Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Conto alla rovescia per “Vaccino economico” | Opinione

Mercoledì la Commissione Europea, guidata dal Vicepresidente esecutivo per l’Economia al servizio del popolo, Valdis Dombrovskis; Il commissario per l’Economia Paolo Gentiloni e il commissario per il Lavoro ei diritti sociali Nicholas Schmidt hanno presentato la serie di raccomandazioni per il semestre europeo. E, come di consueto negli ultimi anni, l’economia spagnola ha occupato gran parte delle raccomandazioni.

Il semestre europeo è uno spazio di coordinamento delle politiche economiche, di bilancio, sociali e occupazionali all’interno dell’Unione europea. Fa parte del quadro di governance economica dell’Unione europea. Si tratta quindi di proporre una serie di raccomandazioni e azioni per unificare le economie dell’Unione Europea, in cui gli Stati membri operano soprattutto durante i primi mesi dell’anno, da cui il nome European Semester.

Si è parlato molto dell’economia spagnola ed è stato pubblicamente riconosciuto che la Spagna ha degli squilibri, il che è un modo educato per sottolineare quella che probabilmente finirebbe per essere la peggiore recessione post-Covid in Europa. La Commissione sottolinea le “debolezze” dell’economia spagnola mentre soffriva di un alto livello di indebitamento, che non si vedeva in Spagna dal 1902; E un tasso di disoccupazione molto alto, ancora sostituito dall’ERTE, che non dovrebbe iniziare a diminuire fino al prossimo anno.

Nel nostro caso, il punto di partenza per la crisi economica derivata dal Covid è significativamente peggiore del punto di partenza per la crisi finanziaria. Nel 2008 il tasso di disoccupazione si aggirava intorno all’8%. nel 2020 circa il 14%; Il debito pubblico rappresentava il 40% del PIL, mentre all’inizio della pandemia era il 100% del PIL, senza dimenticare che la Spagna non ha recuperato il suo PIL nominale dal 2008 al 2016 (otto anni dopo). Questo non fa che aumentare la distanza tra la Spagna ei motori economici dell’Europa.

READ  Stellantis aumenta la redditività nel primo semestre | Economia

Finora il debito pubblico spagnolo ha già raggiunto il 120% del PIL. Per arginare questa accelerazione dell’indebitamento, la Commissione raccomanda a tutti gli Stati di prestare particolare attenzione alle normali spese di funzionamento dell’amministrazione, e in particolare chiede una “politica fiscale prudente” per contenere l’aumento della spesa pubblica. Dovremmo preoccuparci non tanto dell’aumento della spesa pubblica e del conseguente indebitamento, ma dell’obiettivo di questo aumento della spesa/indebitamento, ovvero perché prendiamo a prestito. Se si tratta di migliorare la produttività, aumentare la creazione di posti di lavoro o implementare i cambiamenti strutturali di cui ha bisogno l’economia spagnola, non sarà un problema. Ma temo che gran parte di questo aumento del debito sia destinato a far andare avanti l’amministrazione.

Una delle principali raccomandazioni di Bruxelles è che gli aiuti del Next Generation Plan dell’UE finanzino ulteriori investimenti a favore della crescita da una prospettiva digitale e ambientale, affrontando i principali problemi strutturali dell’economia spagnola. Questi problemi deriveranno dalla bassa produttività, dall’elevata disoccupazione e dall’elevato peso del settore dei servizi. Continueranno ad aiutare le finanze pubbliche, ma avvertono della necessità di aggiustare il deficit.

Il semestre europeo conferma che la clausola di salvaguardia generale, che consente il mancato rispetto delle regole finanziarie per contrastare gli effetti della pandemia, rimarrà in vigore nel 2022 e verrà disattivata con l’ingresso nel 2023. Si parla di “evitare prematuri ritiro del sostegno e beneficiare del finanziamento del Recovery and Resilience Fund”, Prendendo atto che il ritiro delle misure finanziarie sarà analizzato caso per caso. In altre parole, non può essere fatto tutto in una volta, ma in 2023 inizierà la fine del divieto finanziario gratuito e gli stati dovranno adottare posizioni finanziariamente più sostenibili.

READ  Draghi raduna i ministri dell'Ambiente e dell'Economia per la bolletta elettrica

Se il Patto di stabilità e crescita dovesse essere in vigore, solo tre paesi (Bulgaria, Danimarca e Svezia) rispetterebbero le due regole principali: mantenere i disavanzi al di sotto del 3% e il debito pubblico al di sotto del 60%. Se si tiene conto solo del debito pubblico, 13 paesi superano il 60%: Spagna, Belgio, Germania, Grecia, Francia, Croazia, Italia, Cipro, Ungheria, Austria, Portogallo, Slovenia e Finlandia.

Come affermato ieri nell’ambito del semestre europeo, la Spagna ha 18 mesi di tempo per trovare un “vaccino economico”, una ricetta che le permetta di uscire dalla crisi senza i costi elevati che avrebbe dovuto sostenere con i suoi predecessori. . Direi che si presume che, come ho spiegato nei paragrafi precedenti, la Spagna affronti una crisi economica senza uscire dalla crisi precedente. Questi costi si riscontrano in un alto livello di disoccupazione – strutturalmente elevato – che grava sulla ripresa economica a causa della minore domanda interna e grava sulle finanze pubbliche a causa di un minor reddito (principalmente a causa della minore imposta sul reddito delle persone fisiche) e di un aumento della spesa (in particolare i benefici). Inoltre, l’alto livello di disoccupazione si traduce in salari più bassi, meno consumi e molto turnover del lavoro, con conseguente sincronizzazione temporale e doppio mercato che impedisce anche a chi ha un lavoro di consumare eccessivamente. Se a questo aggiungiamo il problema delle pensioni e le previste difficoltà del settore turistico quest’estate (15% del PIL della nostra economia), le prospettive sono fosche.

Se la capacità di indebitamento pubblico non è stata significativamente modificata, è stato a causa del ruolo e della politica monetaria della BCE e dei suoi massicci acquisti di attività, che hanno gonfiato il bilancio della BCE a oltre il 60% del PIL dell’Eurozona. Abbiamo un anno e mezzo per gettare le basi per un’economia sostenibile senza “qualsiasi cosa” a Francoforte.

READ  Il Cile è ancora lontano dai livelli occupazionali nelle economie OCSE

Albert Givernow Professore di Economia e Ricercatore presso la Cattedra Jean Monnet in European Tax Integration (Eufis) presso Abat Oliba CEU.