Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Critiche all’Italia per la gestione dell’epidemia di coronavirus

Critiche all’Italia per la gestione dell’epidemia di coronavirus

Aumentano le critiche contro l’Italia per le sue azioni di fronte all’epidemia del virus Corona. Il Paese ha più di 1.500 casi

Aumentano le critiche Italia Per i suoi sforzi nel contrastare l’epidemia Corona virus. Paesi che accumulano a Il saldo è di circa 1.600 casi (con 34 decessi) registrato domenica Oltre 500 nuovi contagiè sotto i riflettori dell'intero pianeta, essendo diventato una delle principali fonti di infezione da agenti patogeni.

Sebbene le autorità sanitarie italiane abbiano adottato misure per cercare di controllare la diffusione della malattia, molti esperti sottolineano una certa mancanza di coordinamento e l’uso di misure contraddittorie nella gestione della crisi che sta affrontando. Questo è quello che ha proposto domenica Fernando SimoneDirettore del Centro Coordinamento Allerte Sanitarie ed Emergenze del Ministero della Salute, ha definito “strano” il fatto che l'Italia non consenta lo svolgimento di eventi di massa all'interno dei suoi confini, ma ha consentito ai cittadini italiani di lasciare il Paese per assistere ad eventi sportivi. eventi senza alcun tipo di misura di controllo.

La stessa opinione era evidente Antonio Trella, Responsabile del Servizio di Medicina Preventiva ed Epidemiologia della Clinica Ospedaliera di Barcellona. “Soprattutto all’inizio l’Italia ha adottato Misure controverseAnche il rettore dell’Università di Barcellona ha detto: “Come la decisione di misurare la temperatura ai viaggiatori che sono arrivati ​​nel Paese, ma non a quelli che sono partiti quando c’era già una fonte di contagio”.

Alla luce di una crisi come quella attuale, ha continuato lo specialista A. Gestione coordinata Che segue gli stessi protocolli e attua misure coordinate a tutti i livelli. “Penso che la Spagna, in questo senso, sia in ottima forma”, ha osservato.

READ  L'astronomo italiano Giovanni Cassini scoprì Giapeto, una delle lune di Saturno - Radio Reloj, la stazione radio cubana dell'epoca e notizie

Controversia

In Italia, le critiche alla gestione dello stato di emergenza da parte delle autorità italiane hanno portato a una divisione tra esperti e politici. L'opposizione è guidata dalla Lega Matteo Salvini Critica un governo Giuseppe Conte Le frontiere non sono state chiuse e il Trattato di Schengen è stato sospeso per fermare la diffusione del virus.

Alcuni esperti si rammaricano che le autorità italiane abbiano ignorato le raccomandazioni di virologi come il famoso Roberto BurroneChi ha suggerito, dopo la dichiarazione dell’epidemia in Cina, di isolare in Italia come misura preventiva tutte le persone che avevano viaggiato nel Paese asiatico. “Si poteva fare di più Ciò ritarderebbe l’epidemiaLo ha dichiarato il virologo in un'intervista televisiva Giorgio BalloEgli ritiene che il governo abbia adottato le giuste misure precauzionali, ma ne critica il ritardo.

Tuttavia, la maggior parte degli specialisti concorda sul fatto che nessuna di queste misure lo avrebbe consentito Limitare la diffusione del virus Perché il virus potrebbe essere arrivato in Italia molto prima che se ne conoscesse la diffusione. «La mia ipotesi è che il virus si stesse diffondendo in Italia anche prima che i voli dalla Cina fossero limitati», dice in un'intervista alla rivista. Corriere della SeraMassimo GalliDirettore del Dipartimento di Malattie Infettive dell'Ospedale Sacco di Milano. Galli difende le misure precauzionali adottate dalle autorità regionali, che includono la chiusura di scuole, teatri e musei e la limitazione dell'orario di apertura di bar e discoteche. “Era il minimo che si potesse fare”, dice.

Un giorno dopo aver confermato la morte del primo italiano affetto da Corona virus, il governo Isolati 11 comuni del nord Italia, considerato l'epicentro dell'epidemia nel Paese transalpino, e ha imposto la quarantena a circa 50.000 persone nelle regioni Veneto e Lombardia. Questa misura, una delle più severe finora approvate in un Paese europeo, era “assolutamente necessaria” per controllare la diffusione del virus, secondo l’immunologo. Antonio Lanzavecchia, Direttore dell'Istituto di ricerca biomedica di Bellinzona. Un’opinione condivisa dalla maggior parte degli esperti in Italia.

READ  Semaforo e fortificazione britannici: ecco come vanno gli stati Green e Amber

Walter RicciardiUn membro dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e consigliere del Ministero della Salute italiano ritiene che chiudere le frontiere significhi contenere il virus “Non ci sono prove scientifiche” Critica invece la mancanza di coordinamento tra le regioni e il governo centrale nei primi giorni dello stato di emergenza. In un'intervista con RepubblicaRicciardi sottolinea che la “frammentazione del sistema sanitario” in Italia, dove le competenze vengono trasferite alle Regioni, “può avere effetti fatali perché è necessario adottare una linea unitaria basata su misure proporzionali”.

La maggior parte degli specialisti sostiene la tesi del governo, secondo cui il gran numero di casi positivi confermati la scorsa settimana è dovuto al fatto che l'Italia sta effettuando più test di qualsiasi altro Paese europeo. Ilaria Capua, famosa virologa italiana dell’Università della Florida, ha dichiarato: “L’Italia è testimone di una situazione più grave perché sta cercando i casi più attivamente di altri”. “Si sarebbe dovuto fare così fin dall’inizio”, dice Ricciardi. Per questo, da giovedì scorso, l’Italia effettua i test per il coronavirus solo su chi presenta sintomi della malattia e proviene da una delle zone considerate a rischio. Secondo le autorità sanitarie, L’Italia ha condotto più di 10.000 test per individuare possibili casi di coronavirus rispetto ai circa 1.000 eseguiti in Francia e Germania.