Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

‘Dovrei avere una super immunità’: il gruppo ‘selezionato’ di coloro che non avevano il Covid ha difficoltà a spiegare perché

Washington. – Joe e Susanna Altman sono veri giocatori di poker, ma hanno entrambi 58 anni e sono stati tenuti lontani dai tornei e dai tavoli di panno verde per oltre un anno a causa della pandemia – Susanna ha il lupus e hanno dovuto prendersi cura anche di un amico con cancro. Tuttavia, poco più di un anno fa sono usciti dal carcere dopo essere stati vaccinati, e lo sono stati Vulnerabile al virus e molte volte a rischio di infezione. Cena con amici risultati positivi Il giorno successivo Joe ha trascorso un’intera giornata con suo figlio di 25 anni, risultato positivo solo 48 ore dopo. malattia di coronavirus, E il mese scorso, Susanna è andata a cena fuori con quattro delle sue amiche, due delle quali due giorni dopo avevano anch’esse dei sintomi.

“Io e Joe ci sentiamo come se fossimo gli ultimi in piedi”, dice Susanna, aggiungendo che probabilmente è solo questione di tempo prima che si innamorino di questo. “Perché è così che va il gioco: a un certo punto manca solo un giocatore”.

La pandemia non lascia vincitori. Tuttavia, coloro che sono arrivati ​​​​a metà del 2022 senza essere risultati positivi al coronavirus potrebbero ritenersi degni di una piccola pazzia. vediamo? Chi è “ancora in gioco”? Non il dottor Anthony Fauci, né il presidente Joe Biden, che è risultato positivo questa settimana. Non Denzel Washington, Camila Capello o Lionel Messi. Non certo il nostro amico che si è preso cura di sé più di uno, ma la scorsa settimana ha finito per infortunarsi. Lo stimano i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). Quasi il 60% degli americani ha avuto il coronavirus in qualche momentoe queste cifre risalgono alla fine di febbraio, prima dell’arrivo devastante delle varianti altamente infettive BA.4 e BA.5.

Tutti coloro che sono fuggiti finora possono sentirsi speciali e immunitari superiori, oppure potrebbero aver escogitato una strana teoria sul “perché” durano più a lungo. Il fatto è che tra gli “evitatori” del Covid abbondano le folli ipotesi sulla loro buona sorte.

READ  Hanno aperto il ventre di un coccodrillo e hanno trovato un tesoro incalcolabile | Cronaca

Devo avere una specie di super immunità O qualcosa del genere”, balbetta Kathy Moss, un’infermiera pediatrica di 63 anni di Southfield, nel Michigan.

Ma gli scienziati non hanno trovato prove conclusive dell’immunità genetica innata.. “Sarebbe molto improbabile che ci fossero alcune caratteristiche innate del sistema immunitario in grado di proteggere da tutti i tipi di infezioni”, afferma Eleanor Murray, epidemiologa e professoressa presso la Boston School of Public Health. Ma la non infezione di Kathy Moss – “per quanto ne sa”, un avvertimento che si applica a tutte queste persone, Perché teoricamente potrebbero essere asintomatici– Grida per qualche tipo di spiegazione. Non va dimenticato che Moss è un’infermiera pediatrica ed è esposta al virus, seppur con mascherina, da circa due anni e mezzo. Per non parlare della donna che durante l’estate ha fatto a Moss un tatuaggio all’hennè per diverse ore e poi è risultata positiva il giorno successivo.

Ma Buona fortuna misteriosa L’infermiera Moss non le ha fatto abbassare la guardia o ignorarla, e la possibilità di un’infezione la preoccupa come sempre. Dice di voler “stare in gioco” il più a lungo possibile, proprio perché sa che il Covid non è un gioco… Quello che teme di più sono gli effetti a lungo termine del coronavirus. “Ci penso continuamente: non voglio contrarre questa malattia, non voglio contrarre questa malattia”, dice Moss.

Non abbassare la guardia potrebbe avere senso, ma non vedere nessuno come se il 2020 incoraggiasse solo la solitudine e nient’altro.

