Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Da dicembre 2019, nel settore sono stati creati 36.000 posti di lavoro ufficiali

I dati mostrano che 18 contee su 24 hanno registrato miglioramenti Al lavoro nel periodo di riferimento. Nonostante l’80% dei nuovi posti di lavoro fosse concentrato nel centro del Paese (Buenos Aires, Cordoba e Santa Fe), la CEP ha sottolineato che se si guardano le differenze relative, si scopre che le province colpite durante il Macrismo, come Tierra del Fuego e San Luis Ora hanno fatto un rimbalzo significativo.

Il centro gestito da Daniel Steinart ha spiegato che il ripristino dell’occupazione formale è avvenuto nell’ambito di un’a L’industria che ha prodotto nei primi otto mesi del 2021 quasi il 5% in più rispetto allo stesso periodo del 2019, quando la pandemia di Covid-19 non era ancora nei piani di nessuno.

Anche il CEP lo ha evidenziato L’industria argentina ha mostrato maggiore dinamismo rispetto a prima della pandemia rispetto alla maggior parte dei paesi in cui l’industria gode di un grande peso.

Secondo gli ultimi dati INDEC, la produzione industriale argentina a luglio è cresciuta del 5,6% rispetto allo stesso mese del 2019, un dato superiore a quello del Brasile (-1,5%), Spagna (-5,4%), Francia (-10,4%) , Italia (-4,5%), India (-2,1%), Messico (-3,0%), Germania (-9,0%), Giappone (-6,2%), Cile (+2,8%) e Stati Uniti (+0,9% ).

Il rapporto ha mostrato “la differenza di prestazioni in articoli come prodotti chimici (+31,4% contro +1,2% nella media dei paesi) e automobili (+17,0% contro -12,5%) si distingue.

Al di fuori del settore, il programma elettorale permanente ha evidenziato i 21.000 posti di lavoro creati lo scorso anno nei servizi basati sulla conoscenza e il graduale rilancio dei settori più colpiti dalla pandemia, come il turismo e il commercio di abbigliamento e calzature.A seguito dei progressi compiuti nella campagna vaccinale, della diminuzione degli infortuni e dell’aumento degli spostamenti dei cittadini.

READ  La bolletta elettrica di agosto sarà di 20-30 euro più cara di un anno fa

In questo senso, il governo ha spiegato che tra le vendite giornaliere con Now12, spiccava la ripresa del settore dell’abbigliamento e delle calzature e del turismo costiero. Hanno spiegato che “quest’ultimo settore ha visto un miglioramento significativo nelle ultime settimane, in coincidenza con il lancio della seconda versione del programma Prevage”.

Al contrario, le vendite di articoli “vincitori” con la pandemia (come elettrodomestici o attrezzature per la casa e la manutenzione) hanno perso il loro risalto nei consumi nelle ultime settimane.