Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

COVID-19: l’ECG può prevedere il rischio di morte e ricovero ospedaliero

“Le onde ECG più strette possono essere una guida importante per i medici, consentendo loro di anticipare i cambiamenti clinici prima che la salute dei pazienti COVID si deteriori” (iStock), hanno affermato i ricercatori.

Utilizzando un elettrocardiogramma (ECG), è possibile prevedere quali pazienti ricoverati con SARS-Cov-2 sono a maggior rischio di condizioni gravi e fatali. Questo è quanto emerso da uno studio Ospedale Mount Sinai, New York, USA, pubblicato in Giornale americano di cardiologia Eseguito su 140 pazienti ricoverati per coronavirus.

Che cos’è un elettrocardiogramma? È una procedura che misura l’attività elettrica del cuoreI movimenti del cuore sono registrati su un grafico. È usato per diagnosticare malattie cardiovascolari e aritmie o aritmie. Piccoli cerotti chiamati elettrodi vengono posizionati su braccia, gambe e petto e collegati tramite fili a una macchina che converte i segnali elettrici dal cuore in linee ondulate.

Lo studio mostra che la riduzione delle forme d’onda può essere utilizzata in questi test per aiutare a identificare meglio i pazienti ad alto rischio e fornire un monitoraggio e un trattamento più robusti. Il nostro studio mostra che Il restringimento delle forme d’onda ECG può essere uno strumento importante per i medici, che consente loro di anticipare i cambiamenti clinici E intervieni più velocemente durante la tua permanenza nel centro benessere. Il coordinatore del lavoro ha spiegato che l’ECG può essere utile per l’uso negli ospedali prima che le condizioni dei pazienti peggiorino Joshua Lambert Elettrofisiologia membro del cuore Ospedale Del Monte Sinai.

Un elettrocardiogramma è una procedura che misura l'attività elettrica del cuore (Getty Images)
Un elettrocardiogramma è una procedura che misura l’attività elettrica del cuore (Getty Images)

Per i ricercatori, poiché i casi di COVID-19 e i ricoveri sono di nuovo in aumento in alcuni stati degli Stati Uniti e in alcuni paesi europei, “gli elettrocardiogrammi potrebbero essere utili per i centri sanitari da utilizzare nel trattamento di questi pazienti prima che le loro condizioni peggiorino in modo significativo”, ha affermato Lambert. , aggiungendo: “Questo è particolarmente utile nei sistemi stressanti, dove non c’è attesa per un risultato di analisi del sangue, Una scansione del cuore può essere eseguita dalla maggior parte degli operatori sanitari. Inoltre, l’elettrocardiogramma può essere eseguito contemporaneamente ad altre cure fornite al paziente in ospedale”.

READ  The Lancet pubblica la sperimentazione della seconda dose di AstraZeneca per i bambini di età inferiore ai 60

I ricercatori hanno analizzato retrospettivamente l’elettrocardiogramma 140 pazienti ricoverati con COVID-19 Tra il 7 marzo e il 12 aprile 2020 e confrontalo con 281 elettrocardiogrammi di pazienti con influenza A o influenza B Laboratorio confermato e ricoverato al Mount Sinai Hospital di New York tra il 2 gennaio 2017 e il 5 gennaio 2020.

I ricercatori hanno confrontato gli elettrocardiogrammi di pazienti con coronavirus e influenza (Getty)
I ricercatori hanno confrontato gli elettrocardiogrammi di pazienti con coronavirus e influenza (Getty)

Nota dei ricercatori Tre punti ECG per ogni pazienteScansione di base eseguita entro 1 anno prima del ricovero ospedaliero per COVID-19 o influenza (disponibile presso i registri del Monte Sinai), sondaggio condotto al momento del ricovero in ospedale ed ECG di follow-up durante il ricovero.

Durante lo studio, hanno valutato manualmente l’altezza Onda QRS, una misura dell’attività elettrica dei ventricoli, le principali camere del cuore, i cambiamenti in questa attività elettrica possono essere un segno di insufficienza ventricolare. I ricercatori hanno analizzato un ECG di follow-up dopo il ricovero in ospedale e hanno analizzato i cambiamenti nelle forme d’onda secondo una serie di criteri che hanno chiamato Capacità LoQRS Determinare la contrazione del segnale elettrico sull’elettrocardiogramma. LoQRS è stato definito come un’ampiezza QRS inferiore a 5 mm misurata nelle braccia e nelle gambe o inferiore a 10 mm quando misurata sulla parete toracica, nonché una diminuzione relativa dell’altezza della forma d’onda in entrambe le posizioni di almeno il 50%.

I 52 pazienti nello studio non sono sopravvissuti a COVID-19 e l’analisi mostra che il 74% di questi pazienti aveva LoQRS. forme d’onda QRS, Misurando l’attività elettrica dei ventricoli, sono diventati più piccoli circa 5,3 giorni dopo il ricovero e sono morti circa 2 giorni dopo Che è stato trovato il primo ECG anomalo.

"L'attività elettrica dei ventricoli si è ridotta circa 5,3 giorni dopo il ricovero."Lo studio ha mostrato (Getty Images)
Lo studio ha mostrato che “l’attività elettrica dei ventricoli è diminuita circa 5,3 giorni dopo il ricovero” (Getty Images)

Tra i pazienti con influenza, LoQRS è stato identificato su 281 scansioni cardiache nell’11% di essi, 17 pazienti con influenza sono morti e LoQRS era presente nel 39% di questi casi. I pazienti affetti da influenza hanno soddisfatto i criteri per LoQRS in media 55 giorni dopo il ricovero. Questi risultati mostrano che I pazienti affetti da influenza hanno continuato ad avere una malattia meno virulenta rispetto ai pazienti COVID-19.

READ  Covid-19: i tannini aiutano a ridurre il processo infiammatorio

Per tutto questo, i ricercatori hanno concluso: “Quando si tratta della cura dei pazienti COVID-19, i nostri risultati suggeriscono che può È utile non solo per i medici rivedere l’ECG quando il paziente arriva per la prima volta in ospedale, ma anche per seguire l’ECG durante la loro permanenza in ospedale. Per valutare la presenza di LoQRS, in particolare se il paziente non ha compiuto profondi progressi clinici”, ha osservato Lambert.

“Se LoQRS è presente, il team può prendere in considerazione l’aumento delle cure mediche o il trasferimento del paziente in un ambiente altamente monitorato, come un’unità di terapia intensiva, in allerta per un imminente deterioramento della salute”, hanno concluso i ricercatori.

Continuare a leggere: