Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

COVID-19 in Europa: perché il numero di casi è in aumento?

Di fronte al forte aumento dei contagi, i minori tornano al centro del dibattito

È la velocità di trasmissione del coronavirus che l’Organizzazione mondiale della sanità ha appena giudicato “estremamente preoccupante”. È così che da diverse settimane viene descritta la situazione epidemiologica in Europa, dove i contagi si stanno moltiplicando, in molti casi nonostante gli alti tassi di vaccinazione.

Le indicazioni sono convincenti. In Europa, in sei settimane, i nuovi casi hanno raggiunto i 250.000 e sono stati registrati 3.600 decessi al giorno, secondo le statistiche ufficiali paese per paese raccolte fino al 4 novembre.

Lo scenario è sorprendentemente allarmante in molti paesi orientali, paesi che hanno anche tassi di vaccinazione molto bassi. Questo scatto, che è sorprendente visto il numero di infortuni in paesi come Germania andrò Olandae Viene analizzato da vari esperti internazionali per capire e prevedere le previsioni del virus, soprattutto quando nell’emisfero settentrionale è arrivato l’inverno più buio.

Al contrario, nonostante l’aumento dei casi per 100.000 abitanti nelle ultime statistiche, paesi come Spagna, Italia o Francia mantengono ancora questo forte trend di aumento dei contagi. però, Le autorità presumono che sarà solo un “vantaggio” temporaneo.

Con questo panorama, il file Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) molto Disturbato giovedì dalla velocità di trasmissione “estremamente preoccupante” di COVID-19 attualmente osservata in Europa, che potrebbe portare a un ulteriore mezzo milione di morti nel continente a febbraio.

“Siamo, ancora una volta, all’epicentro”, ha affermato il direttore dell’OMS Europa, Hans Kluge. Una rassegna di diversi paesi particolarmente colpiti e dei fattori che possono aver contribuito alla ripresa di questa nuova epidemia.

Nonostante il Regno Unito abbia registrato il maggior numero di contagi nel continente, In pochi giorni, la Germania ha registrato un picco di casi di COVID-19 dalla fine dell’autunno. E ha raggiunto il record di infortuni giornalieri giovedì, da dicembre 2020, con 37.120 casi, rispetto ai 33.949 del giorno precedente. Il numero di positivi è stato in media di 19.702 negli ultimi sette giorni, numero non raggiunto da fine aprile.

Secondo i dati di Istituto Robert KochL’epidemia si diffonde principalmente tra i non vaccinati. Particolarmente responsabili sono le persone che non sono state vaccinate e l’allentamento delle misure di barriera, come l’uso di una maschera o il distanziamento sociale. Secondo gli ultimi dati diffusi da questa autorità, 55,6 milioni di tedeschi hanno ricevuto due dosi del vaccino, ovvero il 66,8% della popolazione, mentre i Paesi meno infetti superano questo tasso di vaccinazione di circa 10 punti.

READ  Gli Stati membri dell'Unione Europea hanno concordato venerdì di vietare gli additivi coloranti alimentari ampiamente utilizzati

contenere la ricrescita, Jens Spahn, Il ministro federale della salute sta ora spingendo per un’azione più dura: giovedì ha concordato con gli operatori sanitari il vaccino di richiamo per tutti sei mesi dopo la seconda dose. Questo venerdì, il governo può annunciare maggiori dettagli con i ministri della salute degli stati federali.

L’aumento dei contagi è esponenziale anche nei Paesi Bassi. Secondo funzionari sanitari responsabili, nell’ultima settimana di ottobre hanno registrato una media di 7.711 nuovi casi al giorno, in crescita del 39% rispetto alla settimana precedente. “Non c’è da stupirsi che stasera abbiamo un messaggio difficile. “Il numero di feriti e di ricoveri ospedalieri sta aumentando rapidamente”, ha detto qualche giorno fa il primo ministro Mark Rutte, annunciando la reintroduzione delle restrizioni sanitarie.

