Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dibattito in Italia sulla Palestina |  Maloney parla di riconoscimento ma il suo governo non intraprende alcuna azione

Dibattito in Italia sulla Palestina | Maloney parla di riconoscimento ma il suo governo non intraprende alcuna azione

Da Roma

Nonostante il recente annuncio di tre nuovi paesi europei (Spagna, Irlanda e Norvegia, sebbene quest’ultima non faccia parte dell’UE) Riconoscere ufficialmente lo Stato di Palestina, Anche se il governo ha più volte parlato della possibilità di un nuovo Stato, l’Italia non ha intenzione di fare un passo simile adesso.

Le imminenti elezioni europee del 6 e 9 giugno sono uno dei fattori che spingono il governo di destra. Georgia Meloney Non dare. In questo momento storico, in cui è in corso la guerra tra Israele e Palestina e la maggior parte dei paesi ricchi sono filo-israeliani, l’America è la prima ad accettare la Palestina come Stato. Metterà in discussione la loro alleanza. E Non solo con gli Stati Uniti, ma con gli altri 12 paesi dell’Unione Europea (UE), oggi guidati da governi di centrodestra e di destra come Ungheria, Croazia, Irlanda, Grecia, Olanda, Portogallo e Svezia.

Le carte ora vengono giocate pensando alle elezioni europee, poiché la destra e il centrodestra mirano a poter controllare il Parlamento europeo per determinare il corso dell’UE. Attualmente il partito di maggioranza al Parlamento europeo (che conta 705 deputati, ma ne aggiungerà altri 15 quest’anno) è il PPE (Partito popolare europeo), una coalizione di partiti di destra di molti paesi con 176 deputati, seguito dai socialisti e dai il Partito Democratico, un’altra alleanza di centrosinistra, è composta da 139 strati. Nessuno ha una maggioranza assoluta, ma con l’avanzata della destra in tutta Europa, tutto suggerisce che le elezioni del Parlamento europeo potrebbero pesare pesantemente sulla questione.

Sostenitore dell’Autorità Palestinese

Con la decisione di due membri dell’Unione Europea (UE), saranno 10 (su 27) membri dell’UE a riconoscere la Palestina come Stato. Altri due, Malta e Slovenia, si uniranno presto a questo riconoscimento. Finora, 142 dei 193 Stati membri delle Nazioni Unite hanno riconosciuto lo Stato di Palestina., molti provenienti dall’Asia, dall’Africa e dall’America Latina (tra cui Argentina e Brasile). L’Autorità Nazionale Palestinese intrattiene relazioni diplomatiche con Stati Uniti, Italia, Canada, Giappone e Australia, ma sono tra i paesi che non la riconoscono.

READ  Il vapore d'Italia! Salhanoslu - L'Inter batte il Genoa nella prima scena della serie con il Ten Exhibition

Il 10 maggio l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione secondo cui “la Palestina ha i requisiti per diventare uno Stato membro delle Nazioni Unite”. Il voto ha ottenuto 143 voti favorevoli, 25 astenuti (compresa l’Italia) e 9 voti contrari (compresi gli Stati Uniti).

Le guerre per uno Stato palestinese sono iniziate decenni fa, soprattutto dopo la creazione dello Stato di Israele nel 1948, dopo la Seconda Guerra Mondiale. Uno dei momenti chiave da allora è stata la dichiarazione unilaterale di uno Stato palestinese nel 1988 da parte dell’allora presidente palestinese Yasser Arafat. L’Algeria lo ha annunciato e il Paese è diventato il primo al mondo a riconoscere lo Stato palestinese. Una nuova ondata di riconoscimenti si è verificata alla fine del 2010, quando è iniziata una serie di rivolte nei paesi arabi, nota come Primavera Araba.

Meloni e soci

Nonostante ciò che sta accadendo al popolo palestinese, gli oltre 35.000 morti nella regione e la situazione disperata delle famiglie che ancora vivono lì, L’Italia non ha deciso di fare un passo a suo favore, ma parla perché parlare in piena campagna elettorale, senza fare passi concreti, può ridurre alcune differenze con i suoi avversari. Va ricordato che l’8 e 9 giugno, oltre alle elezioni europee, si terranno le elezioni regionali in Piemonte, importante regione del Nord Italia, oggi guidata dal presidente di Forza Italia Meloni nell’attuale governo. Più di 800 comuni eleggeranno nuovi governatori e sindaci.

