Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Costa-Gavras: “La Grecia oggi è un Paese meno speranzoso rispetto agli anni ’60” | Il regista franco-greco presenta il suo ultimo film “Porte chiuse”

“Buonasera. È pomeriggio per te, vero? Il tono del telefono è speciale, come se uno straniero in Spagna avesse osato imitare la voce del River Plate. La conversazione con Pagina 12 Alternerai spagnolo e inglese, a seconda della complessità dei concetti da esprimere. Il regista franco-greco Costa Gavras, poliglotta e cosmopolita, i cui 88 anni non si sono riflessi nell’intensità delle espressioni e nella giocosità dei toni, a Cannes si sono goduti il ​​festival del cinema di quella città, e hanno appena assistito a un discorso dal vivo del presidente Emmanuel Macron. Cinema e politica, un binomio inscindibile in tutto il suo film. Nell’ambito della programmazione si presenta Entre-nous, il festival del cinema francese in programma fino a mercoledì 21 prossimo in diretta e faccia a faccia su Internet Il suo ultimo lungometraggio, Dietro porte chiuse, un’esplorazione fittizia delle sfide del governo di Alexis Tsipras, presidente della Grecia eletto nel 2015, nel bel mezzo di una crisi economica. Il punto di vista esclusivo è quello del tuo ministro delle finanze, Yanis VaroufakisL’attore Christos Lawless, che il film segue in infiniti incontri con inviati dell’Unione Europea, del Fondo Monetario Internazionale e delle banche internazionali, nel disperato tentativo di salvare il suo paese dalla catastrofe sociale.

Nato ad Atene nel febbraio 1933 come Konstantinos Gavras, Costa Gavras Su Nome piuma, che molti ancora confondono con un cognome composto, ha iniziato a lavorare nell’industria cinematografica francese dopo essersi diplomato all’IDHEC (Istituto di studi superiori di cinema) di Parigi. Come assistente alla regia per registi come René Claire, Henri Verneuil, René Clement e Jacques Demy nei primi anni ’60, il giovane aspirante regista si è fatto un nome come professionista, affidabile e creativo nelle mani giuste, oltre ad essere in contatto con un gran numero di stelle della festa, che in seguito avrebbero contribuito con i loro talenti. Il delitto nel vagone letto (1965), la sua prima apparizione. Basato sul romanzo dello scrittore Sebastian Gabriso, Costa-Gavras ha scritto la prima versione di questa sceneggiatura da solo, senza possedere i diritti di adattamento cinematografico, che sono stati successivamente acquisiti dal produttore Julien Deroud. Con Simone Signoret, sua figlia Catherine Allegrete, Michelle Piccoli, Yves Montand, Jean-Louis Trentinant e Jacques Perrin, oltre a brevi ma drammatiche apparizioni come Bernadette Lafont, la stanza dell’assassino lui è un poliziotto emigrato (l’identità dell’assassino è nota solo alla fine) che inizia con un misterioso omicidio su un treno a lunga percorrenza e può essere definita primaria giallo.

“In qualche modo, quello che ho cercato di dimostrare Il delitto nel vagone letto è che posso fare un film. E allo stesso tempo fare qualcosa di diverso da quello che si produceva in quel momento in Francia, soprattutto i miei colleghi della mia generazione”. Quanto ai grandi attori, Costa-Gavras ricorda: “Li conoscevo dal mio lavoro di assistente e quando ho chiesto loro se volevano partecipare, la maggioranza ha acconsentito. Alcuni di loro avevano anche ruoli molto piccoli. Il discorso doveva essere girato fuori che la storia era interessante.” Se si tiene conto del tema dei suoi film più famosi, non è facile definire quell’esordio come un film politico. Ma è così: ho cercato di parlare di persone che uccidono per soldi. Queste sono anche persone che non sono interessate alla società (ride). Sono interessati solo ai loro problemi.” Dopo un lungometraggio oggi ha dimenticato qualcosa, Un uomo è di troppo (1967), arriverà la dedizione internazionale Con (1969), il primo di una serie di thriller politici in cui saresti stato coinvolto riconoscimento (1970), Stato del sito (1972) e Mancante (1982) I loro discendenti più forti. In più di un modo, questi sono i film che hanno posto le chiavi di tutto il suo lavoro creativo.