L’obbligo di indossare la mascherina nelle istituzioni pubbliche chiuse, come negozi o uffici, tornerà ad essere la norma. Gli esperti ritengono che l’allentamento di queste regole sia uno dei fattori che hanno influito sullo stato attuale dei casi innescati. Il governo ha anche reintrodotto la regola del distanziamento sociale di 1,50 metri e ha esteso l’obbligo di fornire permessi sanitari in luoghi come musei e terrazze dei ristoranti.

Regno Unito, Da parte sua, è decollato rapidamente e ora sembra stabilizzarsi con 40.000 infezioni al giorno. Per molti esperti, sebbene attribuiscano l’epidemia a molteplici fattori, la decisione del governo britannico di porre fine all’uso delle mascherine a metà luglio e di revocare la maggior parte delle restrizioni anti-Covid è stata, almeno, di fretta.

L’epidemiologo e professore di sanità pubblica presso Jenbra Antoine Flaholt.

Il monitoraggio della situazione si ripete osservando altri paesi. Croaziae Laddove il tasso di vaccinazione contro il Covid-19 è tra i più bassi dell’Unione Europea, giovedì ha registrato un numero record di contagi in un solo giorno e le autorità hanno “pregato” i propri cittadini di accettare la vaccinazione. I test hanno confermato 6.310 persone infette dal coronavirus nel paese di 4,2 milioni di persone.

Austria Nelle ultime 24 ore ha registrato un totale di 19 morti e 8.593 nuovi contagi da COVID-19, un aumento del 32% rispetto a ieri e il numero più alto da novembre 2020. E il secondo paese più grande dallo scoppio dell’epidemia.

Ma potrebbe essere il caso Lettonia È uno dei più “elettrizzanti”. Il Parlamento ha autorizzato il licenziamento dei lavoratori che non accettano un’iniezione contro il virus. La Lettonia ha approvato giovedì una modifica legale che consentirà ai lavoratori non vaccinati e che non accettano il lavoro a distanza di svolgere lavori che possono essere svolti da casa. La Lettonia ha registrato giovedì 2.347 nuovi casi di COVID-19 e 47 decessi. Il tasso di infezione cumulativo è di 1.722 casi ogni 100.000 residenti.

La Lettonia si sta preparando per quattro settimane di blocco a causa dell'aumento dei casi di COVID-19.  Un lavoratore che non è stato vaccinato può essere licenziato
La Lettonia si sta preparando per quattro settimane di blocco a causa dell’aumento dei casi di COVID-19. Un lavoratore che non è stato vaccinato può essere licenziato

per questa parte, Grecia Si è rotto per la quarta volta in una settimana, registrato in infortuni quotidiani Quando sono stati segnalati 6.808 nuovi casi da ieri, erano i dati peggiori per l’intera pandemia. Quel numero supera il precedente massimo registrato martedì in 108 casi.

READ  La guida essenziale per conoscere la sua vita e il suo lavoro

Mentre, I paesi dell’Europa meridionale sembrano un po’ lontani da questi avvertimenti.La Francia mantiene alta la vigilanza, ma il tasso di contagio è ancora entro standard “accettabili”. però, Venerdì 5 novembre, l’Assemblea nazionale ha votato per ratificare una versione finale del disegno di legge su varie disposizioni sulla sorveglianza sanitaria, secondo la volontà del governo. Il voto dell’Assemblea nazionale, che ratifica il testo a nome di entrambe le Camere dopo l’opposizione del Senato, è stato di 118 contrari, 89 e un’astensione.

Il ritorno delle mascherine, il distanziamento sociale e l’estensione della salute fino all’estate saranno fondamentali per contenere i casi. Al momento, solo in alcune regioni francesi, soprattutto al sud, si è registrato un peggioramento degli ospedali a causa di un aumento dei contagi.