Sabato Meloni ha accolto a Roma il primo ministro palestinese Mohammed MustafaHa ribadito il sostegno italiano al cessate il fuoco, al rilascio degli ostaggi detenuti da Hamas e agli aiuti umanitari alla popolazione di Gaza, si legge in un comunicato ufficiale.

READ  La sua nuova vita in Italia

Lo scorso gennaio il primo ministro Meloni lo aveva annunciato in una riunione della Camera dei rappresentanti italiana “L’Italia ha sempre sostenuto che il popolo palestinese ha diritto a uno Stato indipendente, sicuro ed economicamente prospero”Una soluzione è “giusta e necessaria a favore non solo del popolo palestinese ma anche di Israele”.

Rispondendo alle domande di alcuni parlamentari, Meloni, capo del partito di estrema destra Fratelli d’Italia (FDI), ha affermato che il riconoscimento di uno Stato palestinese “non può essere richiesto unilateralmente” e che i palestinesi devono di conseguenza “riconoscere il diritto”. L’esistenza di uno Stato ebraico”. Ma nonostante tutte queste dichiarazioni, il governo italiano non ha ancora preso alcuna decisione concreta.

La Meloni intrattiene da anni uno stretto rapporto con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. Appartiene al Likud, un partito di destra a cui piace. Si sono incontrati diverse volte e hanno parlato al telefono, l’ultima volta quando Netanyahu è venuto a Roma a marzo. Meloni ha visitato Tel Aviv nell’ottobre dello scorso anno per sottolineare il sostegno dell’Italia a Israele. Tuttavia, recentemente, Meloni ha detto di non condividere la posizione di Netanyahu su un possibile Stato palestinese, in quanto il primo ministro israeliano l’ha definita “una ricompensa per il terrorismo di Hamas”.

Nel febbraio di quest’anno, una mozione approvata dal Parlamento italiano chiedeva il cessate il fuoco a Gaza, seguendo la politica internazionale in materia. Il testo finale è stato proposto dal Partito Democratico (centrosinistra), principale opposizione alla Meloni, sottolineando che “il Parlamento si impegna a sostenere il governo a sostenere tutti gli sforzi per liberare tutti gli ostaggi israeliani e a chiedere un cessate il fuoco immediato”. . La decisione è stata approvata, ma hanno ottenuto 159 voti contrari da parte degli esponenti dei partiti di governo Meloni (Fdi, Lega di Matteo Salvini e Forza Italia guidata da Antonio Tajani).

READ  L'Italia aggiunge 3.558 nuovi casi di coronavirus e 10 morti

Opposizione

Sul tema “due popoli, due Stati” i settori progressisti italiani sostengono il riconoscimento di uno Stato palestinese. Segretario del Partito Democratico (centrosinistra), Ellie Schlein è stata chiara. “Molto bene, Spagna, Norvegia e Irlanda. “Chiediamo anche il riconoscimento europeo dell’Autorità palestinese per aiutare il processo di pace”, ha detto in un evento per artigiani e imprenditori italiani, aggiungendo: “Per liberare gli ostaggi nelle mani di Hamas, per fermare il massacro dei civili a Gaza e l’attacco a Rafah, una corsa forsennata che rischia di diventare un disastro.” Chiediamo il cessate il fuoco da ottobre, ma sono essenziali gli aiuti umanitari al popolo palestinese ingiustamente punito.

Per il sostegno del PD Laura Boldrini, il riconoscimento di uno Stato palestinese è “urgente e necessario”. Ha ricordato che nel 2015 il Parlamento italiano ha approvato una mozione che chiedeva all’Italia di riconoscere la Palestina come Stato. “Ora è il momento giusto per attuare quel voto”, ha detto il governo, aggiungendo che il governo non può continuare a parlare di “due città e due stati” senza fare qualcosa di concreto. Ha insistito.

e al leader del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte, la Palestina – ha dichiarato – gli causava “molte sofferenze”. “Migliaia e migliaia di civili palestinesi sono morti, la maggior parte bambini, un massacro che considero inaccettabile. Ovviamente, il 7 ottobre è stato brutale e abbiamo condannato fermamente l’attacco terroristico. Ma ciò che sta accadendo ora è intollerabile”, ha sottolineato l’ex premier. ministro, che sostiene la creazione di uno Stato palestinese.

Intanto in molte città italiane, Sabato a Milano si sono svolte manifestazioni a sostegno della Palestina.