Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Danimarca, Italia e Belgio stanno riaprendo in qualche modo la loro ristrutturazione

Carla Vidal 21/4/2021Commenti

Govit-19 sta riaprendo bar e ristoranti in paesi che mostrano tendenze positive nel controllo dell’epidemia. Danimarca e Italia stanno già aprendo ad aprile, con il Belgio che si unirà a loro all’inizio di maggio.

Nonostante il fatto che tutte le comunità autonome in Spagna, con diverse restrizioni, consentano il funzionamento del settore alberghiero, questa non è affatto la tendenza in Europa. Sono molti i paesi che aderiscono ancora a rigide normative in questo campo, ma in alcuni sembra che stiano già iniziando a vedere la luce alla fine del tunnel.

Ha portato il Regno Unito a riaprire l’Europa, in cui viviamo ancora con il virus, ma questo indica una tendenza a ripristinare alcune funzionalità. Ora in seguito gli altri tre paesi hanno annunciato che stanno allentando le misure per il controllo del virus, che in modi diversi, riapre bar e ristoranti. Danimarca, Italia e Belgio hanno ritirato e apparecchiato alla cieca.

Danimarca L’industria dell’ospitalità sta prima di tutto a farlo, grazie all’andamento della curva di contagio e ad alcune delle misure che sono state poi concepite nel suo piano di rilassamento, ma anche restituendo la loro vita sociale a Coronabass, il passaporto digitale che consente ai suoi cittadini. da oggi, Il 21 aprile, Danish Hospitality apre le terrazze, ma anche gli interni (Uno inizialmente previsto per il mese prossimo), che dovrebbe sospendere il servizio alle 22:00, ma dovrebbe essere chiuso dalle 23:00 alle 5:00. Saranno consentite riunioni di un massimo di 9 persone, tutte sedute e associate al coronapass: se desiderano essere ingerite nei locali, tali clienti senza passaporto possono essere serviti all’estero. Questo “passaporto”, lo hai già Abbiamo parlato in 7 cannibali Qualche mese fa si trattava di un’applicazione per cellulari che mostrava se nelle ultime 72 ore eri risultato negativo al coronavirus, se avevi un certificato di vaccinazione, o se avevi già superato la malattia nelle 12 settimane precedenti.

READ  I tifosi attaccano la figlia dell'allenatore del Pescara prima di una partita in Italia

Cinque giorni dopo la Danimarca, The 26 dicembre, Italia Riprova a riaprire Restauro per ridurre la cecità a metà dello scorso marzo, dopo essere stato aperto solo per un mese e mezzo. Si tratterebbe delle cosiddette zone gialle meno contagiose in Italia, che potrebbero beneficiare dell’allentamento di queste restrizioni e aprire l’attività alberghiera con servizio solo all’estero, pur mantenendo i servizi di pranzo e cena esistenti. Come la Danimarca, l’Italia ha fissato una data per la riapertura dell’attività alberghiera – prevista per l’inizio delle prime settimane di maggio – all’inizio della campagna di miglioramento statistico e di vaccinazione. Nonostante ciò, il 46,6% dei bar e dei ristoranti del continente italiano non ha spazi aperti per riaprire in questa prima fase, e le associazioni imprenditoriali del settore sono insoddisfatte del trasferimento se il progetto previsto viene mantenuto. , Il servizio non è possibile all’interno fino al 1 giugno.

Ulteriore Belgio, Uno dei paesi con la chiusura più lunga dei suoi bar e ristoranti, ha già annunciato una data di riapertura: 8 maggio. Per la prima volta dalla fine di ottobre, bar e ristoranti potranno aprire le loro terrazze, Sebbene limiti il ​​numero di clienti per tabella. La mossa ha causato grandi polemiche nel paese, con lo spettro politico già aperto il 1 ° maggio e altri partiti che chiedono un rinvio fino al 15 maggio. Per ora è stato selezionato un percorso di medie dimensioni e non è prevista una completa riapertura del settore, con consumi indoor, ovviamente, fino a giugno.

Dopo Danimarca, Italia e Belgio, The Governo austriaco Ha anche annunciato l’intenzione di lanciare un giro di vite sulle operazioni del Govt-19, che entrerà in vigore a maggio. La data non è stata ancora decisa, è emerso che i settori della ristorazione e del turismo avranno sicuramente bisogno di test negativi o certificati di vaccinazione.

READ  L'Italia pubblica il suo piano di ripresa finanziato dall'UE

Altri paesi hanno ancora sedie e tavoli senza tovaglie

Sebbene l’arrivo della primavera e la campagna di vaccinazione europea siano visti come l’inizio della fine, non è dappertutto. Due dei più grandi paesi europei, Francia e Germania, sono impantanati in una serie di restrizioni che interessano il settore alberghiero.

Francia Non è stata ancora prevista la data per la riapertura del restauro. Le loro condizioni di salute, infatti, non sono migliorate in modo significativo, il che spiega la prudenza con cui sta andando Elizio, che però persegue l’idea di riaprire i ristoranti a metà maggio. Il governo francese prevede di riaprire le fasi. Le terrazze dei ristoranti riapriranno solo a mezzogiorno. Poi, tre settimane dopo, aprono anche di notte. La riapertura delle sale interne sarà l’ultimo passo, e ogni fase dovrebbe avvenire “ogni tre settimane, se tutto va bene”. Poiché stimano che la crisi del coronavirus potrebbe portare alla chiusura di 2 aziende su 3 nel settore dell’ospitalità in Francia, le quattro organizzazioni professionali (GNC, GNI, Umi, SNRTC) che rappresentano questo settore stanno rapidamente aspettando.

Germania Ha tenuto chiusi i suoi bar e ristoranti dall’inizio di novembre e non propone alcuna data per riprendere la sua attività. In effetti, il governo tedesco sta ora lottando con qualcosa di diverso Terre Tenta di legiferare sul controllo delle infezioni a livello nazionale, che consente l’introduzione di misure drastiche al centro.

Quando, Grecia Ha già annunciato che consentirà ai turisti di molti paesi, tuttavia questi turisti avranno un’esperienza molto diversa da quella che ci si aspetterebbe perché in questo momento bar e ristoranti sono ancora chiusi nel paese.

READ  Pur non giocando una partita completa, Muriel è il miglior realizzatore in Italia

Situazioni diverse e ritmi diversi, come minimo, indicano una tendenza al miglioramento. Vogliamo che sia così.