Si può dire che un’altra “oasi” vive SpagnaSecondo il Ministero della Salute, oltre 1,3 milioni di cittadini hanno ricevuto la dose di richiamo del vaccino. Il 78,7% della popolazione ha un programma di vaccinazione completo, 37,3 milioni di persone. Le autorità hanno anche segnalato 3.291 nuove infezioni e aggiunto 15 morti al numero ufficiale, il bilancio delle vittime più basso da luglio.

Tuttavia, il tasso di infezione cumulativo è aumentato di 2,3 punti a 51,6 casi ogni 100.000 abitanti negli ultimi 14 giorni, riportando la Spagna a medio rischio a causa della trasmissione del virus.

finalmente, L’Italia, un paese che ha sofferto come nessun altro della prima ondata mortale, ora mostra segni di speranza. Sebbene le infezioni Sta aumentando e le autorità sanitarie spiegano che c’è una grande differenza nel numero di morti. Nei paesi con un alto tasso di vaccinazioni, i decessi per virus sono inferiori rispetto ad altri paesi. La situazione non può essere paragonata fino allo scorso anno. Per questo Sanità italiana accelera la vaccinazione e soprattutto, come altri Paesi, la dose di richiamo.

READ  Gli studenti delle scuole superiori UNAM 2 vincono il concorso del CERN

I dati per l’Italia possono essere considerati tra i migliori, ma il monito resta e bisogna insistere sulla campagna vaccinaleLo ha detto il ministro della Salute. Roberto SperanzaAlla conferenza stampa di questa mattina per discutere della situazione della pandemia nel Paese e della campagna di vaccinazione. Al suo fianco il Generale Francesco Paolo Figlio, Commissario Straordinario per l’Emergenza COVID, e Direttore dell’Istituto Superiore di Sanità Franco Locatelli.

Il ministro ha aggiunto che i dati della campagna di vaccinazione sono incoraggianti. “Noi nell’86,45% della popolazione possiamo essere vaccinati con le prime dosi e l’83,3% è completamente vaccinato. Per quanto riguarda le terze dosi, la loro applicazione dovrebbe essere accelerata alle persone autorizzate, cioè quelle sopra i 60 anni e le persone fragili.Ha detto: Nelle prossime settimane lavoreremo anche per ridurre l’età minima.

“Il corridoio verde è uno strumento cruciale nella strategia del governo”, ha proseguito il ministro Speranza, rispondendo alle domande dei giornalisti italiani, e incoraggiando anche gli italiani a vaccinarsi. Il certificato verde è entrato nelle abitudini dei cittadini, ad oggi ne sono stati scaricati 117 milioni. È lo strumento della libertà. Ha spiegato che dalla terza dose durerà 12 mesi.

Continuano le proteste in Italia contro la richiesta della tessera sanitaria COVID-19
Continuano le proteste in Italia contro la richiesta della tessera sanitaria COVID-19

Ma nonostante il buon presente, non sfugge alle aspettative. Il virus continua a spingere più in alto i contagi, anche se in misura minore a causa della protezione dalla vaccinazione, nonché dei ricoveri e dei decessi, in quanto Rt supera il livello di allerta nazionale 1, arrivando a 1,15.

Finalmente arriva l’inverno e il virus si diffonde. Le conclusioni degli esperti sono: programma di vaccinazione completo, terze dosi per i pazienti con comorbilità e sei mesi dopo la seconda dose per tutti. e qualcosa Molti scienziati iniziano ripetendo: la maschera è qui per restare, come scappare. L’unica certezza è che il coronavirus, per ora e in base alle prove, è arrivato a convivere con tutti noi, almeno per un po’ di più.

Continuare a leggere

Europa e Stati Uniti soffrono di una pandemia non vaccinata
L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha avvertito che l’Europa ha raggiunto un punto critico nella pandemia di COVID-19: vaccinazione inadeguata, aumento dei casi e decessi
Alti tassi di infezione in Europa: qual è il piano B per fermare la diffusione di COVID-19?