READ  Collabora con canali privati, il modo possibile per TVE di brillare ancora una volta all'Eurovision

Nel suo ultimo lungometraggio, Costa-Gavras riflette ancora una volta sullo stato delle cose nel suo paese d’origine. Sebbene lo sfondo ora non sia l’instabilità politica prima della dittatura delle colonie descritta indirettamente nel romanzo Con Di Vassilis Vasilikos, l’origine del film adattato, ma la Grecia del 21° secolo, è un chiaro esempio del fallimento delle misure di austerità imposte dalle organizzazioni internazionali. basato sul libro Agire come un adulto: la mia battaglia con l’establishment europeoScritto dallo stesso Varoufakis dopo le sue dimissioni da ministro, Dietro porte chiuse Combina la satira con i meccanismi della suspense politica cinematografica. È un film sugli incontri in Europa, in teoria, molto serio e importante, durante il quale sono state prese molte decisioni. Ma non sapremo davvero quali siano state quelle decisioni. Tutti questi parlano a nome degli europei e c’è qualcosa là fuori che può essere definito con la frase “siamo seri, ma non siamo così seri”. Quindi ho cercato di mantenere un senso di sarcasmo per la maggior parte del tempo. Era importante allontanarsi dalla realtà di quegli incontri, che in fondo non sono altro che una falsa realtà».

– Nello specifico, gli spettatori che hanno visto i suoi film più famosi negli anni ’70 e ’80 lo ricordano sicuramente come un regista serio, ma Dietro porte chiuse Ha un tono diverso, molto ridicolo e persino innaturale in momenti diversi.

– Stavo pensando a tutti gli elementi di quelle discussioni e la maggior parte dei presenti non erano specialisti eccezionali, sebbene presentati in questo modo. L’importante era essere vicini alla verità di ciò che i personaggi dicono e fanno.

Quali cose sono cambiate in Grecia nel corso dei secoli? Con e quelli Dietro porte chiuse?

– È un paese diverso, con una popolazione diversa e più giovane. È anche un paese con meno speranze di quanto non fosse negli anni ’60, e allora c’era molta speranza, anche se tutto era molto doloroso. Ora non si sa dove stanno andando le cose, c’è una sorta di atteggiamento negativo in tutto: politica, appartenenza all’Europa, ecc. Anche se la maggior parte dei greci vuole rimanere in Europa. D’altra parte, la situazione economica è molto tragica. Non tanto quanto il film lo descrive, ma è comunque inquietante.

READ  Matteo Berrettini riceve l'invito al campionato di Federer dopo Wimbledon

In diversi momenti della tua carriera, la ricezione politica di alcuni dei tuoi film è stata molto diversa. Probabilmente il miglior esempio di ciò riconoscimentoChi è stato frainteso e ha attaccato a destra ea manca. Come è stato accolto Dietro porte chiuse?

– Era qualcosa di speciale. Ad esempio, in Francia, alcuni socialisti che hanno visto il film non sono stati positivi, anche se in molti casi l’accoglienza è stata negativa. Tutto dipende dal partito e dall’ideologia del giornalista. In Grecia era diverso: c’erano degli atteggiamenti molto negativi e viceversa. Ma lì la situazione è molto particolare, perché tutti hanno vissuto questi eventi e ogni abitante ha il suo film in testa. Quindi ci sono state reazioni molto entusiaste e meno entusiaste. Politicamente, il film non ha una posizione sottolineata, non si allinea a Varoufakis oa chi al governo ha altre idee, ma cerca di essere vicino alla realtà, a quello che è successo alle persone. Ho cercato di fare il film con due cose in mente: la situazione degli europei in generale e la situazione dei greci in particolare. Sono passati dieci anni dal momento finanziariamente più tragico e molti hanno incassato da quel tragico periodo. È molto facile fare soldi quando ci sono persone che vendono tutto ciò che hanno per sopravvivere.

