Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Coronavirus: il primo vaccino spagnolo ritarda l’inizio degli esperimenti con i volontari | Aziende

Il vaccino spagnolo richiesto contro Covid-19 è stato ritardato un po ‘più a lungo. L’opzione più avanzata, quella guidata dal ricercatore Mariano Esteban, del Consiglio Supremo per la Ricerca Scientifica (CSIC), con il supporto dell’azienda Tessuto vitale (Gruppo Zendal), l’inizio previsto delle sperimentazioni cliniche (sperimentazioni sull’uomo) è posticipato di alcune settimane. In questo modo, la Spagna rimane l’unica superpotenza economica senza questo tipo di studio del suo prodotto nazionale.

A gennaio, il CSIC ha annunciato che i virologi candidati Esteban e Juan García Arriaza avrebbero iniziato i test con i volontari entro poche settimane dal completamento dei test di laboratorio. Quindi il mese di marzo è stato menzionato come la data più probabile per iniziare i test. Tuttavia, la data più probabile è ora giugno, dopo aver visto la necessità di riprogettare il processo.

“Il ritardo si è verificato perché abbiamo rivisto il progetto del vaccino per una maggiore immunità”, hanno ammesso dal gruppo Zendal, che sarà la società responsabile della produzione del prodotto a O Porriño (Pontevedra). “Le sperimentazioni cliniche dovrebbero iniziare a giugno”, hanno aggiunto. Da parte CSIC, si sono rifiutati di commentare fino a quando non sono emerse notizie.

Zendal ha già iniziato a produrre il vaccino CSIC nello stabilimento di Pontevedra per i primi lotti di prova. Questa azienda galiziana è anche associata alla società biotecnologica americana Novavax per produrre l’antigene per una delle sue opzioni più avanzate (nella terza fase pre-commerciale).

Da Aemps (Agenzia spagnola per i medicinali e i prodotti sanitari), è stato chiarito che si aspettano che il gruppo guidato da Esteban e Arriaza richieda il permesso per avviare presto le sperimentazioni cliniche. “Al momento Aemps non ha ricevuto alcuna richiesta di autorizzazione per condurre una sperimentazione clinica per il progetto del gruppo di ricerca guidato da Mariano Esteban. Tuttavia, la comunicazione con loro è fluida e stanno procedendo a un buon ritmo, quindi speriamo che possano inviarlo presto, ”Sottolinea il portavoce del ministero della Salute.

READ  Dopo due mesi in ospedale, Capito ha lasciato l'Hospital de Clinicas: come sta la sua salute

Il ritardo nell’avvio delle sperimentazioni cliniche lascia la Spagna nel gruppo di paesi che a quel punto non hanno un vaccino nazionale. Come evidenziato da questo giornale a gennaio, più di 20 paesi, compresi tutti i paesi con il PIL più elevato ad eccezione della Spagna, hanno già prodotti in studio negli ospedali o già autorizzati. Gli Stati Uniti stanno emergendo come una forza potente grazie a società come Pfizer, Janssen, Moderna o Novavax, oltre a varie opzioni cinesi (tra cui Cansino, Sinovac o Sinopharm), britannica AstraZeneca, tedesca CureVac, BioNTech o russa Sputnik.

Il Ministero della Scienza guidato da Pedro Duque ha insistito in più occasioni sull’importanza di sviluppare un’alternativa nazionale per creare quella catena che si sposta dalla ricerca all’industria farmaceutica, soprattutto in caso di potenziali epidemie future o per migliorare i vaccini già esistenti per Covid-19 .

Altre importanti economie del pianeta come India, Francia, Italia, Canada, Corea del Sud e Australia, se riescono a superare le fasi di laboratorio e stanno già portando avanti i test clinici prima che i loro candidati siano ammessi.

Anche le economie più piccole come Cuba, Israele, Vietnam, Thailandia, Indonesia, Turchia e Kazakistan hanno già le loro versioni negli esperimenti.

Ci sono attualmente 14 vaccini SARS-CoV-2 con licenza commerciale nel mondo o con permessi per l’uso di emergenza. Inoltre, ci sono 91 nello studio clinico, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) nel suo ultimo aggiornamento il 23 aprile.

Molte opzioni

Il candidato Mariano Esteban e Juan García Arriaza è chiamato temporaneamente MVA-CoV-2 e utilizza il virus del vaccino Ankara modificato (MVA) come veicolo per il trasporto della proteina SARS-CoV-2 (proteina S) che stimola la difesa immunitaria contro il Coronavirus.

READ  In che modo le fasi lunari influenzano l'attività vulcanica?

Un altro team del team CSIC con un candidato più avanzato è il team del ricercatore Luis Enjuanes, che dovrebbe anche iniziare le sperimentazioni cliniche nel prossimo futuro.