SF chiede di essere identificata solo dalle sue iniziali e dice di aver evitato il Covid a casa sua, perché non si sente vulnerabile, ma al contrario, molto vulnerabile. È una sesta quarantenne con due figli e vive nella periferia di Boston, e non fornisce il suo nome completo perché il suo sostegno a continuare le misure per prevenire la diffusione del Covid potrebbe renderla bersaglio di molestie online. La sua più grande preoccupazione è sempre stata la figlia di quattro anni e mezzo, nata prematuramente. Ora che tutti hanno rinunciato alle cure, proteggere sua figlia è ancora più difficile. In piazza e nel parco giochi, gli altri ragazzi non indossano mascherine, e lei si sente a disagio a spiegare alle sue amiche che frequenta solo raduni all’aperto e che preferisce continuare a praticare il distanziamento sociale. “Mi sento in dovere di scegliere tra la socializzazione e la sicurezza dei miei figli”, dice.

READ  Con una svolta storica, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha ribaltato la tutela del diritto all'aborto

I genitori di Lucas Rivas sono immunocompromessi, quindi si è preso cura di se stesso per non infettarli. Ha 27 anni e gli manca anche la vita sociale Ha dovuto perdere così tante notti che avrebbe preferito non ricordarle. dice Lucas, che all’epoca riuscì a evitare l’infezione nonostante lavorasse come paramedico in una clinica di cure urgenti a Littleton, in Colorado. “È impossibile dimenticare quello che hai visto di guardia e uscire a socializzare con così tante persone al chiuso”.

Ma il lungo weekend del 4 luglio non ce l’ha più fatta a sopportarlo, e quando il suo amico lo ha invitato a bere qualcosa, ha acconsentito. Bevi un drink, poi un altro. Condividi un microfono nel karaoke con una ragazza e prima dell’altra. Due giorni dopo, è risultato positivo al coronavirus. “Proprio quando ho iniziato a pensare che non potevo prenderlo, l’ho catturato”, dice Lucas. Si sentiva come un idiota, privo di sensi, “ha sprecato due anni di precauzioni estreme”.

Questo tipo di colpa autoimposta fa disperare Catherine Wallace, un’epidemiologa che ha recentemente iniziato a consigliare e contenere pazienti Covid come Rivas, che sono devastati quando il loro piano finisce.

“Ci sono molte persone che si sentono quando falliscono”dice Wallace, professore all’Università dell’Illinois presso la Chicago School of Public Health. “La gente mi ha detto che mi sono preso cura di me stesso!” Wallace assicura loro che non hanno fatto nulla di male e che l’unica cosa negativa sono le nuove varianti del virus.

In quei momenti evita sempre di dire che non è mai stata positiva: non c’è nemmeno bisogno di confrontarsi con le persone…

READ  Almeno 22 morti nella favela di Rio de Janeiro in una massiccia operazione di polizia | Un anno dopo l'operazione più sanguinosa nella storia della città

Tony Freeman è convinto che sarà fuori dai giochi in men che non si dica. Freeman ha 63 anni ed è un attore nel cast Il Re Leone Dal suo debutto a Broadway più di 20 anni fa. È in standby da cinque anni ormai, come sostituto nel caso un altro attore si ammalasse, e il fatto che sia stato utile, soprattutto durante l’ondata di Covid dell’anno scorso, perché poteva ancora nascondersi dietro le quinte con la sua maschera. . Ma ora gli è stato chiesto di interpretare il ruolo di Timon Almeerkat durante un tour nazionale di quattro mesi. In questo ruolo, deve cantare “Hakuna Matata” otto volte a settimana, davanti a una folla senza maschera che ride, tossisce e si dà da fare a fingere ad alta voce di conoscere tutti i testi del musical, dal primo all’anno . l’ultimo. l’ultimo.

Quindi Freeman non credeva più nelle sue possibilità di superare indenne il resto della pandemia. “Penso che il mio corpo non sia niente di speciale. Se lo vedessi, saresti d’accordo”, scherza l’attore. I membri del cast si scansionano a vicenda sei volte a settimana e Freeman soccombe al fatto che in ogni momento il tampone mostra due righe…

Il pessimismo è un modo per proteggersi. Tutti rimangono in gioco finché non lo fai tu. Ma vantarsi di aver evitato il Covid per due anni e mezzo è uno sputo. È meglio non tentare il destino, perché potresti non essere in grado di evitarlo, qualunque siano le conseguenze.

Scritto da Elaine McCarthy

(Tradotto da Jaime Arambaid)