Il titolo internazionale del film in inglese è adulti in camera (“Gli adulti nella stanza”), lo stesso titolo del libro di Yannis Varoufakis, che suona un po’ più ironico dello spagnolo Dietro porte chiuse.

-È possibile. Tuttavia, il titolo in spagnolo è vicino alla realtà, perché in quei luoghi le persone possono dire qualsiasi cosa e poi uscire allo scoperto e dire il contrario. “Dietro le porte chiuse” significa che non sai cosa sta succedendo dentro. In effetti, non si sa esattamente cosa sia stato detto in quegli incontri, perché non sono stati presi appunti precisi.

– La troupe cinematografica è composta da attori di diverse origini – greco, francese, tedesco – e molte lingue sono udibili, non solo il greco. Valeria Golino, un’attrice multilingue di origine italiana con padre italiano e madre greca, svolge un importante ruolo di supporto e parla un greco perfetto. Com’è stato il processo di casting?

– Per ottenere i soldi e finanziare il film, era importante avere attori riconosciuti, e molti di loro erano disposti a fare il film… ma se lo giravamo in inglese. E questo mi sembrava completamente assurdo, quindi la decisione è stata di avere, nei ruoli centrali, attori greci di personaggi di questa origine e attori di paesi diversi che rappresentano le origini dei personaggi. Ci sono tedeschi, italiani, spagnoli, e ognuno è del proprio paese. Questo è stato molto importante per me, perché anche se parlano inglese in certi momenti, ognuno ha il proprio accento.

Credi che sia più facile o più difficile fare film oggi rispetto agli anni ’70? Soprattutto quando si parla di film che si possono definire thriller politici, anche se molti spettatori continuano a pensare al concetto di “cinema di denuncia”.

READ  2021: Festival articolato | spettatore

Dico sempre che non faccio film politici. Faccio film sulle persone, su ciò che accade alle persone sotto il potere. E su come alcune persone usano quel potere. Ma è tutto politico, questa discussione che stiamo avendo è in qualche modo politica. Tutti i film, dalla nascita del cinema a Georges Millier, sono film politici perché parlano di persone. Qualsiasi film può essere analizzato politicamente. Non c’è dubbio su questo. Inoltre non mi piace dire che ho una “professione”. Questo è per i militari e i politici. Faccio solo film. Per quanto riguarda le difficoltà nel fare cinema… la questione oggi è senza dubbio più difficile. Soprattutto quando vuoi fare film che parlano delle difficoltà della società. Il motivo è che le persone che finanziano il cinema oggi sono le piattaforme o la televisione, almeno in Europa, e ciò che queste persone vogliono sono film di cui tutti siano contenti, in modo da poter vendere facilmente. E la maggior parte di loro, soprattutto sulle piattaforme, non ha un programma culturale, solo un piano economico. Allo stesso tempo, penso che molti registi oggi, molto più di prima, vogliano parlare della società, di come le persone vivono in una società radicalmente cambiata in cui la religione è denaro.

C’è ancora una falsa dicotomia tra cinema d’intrattenimento e cinema apparentemente serio…

-Non devi. Penso che il film, oltre ad essere politico, sia uno spettacolo. La gente va al cinema per vedere uno spettacolo, non per ascoltare un discorso politico o accademico. Vanno al cinema per passare due ore a sentire cose: piangere, ridere, odiare. Fa tutto parte della vita. Non si tratta di capirlo come divertimentoCome dicono gli americani ma come spettacolo: un dramma o una commedia che parla della vita.

-Stato del sito Ciò è accaduto in Uruguay durante il periodo di massima attività del movimento di liberazione nazionale. MancanteNel frattempo, ha raccontato gli eventi accaduti poco dopo il colpo di stato di Pinochet. Sei ancora interessato alla situazione in America Latina? Riuscite a immaginare di girare di nuovo un film sulla terraferma?

Certo che sono ancora interessato. Ma hai registi straordinari in Argentina. Certo, mi piacerebbe trovare una storia che mi interessi direttamente, ma allo stesso tempo ci sono molte cose che accadono in Europa … E inoltre, non è necessario mentire: alla mia età è molto difficile farcela tali azioni.