdenti di varie misure”, dice Escudero, ma non essere superato nell’ultimo decennio dal 21 ° posto più di due volte “fa pensare se ha fatto qualcosa. sbagliato dall’alto nello scegliere le canzoni. “

Il primo obiettivo: la canzone.

Con l’eccezione di casi recenti come il caso Bari o Mickey Nunez, la Spagna tende a scommettere sugli interpreti più che sulle canzoni ed è sempre sotto l’idea di “cos’è l’Eurovision”. RTVE lo fa quando seleziona internamente il suo candidato (Pastora Soler, Edurne o Blas Cantó) e il pubblico lo fa quando è in grado di scegliere (Amaia e Alfred sull’account “Lo malo” di Aitana e Ana Guerra).

“La chiave non è la stessa nell’artista, perché in questo senso possiamo essere felici”, dice Escudero, che “deve continuare a sperimentare gli stili”, specialmente quelli che lavorano nella musica spagnola sul mercato internazionale. “Il giorno in cui ci alzeremo potrebbe essere troppo tardi”, avverte.

Anche José Garcia, del sito di riferimento Eurovision-Spagna, è di questa visione, ed è anche impegnato a lasciare il progetto Eurovision ad “altri professionisti altamente qualificati” di RTVE che possono svilupparlo “con standard e visione, sapendo cosa può funzionare e rappresentano la musica attuale, non solo la più commerciale, ma ciò che viene fatto in Spagna in modo distintivo.

Strategie per comunicare con il pubblico.

Il giornalista, che indossa, ad esempio, un dispositivo elettronico come quello di Taxungueiras (si veda l’argomento “Midas”), sta valutando professionisti legati ad altri marchi di RTVE come Playz, il portale di contenuti digitali rivolto alla Generazione Z, o Radio3, la stazione di musica alternativa Con distinzione in Spagna.

READ  “Il cibo stimola i nostri sensi e ci unisce sia per cucinare, mangiare o festeggiare”

Scommette: “Dato che non abbiamo un Festival della melodia come la Svezia o Sanremo come l’Italia, inventiamoci altre formule, come fanno le altre delegazioni”.

Garcia è l’autore di un recente articolo che analizza come la delegazione bulgara abbia costruito il suo successo affidando la candidatura a un team creativo esterno presentando le sue proposte ai cosiddetti “focus group”.

“Devi venire all’Eurovision con qualcosa che è stato testato e sai che funziona con un pubblico diverso. È essenziale non lasciare la selezione delle canzoni al caso o ai capricci di qualcuno o fornire servizi ad autori, produttori o case discografiche, “conferma.

Amministrazione RTVE.

In un’intervista a Efe, il capo della delegazione spagnola all’Eurovision ha confermato che le decisioni di RTVE sono prese da un team interno composto da diversi reparti ma “dipende più dall’industria dell’intrattenimento”, anche se, come è noto, alcuni professionisti di Radio3 a volte coopera nella scelta dell’argomento.

Come aggiunge, le canzoni di solito provengono da suggerimenti di case discografiche o compositori. “E quando in alcuni anni abbiamo fatto le doppie selezioni (come ammettiamo per registrazioni più anonime), c’era una grande squadra di RTVE e altre persone, musicisti esperti, a prendere la decisione”, dice.

Bordas sottolinea che è “difficile” trovare artisti che vogliano apparire in Spagna per partecipare all’Eurovision. “Questo ti dà un upgrade straordinario”, spiega, “ma in cambio devi lavorare per diversi mesi a questo progetto e ci sono personalità affermate a cui non piace essere competitivi”.

Nella sua gestione, aggiunge, “si sta lavorando molto con le case discografiche per informarle della necessità di fare questo sforzo, perché l’Eurovision ha più di 200 milioni di spettatori, oltre ad essere un’esperienza professionale e personale unica”.

READ  Gaston, My Travel: "Se Santi Maratea potesse somministrare i vaccini, oggi non saremmo dentro"

Vuoi cambiare il sistema di voto?

Tuttavia, ci sarà chi insisterà per chiedere una modifica del sistema di voto per alleviare il peso dell’immigrazione diffusa da alcune regioni in televisione.

“È un argomento di discussione frequente che va e viene. Soprattutto da quando i nuovi arrivati ​​dall’Europa orientale si sono uniti al festival, ed è già stato detto che hanno un vantaggio a causa delle loro connessioni culturali. Ma in questa parte d’Europa abbiamo anche queste connessioni in termini di voti. Fa parte del festival. “Osterdahl ci crede.

A favore della sua tesi, ci sono casi di paesi che non hanno grandi legami politici o culturali sono riusciti a mantenere un record abbastanza continuo negli ultimi anni o addirittura a vincere, vedi San Marino o Cipro o Italia, Portogallo e Francia citati sopra, tutti i nostri vicini. EFE

© EFE 2021. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte del contenuto dei Servizi Efe è espressamente vietata, senza il previo ed espresso consenso di EFE SA.