Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Digiuno intermittente: cosa dice la scienza sulla dieta di cui tutti parlano?  |  La pratica sta guadagnando sempre più seguaci

Digiuno intermittente: cosa dice la scienza sulla dieta di cui tutti parlano? | La pratica sta guadagnando sempre più seguaci

Vuoi perdere peso e sentirti meglio che mai? Sei pronto a fare il primo passo ed essere più felice? Stai cercando un modo semplice ed efficace per perdere peso? Sotto queste domande e la premessa di “perdere peso è possibile”, i vari metodi di perdita di peso promossi suggeriscono comportamenti che vanno dal ragionevole all’irrealistico e dall’irrealistico al magico.

Il digiuno intermittente, uno dei sistemi che sta guadagnando sempre più seguaci, promette una perdita di peso rapida e potente a tutti coloro che lo seguono. Tuttavia, è così efficace e buono come si dice che sia? È scientificamente supportato e cosa dicono gli esperti di nutrizione?

Per iniziare a parlare di digiuno intermittente, devi distinguere cosa è una dieta prescritta da un esperto da cosa viene scelta a caso, perché lo dice una celebrità, un atleta o un influencer del servizio.

“Il digiuno intermittente è uno strumento terapeutico per la gestione di alcune malattie come l’obesità, il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari, ad esempio, che consiste in periodi intermittenti di digiuno, che saranno momenti di non mangiare, con altri momenti di ingestione”, afferma l. Agenzia di notizie scientifiche UNQE Mariángeles Espiño, dietista e diabetologo, responsabile del servizio di nutrizione presso il Trinidad Quilmes Sanitarium. Separa che questi periodi possono essere nominati La durata dei “periodi di digiuno” e delle “finestre per mangiare” può variare.

Com’è il digiuno intermittente?

Lo spiega lo specialista C’è un digiuno che può iniziare con 8 ore e aumentare a più ore. “Ci sono digiuni di 24 ore, una o due volte alla settimana, oppure usa una strategia 5 x 2, cioè 5 giorni di alimentazione sana, equilibrata, strutturata e 2 giorni con restrizione calorica, dove la domanda non è più di 500 o 600 calorie, prova sempre Intervallate questi due giorni con 24 ore di dieta equilibrata.

READ  Famiglia Ramon e Cajal

In questo senso, è importante sapere cosa si fa durante i periodi di ingestione, perché spesso, quando non è controllato dagli operatori sanitari, le persone possono interpretare che mangiare in quei momenti è mangiare come desiderato, indipendentemente dalla quantità e dalla qualità di il cibo. Cibo, perché so che stavi digiunando. Si tratta infatti di generare questi momenti di digiuno Avviare un diverso metabolismo chetogenico, che ci permetterà di utilizzare come combustibile non il glucosio ma i corpi chetonici, che originano dal tessuto adiposo, alla ricerca delle calorie bruciate da questo tessuto, cercando così di ritrovare la perdita di peso“.

Una dieta tra luci e ombre

Secondo gli specialisti, spesso, quando si fa fatica a mettere in pratica una dieta, o si è stanchi di “stare” per sempre, si inizia il digiuno intermittente Può essere una buona strategia. “In questo senso, all’inizio può essere importante per perdere peso ma poi devi mantenerlo; ecco perché l’importante è sapere quali alimenti incorporiamo in quelle finestre che hanno sì momenti per mangiarli”, spiega Espiño.

Tuttavia, è importante sottolineare chi non dovrebbe fare il digiuno intermittente: “Non è raccomandato per le donne incinte, i bambini, le persone con qualche tipo di disturbo alimentare, chi ha il diabete di tipo 1 e chi non ha monitoraggio e controllo del sangue zucchero, Attraverso il monitoraggio continuo del glucosio.

L’origine del digiuno intermittente e altre controversie

In conversazione con Agenzia di notizie scientifiche UNQE Monica Katz, RD, autrice di We Are What We Eat. Dice che il digiuno intermittente sta emergendo fortemente nel 21° secolo con la partecipazione di atleti musulmani d’élite. Questi atleti durante Ramadan (Il nono mese del calendario islamico che è rispettato dai musulmani di tutto il mondo come il mese del digiuno) La necessità di digiunare durante il giorno e mangiare solo il pomeriggio/sera. Da qui, l’interesse scientifico sembra sapere qual è la prestazione o la prestazione atletica di questi atleti. È allora che nasce l’interesse per il digiuno. Sono nati per gli atleti d’élite e non per la gente comune.

READ  Residenze mediche: un professionista su tre che sostiene un esame è straniero

“Se chiediamo i benefici, è chiaro che è efficace perché le persone non mangiano per l’intera giornata. Quindi, chi può attenersi al digiuno perderà sicuramente peso perché, appunto, non mangia”, dice. Per Katz, è importante in qualsiasi pratica sanitaria guardare all’efficacia e alla sicurezza: “Nel digiuno intermittente, la sicurezza non è stata scientificamente provata a medio e lungo termine; il lavoro pubblicato si basa su tempi di consegna brevi di due mesi”.

Conclude con la domanda: “Possiamo consigliare alla popolazione una pratica che non ha prove di sicurezza per la gestione di una malattia cronica come l’obesità? Siamo di fronte a un enorme dilemma etico. La fame è una religione sociale e non dovrebbe essere una cura”.

Ho continuato a leggere