Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Diario de Cuyo – A causa della febbre dengue, la sanità ha consentito alle cliniche di servire solo i pazienti con febbre

Diario de Cuyo – A causa della febbre dengue, la sanità ha consentito alle cliniche di servire solo i pazienti con febbre

A causa dell'aumento dei casi di dengue, che ha già mietuto la seconda vittima nella provincia, il Ministero della Salute ha lanciato una proposta volta ad accelerare e rendere più efficace la cura dei casi sospetti. Si tratta di cliniche per la cura della febbre che hanno iniziato ad operare in tutti gli ospedali e centri sanitari per specializzarsi esclusivamente nei pazienti affetti da febbre. Il ministro Amilcar Doblades ha affermato che questa iniziativa è la prima volta che viene attuata nella provincia e, sebbene sia dovuta a casi di dengue, si sta lavorando anche per individuare il coronavirus e altre malattie tipiche dell'inverno come l'influenza.

Per rispondere all’attuale domanda di casi di dengue, il sistema sanitario ha istituito e gestito cliniche per la febbre in tutti i centri sanitari. In questi contesti verrà effettuato il triage e si valuterà se il paziente può tornare a casa, tornare sotto controllo o necessitare di essere indirizzato ad un centro più complesso.

Questo triage pre-cura ha lo scopo di essere in grado di classificare i pazienti e valutare la priorità delle cure. Doblades ha inoltre spiegato che il paziente sospettato di essere affetto da febbre dengue sarà curato e contenuto, oltre ad essere informato delle necessarie misure preventive. Lo stesso accadrà con i casi sospetti di coronavirus e altre malattie stagionali. “La questione delle cliniche per la febbre è molto importante perché dimostra il nostro interesse da parte della sanità nel coprire le malattie attuali con un numero elevato di casi e nell’impedire che i centri sanitari siano saturati con ulteriori casi di influenza A, influenza B e quelli causati da malattie respiratorie”. Virus sinciziale. Il ministro ha affermato che tutte queste malattie includono la febbre e, per questo motivo, il triage è importante per confermare lo stato della febbre in modo che il paziente possa essere indirizzato alle cliniche per la febbre per cure immediate e per determinare la diagnosi.

READ  L'esercizio fisico può essere utile per migliorare l'apporto di nutrienti e ossigeno alla placenta

Il funzionario ha aggiunto che le cliniche per la cura della febbre hanno iniziato a funzionare lo scorso fine settimana in alcuni centri sanitari e che funzioneranno questa settimana in tutto il distretto sanitario pubblico del governatorato. Ha detto che per questa operazione non è necessario trasformare le infrastrutture di questi centri, poiché è sufficiente la disponibilità di un ufficio. Ha sottolineato che è necessario rafforzare e riorganizzare coloro che lavorano in questa assistenza differenziale (clinici, medici di famiglia, medici di medicina generale e pediatri), ma senza problemi. Ha aggiunto: “I sintomi della febbre rappresentano attualmente il maggior numero di consultazioni quotidiane e continueranno ad aumentare a causa delle malattie stagionali. Anche se noi, con Cidi, il nuovo sistema di trasformazione, siamo riusciti ad alleviare la pressione delle cure nei centri sanitari Dobbiamo tenere conto del fatto che le persone si consultano più frequentemente quando hanno la febbre, ecco perché cerchiamo di prevenire ciò che sta arrivando e anche di saturare l'assistenza “medica”, ha detto Doblades.

Il ministro ha affermato che gli ambulatori per la cura della febbre funzioneranno “certamente” in modo permanente perché, anche se si prevede una diminuzione dei casi di dengue dovuti al raffreddore (attualmente sono 740 i casi confermati e si prevede che arriveranno a 1.500 entro la fine del mese), si registra un aumento . Sono attesi anche casi di coronavirus (attualmente sono 769 i casi confermati) e altri mali stagionali. Inoltre, dopo l’inverno sono attesi nuovi focolai di dengue, “anche se più lievi”, quindi le cure differenziali per i pazienti con febbre continueranno, ha aggiunto.