Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Covit-19 | È un record che più di 4.000 persone siano morte in 24 ore in Brasile

(Brasilia) Il Brasile ha superato per la prima volta il numero di 4.000 morti del COVID-19 in un solo giorno martedì, stabilendo un nuovo record di 4.195 morti in 24 ore, secondo una recente dichiarazione ufficiale del Ministero della Salute.




France Media Agency

Il paese, con una popolazione di 212 milioni, ha il secondo più alto numero di morti totali al mondo dopo gli Stati Uniti con 336.947.

Il Brasile è al secondo posto al mondo in termini di inquinamento, con 13.100.580 casi confermati e 86.979 nelle ultime 24 ore.

Sembra che l’epidemia sia completamente fuori controllo nel più grande paese dell’America Latina, dove record catastrofici sono stati battuti giorno dopo giorno per settimane.

In soli sei giorni, più di 15.000 decessi sono stati segnalati in Brasile ad aprile, con una media di 2.757 morti al giorno.

Gli esperti temono che il peggior massacro da marzo, quando 66.000 vite sono state ridotte dal virus, sia il doppio del peggior mese di luglio dello scorso anno.

Gli ospedali sono sovraffollati nella maggior parte delle aree. A San Paolo, la città più popolosa e capitale economica del paese, iniziarono ad essere utilizzati gli autobus, solitamente riservati al trasporto scolastico, per il trasporto dei cadaveri.

Le tombe sono abbastanza grandi da contenere sepolture notturne per far fronte al costante arrivo di nuovi corpi da seppellire.

Nonostante questa disastrosa condizione di salute, il presidente di estrema destra Jair Bolzano, ampiamente criticato per aver confuso l’epidemia, continua a mettere in discussione le restrizioni imposte da sindaci e governatori dello stato.

READ  Santiago Carson vince il trofeo San Michel questa domenica a Foligno, Italia - Mundo Ciclastico Magazine

In assenza di un reale coordinamento a livello nazionale, ogni città e ogni stato finisce spesso per prendere misure insufficienti e talvolta contraddittorie.

Allo stesso tempo, il vaccino, iniziato alla fine di metà gennaio, prosegue a un ritmo ritenuto troppo lento dagli esperti. Ad oggi, quasi 20 milioni di persone hanno ricevuto la prima dose, pari al 9,8% della popolazione, e 5,8 milioni la seconda (2,7%).

“Con questo tasso di vaccinazione, l’unico modo per controllare efficacemente la diffusione del virus è imporre controlli completi, non solo controlli parziali in vigore nella maggior parte degli stati”, ha detto AFP, professore presso l’Università Federale di Ethel Magel Esprito. Santo (UFES).