Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dopo il Big Bang: hanno osservato la fusione di due buchi neri avvenuta 740 milioni di anni fa

Dopo il Big Bang: hanno osservato la fusione di due buchi neri avvenuta 740 milioni di anni fa

Questa è la prima volta che viene scoperta una fusione di buchi neri così distante (NASA)

Lui essendoSecondo le stime, si è ribaltato 13,8 miliardi di anni. La maggior parte delle galassie esistenti si sono formate in una fase iniziale, dopo il Big Bang, e si trovano solitamente nei loro centri Buchi neri supermassicci Ciò attrae tutto ciò che è alla loro portata.

I suoi processi di crescita sono ancora poco conosciuti, poiché le prove suggeriscono che ha dovuto adottare misure per raggiungere le dimensioni attuali Più velocemente Il che è considerato possibile. Per gli astronomi è necessario conoscere la storia dell’evoluzione di questi oggetti dotati di grandi forze gravitazionali perché sono un fattore influente… Formazione delle galassie.

Grazie ai dati che hai fornito Telescopio spaziale James Webb (JWST)Un team di scienziati è riuscito a scoprire tracce che confermerebbero la fusione delle galassie con i loro buchi neri, appena iniziata 740 milioni di anni Dopo la creazione dell’universo. IL risultati pubblicato in Avvisi mensili della Royal Astronomical Society.

“Questi segni La rivelazione più lontana “È mai stata ottenuta una fusione di buchi neri, ed è la prima volta che questo fenomeno viene rilevato così presto nell’Universo”, hanno affermato dall’Agenzia spaziale europea (ESA) in comunicato stampa. Buchi neri del sistema che è stato chiamato ZS7 Ruotano l’uno attorno all’altro in quello che viene chiamato Buco nero binarioSi prevede che si scontreranno nel prossimo futuro.

Il telescopio spaziale James Webb è stato in grado di distinguere tra buchi neri massicci (NASA/ESA/CSA)

Ciò fornisce nuove informazioni necessarie per comprendere come questi giganteschi buchi neri siano riusciti ad aumentare le loro dimensioni fino a raggiungere masse enormi. 66 miliardi di volte quella del solecome il più grande buco nero finora conosciuto, tonnellate 618. Allo stesso modo, questa scoperta apre le porte a una teoria che avrebbe potuto essere formata Dalle fusioni Nelle prime ere dell’universo.

READ  Apple: questi sono occhiali per realtà virtuale e realtà aumentata

“I nostri risultati suggeriscono che la fusione nucleare è un percorso importante attraverso il quale i buchi neri possono crescere rapidamente, anche all’interno Alba cosmica. Oltre alle altre scoperte di Webb sui buchi neri massicci attivi nell’universo lontano, i nostri risultati mostrano anche che si stanno formando buchi neri massicci Evoluzione delle galassie “Fin dall’inizio”, ha spiegato l’autrice principale dello studio, Hannah Opler dell’Università di Cambridge nel Regno Unito.

Il telescopio spaziale James Webb ha la capacità di catturare informazioni dagli oggetti spaziali attraverso la luce che emettono in un processo chiamato… Analisi spettroscopica. All’interno del telescopio c’è questa luce Decomposto con le sue diverse lunghezze d’onda e forma uno spettro che viene poi focalizzato sul rilevatore. “Ogni elemento chimico ha la propria luce un’anima“Come un’impronta digitale”, dicono dall’Agenzia spaziale europea. I buchi neri che consumano materia ne sono solitamente circondati Gas ionizzati Che vengono illuminati dalle radiazioni che emettono quando crescono. Ciò genera a Firma specifica Che è stato scoperto da JWST.

Quando due buchi neri si fondono, formano un buco nero supermassiccio più grande (NASA GODDARD)

In questo modo il team di scienziati è riuscito a scoprire uno dei buchi neri appartenenti a ZS7. Stimano che abbia una massa 50 milioni di volte più grande del soleIl suo compagno deve condividere proprietà simili, ma non sono stati in grado di misurarlo con precisione a causa del gas cosmico che lo circonda. “Grazie alla chiarezza senza precedenti delle sue capacità di imaging, Webb ha consentito al nostro team di fare proprio questo Spazialmente separati “Buchi neri”, ha commentato Opler.

READ  Il prodotto del Black Friday più venduto su Amazon è ancora in vendita

Quando due buchi neri si fondono, vengono creati Onde gravitazionali Questo si espande in tutto l’universo. Ciò avverrà nel sistema ZS7 e potrà essere rilevato da progetti che metteranno in funzione osservatori di onde gravitazionali, ad es. Antenna spaziale con interferometro laser (LISA) L’Agenzia spaziale europea ha dichiarato che inizierà a studiare queste onde quando verrà lanciata a metà degli anni ’30 e che sarà il primo osservatorio spaziale dedicato allo studio delle onde gravitazionali.

Rappresenterebbe un passo importante nel campo dell’astrofisica, poiché si stima che potrebbero verificarsi eventi su scala così ridotta. Più comune di quanto pensi, secondo la scienziata capo del progetto LISA Nora Luitzgendorf. La velocità e la regolarità con cui si verificano questi eventi saranno studiate da un team di scienziati per determinarlo con maggiore precisione interazione Ciò che hanno avuto con le loro galassie nei primi miliardi di anni della formazione dell’universo, e in questo modo continuano ad espandere la conoscenza su Storia della formazione dello spazio.