Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Crisi climatica: perché la COP26 è fondamentale? | Scienza ed ecologia | DW

A novembre, i leader di tutto il mondo si incontreranno in Gran Bretagna al vertice sul clima delle Nazioni Unite, COP26, in un ultimo disperato tentativo di mantenere il riscaldamento globale a 1,5°C in questo secolo.

Il vertice annuale – organizzato dalle Nazioni Unite, rinviato lo scorso anno a causa della pandemia di coronavirus – è un incontro in cui rappresentanti diplomatici di diversi Paesi negoziano trattati volti a rallentare i pericolosi cambiamenti del clima del pianeta. Nel 2015, questi paesi hanno firmato l’Accordo di Parigi – un trattato non vincolante inteso a mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 2 gradi Celsius rispetto alla temperatura preindustriale, idealmente 1,5 gradi – anche se continuano a bruciare combustibili fossili e tagliare alberi in quantità incompatibili con Questo obiettivo.

Ora, con gli effetti del cambiamento climatico già avvertiti sia nei paesi ricchi che in quelli poveri, avrà luogo quella che gli analisti considerano la conferenza più importante dalla firma dell’Accordo di Parigi. Il cambiamento climatico è in cima all’agenda politica tra eventi meteorologici estremi e massicce proteste pubbliche, e i leader di molti inquinatori si sono impegnati a decarbonizzare le loro economie entro la metà di questo secolo.

“Negli ultimi due decenni, siamo passati dall’affrontare i cambiamenti climatici al vivere in un’emergenza climatica”, ha detto a DW Sheikha Bassin, analista senior presso il Laboratorio del Consiglio per l’energia, l’ambiente e l’acqua (CEEW). Nuova Delhi, India. “Ed è proprio per questo che la COP26 è così importante”.

I paesi ricchi si stanno rivolgendo troppo lentamente all’energia pulita per raggiungere i loro obiettivi climatici

Qual è l’agenda della COP26?

Con l’accordo di Parigi, i leader mondiali hanno scelto la velocità con cui i loro paesi avrebbero ridotto le emissioni di gas serra. Hanno deciso di aggiornare i loro piani d’azione ogni cinque anni.

READ  Congo: ci sono circa 169 morti causati dalle inondazioni

Ma poche settimane prima della COP26 di Glasgow, mancano ancora i piani dei paesi che emettono più anidride carbonica, come Cina, India e Arabia Saudita. Un rapporto pubblicato nel settembre 2021 dalla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), responsabile della regolamentazione dei negoziati sul clima, ha rivelato che esistono solo piani aggiornati per circa la metà delle emissioni globali di gas serra.

La Gran Bretagna, che ha ospitato il vertice insieme all’Italia, ha sollecitato i paesi a presentare i loro nuovi piani e ha sollecitato accordi concreti che avrebbero aiutato a raggiungere tali obiettivi. Il primo ministro britannico Boris Johnson ha invitato i leader mondiali a prendere impegni coraggiosi su “carbone, automobili, denaro e alberi”.

La Gran Bretagna sta spingendo per un trattato “spingere il carbone nella storia”, ha proposto una scadenza del 2040 per fermare la vendita di auto con motore a combustione e vuole spendere più soldi per frenare la deforestazione.

Il primo ministro britannico, Boris Johnson.

Il premier britannico Boris Johnson vuole puntare su “carbone, automobili, soldi e alberi”.

Chi pagherà?

Uno dei temi principali all’ordine del giorno sarà quanto denaro i paesi ricchi – principalmente responsabili dell’inquinamento atmosferico – invieranno ai paesi poveri, i più colpiti dal cambiamento climatico.

Nel 2009, le nazioni ricche hanno accettato di contribuire con $ 100 miliardi all’anno per finanziare la protezione del clima fino al 2020. Ma nel 2019 non sono riuscite a raggiungere tale obiettivo di quasi $ 20 miliardi, avendo raccolto solo $ 79,6 milioni, secondo le ultime stime dell’organizzazione. per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). In quei 10 anni, la temperatura media della Terra è aumentata così drasticamente che l’ultimo decennio è stato il più caldo mai registrato.

READ  Il presidente Rodrigo Chavez riceve lettere di credito da cinque nuovi ambasciatori

Secondo gli analisti, il mancato pagamento di quanto pattuito nei paesi poveri è importante per due ragioni. Primo, perché questi fondi servono, anche se non bastano a coprire i costi del cambiamento climatico o del passaggio alle energie rinnovabili. E in secondo luogo, perché è una questione diplomatica, spiega a DW Jennifer Tolman, esperta di diplomazia climatica presso il think tank europeo E3G. “Qualsiasi negoziazione internazionale basata sul rafforzamento della fiducia. La consegna di un importo inferiore all’importo concordato di 100 miliardi di dollari fa chiaramente crollare in qualche modo questa base di fiducia”.

I costi dell'inazione climatica stanno aumentando con l'aumento delle temperature globali.

I costi dell’inazione climatica stanno aumentando con l’aumento delle temperature globali.

Cos’altro è importante nella COP26?

I paesi più vulnerabili ai cambiamenti climatici hanno chiesto maggiore attenzione – e finanziamenti – per essere in grado di adattarsi agli effetti della crisi climatica.

Inoltre, ci sono anche dettagli tecnici dell’Accordo di Parigi che devono ancora essere motivati ​​prima della sua entrata in vigore. Ciò include regole sul mercato globale del carbonio – come i paesi scambiano le emissioni attraverso i confini e compensano investendo in progetti che riducono l’inquinamento – e come dovrebbero dichiarare ufficialmente le loro riduzioni di emissioni.

Il cambiamento climatico è salito in modo significativo nell'agenda politica tra le proteste di massa negli ultimi anni.

Il cambiamento climatico è salito in modo significativo nell’agenda politica tra le proteste di massa negli ultimi anni.

I colloqui principali, che si svolgeranno nell’arco di due settimane, dal 31 ottobre al 12 novembre, riuniranno leader mondiali, scienziati, imprese e gruppi della società civile. I delegati dei paesi più poveri hanno avvertito delle restrizioni di viaggio, della mancanza di vaccini COVID-19 e dei costi di alloggio che potrebbero rendere difficile o addirittura impedire loro di raggiungere la vetta. Ciò potrebbe rendere difficile tenere conto dei ricchi storici inquinanti del pianeta.

READ  Ricardo Anaya ha chiamato a non partecipare alla cancellazione del mandato: "una frode che non dovremmo sostenere"

All’ultimo COP, a Madrid nel 2019, i colloqui sono stati rinviati di due giorni perché i negoziatori frustrati hanno combattuto sugli impegni per ridurre le emissioni e non sono riusciti a raggiungere un accordo sui mercati del carbonio.

Il bacino della CEEW ha affermato che i vertici sul clima finora non sono riusciti a ritenere i paesi responsabili, ma la COP26 potrebbe essere un’opportunità per costruire un ponte di fiducia. “Questo è quello che abbiamo, quindi dobbiamo trovare un modo per farlo funzionare”.

(cp/ers)