Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Conosci l’Italia e riscopri il valore dell’economia italiana

Conosci l’Italia e riscopri il valore dell’economia italiana

Da molti anni l’Italia è oggetto di stereotipi che possono incidere sull’immagine del Paese Bill Pais Il che mette in ombra i vantaggi e le capacità di una delle maggiori economie mondiali, inclusa anche nel G7. Per questo motivo, l’analisi dei dati sulla performance economica nazionale può confutare molti di questi pregiudizi comuni sull’Italia e aiutare a riscoprire il valore, a volte dimenticato, dell’ecosistema economico italiano.

innanzitutto, Si possono individuare diversi punti di contatto tra Italia e Costa Rica. Ad esempio, entrambi i paesi sono destinazioni di afflussi significativi di investimenti diretti esteri. Questa è esattamente l’area a cui aspira l’Italia, come la Costa Rica Diventare uno dei paesi più attraenti della sua regione Per gli investitori stranieri.

Inoltre, entrambi i paesi mostrano un interesse particolare nella valutazione del proprio capitale umano. Infatti, contrariamente agli stereotipi che vedono l’Italia come un Paese arretrato con una mentalità superata, il Paese sta promuovendo attività e programmi che rendono il suo sistema educativo tra i migliori al mondo. Non è un caso che ci sia 8 università italiane nella lista delle 300 migliori università del mondoInoltre, alcune università sono tra le prime dieci al mondo per quanto riguarda i temi legati all’innovazione. Un’altra prova della qualità del capitale umano nazionale e dell’interesse del Paese per il futuro è la quota di addetti nei settori ad alta tecnologia rispetto al totale degli addetti e il numero di pubblicazioni scientifiche presentate dagli italiani sulle più importanti riviste specializzate del settore. mondo. mondo. .

Come la Costa Rica, anche l’Italia ha dimostrato che la sua economia è fortemente orientata alle esportazioni. La forza di questa componente del Pil nazionale è supportata dai dati: nel 2023 le esportazioni italiane dovrebbero raggiungere quasi gli 800 miliardi di euro, con una crescita prevista del 6,7% rispetto all’anno precedente. Vale la pena notare che se guardiamo al periodo compreso tra il 2020 e il 2022, le esportazioni italiane di beni e servizi hanno visto una crescita del loro valore nominale del 45%. Il grande valore dell’export italiano è confermato dalle statistiche rispetto agli altri Paesi: l’Italia è il secondo Paese al mondo per numero totale di piattaforme ottenute nell’export di diverse categorie merceologiche. Ciò significa che solo un Paese ha ottenuto più primi, secondi o terzi posti dell’Italia come esportatore nelle diverse categorie di prodotti. Non ultimo, il Paese ha dimostrato di saper sfruttare al meglio la sua collocazione geografica nel Vecchio Continente, proponendosi come un efficace hub logistico per l’approvvigionamento energetico, attraverso oleodotti e oleodotti.

READ  Il crollo del settore immobiliare in Germania e negli Stati Uniti minaccia di provocare un effetto domino nell'edilizia abitativa globale, secondo la Federal Reserve di Dallas

Oltre ad avere un’economia comune focalizzata sull’esportazione di beni e servizi, Italia e Costa Rica condividono anche alcuni settori in cui si concentrano le esportazioni, Soprattutto agricolo, alimentare e medico. Così come le esportazioni della Costa Rica traggono grande beneficio dalla vendita all’estero della frutta prodotta localmente, anche l’Italia ha un settore agroalimentare abbastanza dinamico: il valore aggiunto del settore agroalimentare italiano è superiore a quello dei settori industriali ad alta tecnologia di altri paesi europei . Paesi. Ad esempio, il valore aggiunto generato dal settore agroalimentare nazionale è più di tre volte quello del settore automobilistico in Francia e Spagna, o più del doppio del valore accumulato dai settori aeronautico e aerospaziale in Francia, Germania e Regno Unito . .

Per quanto riguarda il settore medico, mentre la Costa Rica si concentra principalmente sull’esportazione di apparecchiature mediche all’estero, l’Italia può vantarsi di essere leader nell’Unione Europea nelle esportazioni del settore farmaceutico. Negli ultimi dieci anni, infatti, le esportazioni nazionali di medicinali sono aumentate del 176,1%, più di qualsiasi altro Paese dell’Unione Europea. L’Italia è al primo posto anche per valore della produzione delle PMI dedicate al settore farmaceutico (6,6 miliardi di euro; più del doppio della Germania al secondo posto).

Come tutte le economie globali, l’economia italiana ha inevitabilmente subito le conseguenze della pandemia di COVID-19 nel 2020. Tuttavia, vi sono molteplici indicatori che indicano una notevole ripresa per il Paese dalla fine della crisi. Grazie ai suoi risultati, infatti, l’Italia ha fatto notevoli progressi rispetto a paesi come Francia e Germania in termini di reputazione e attrattività sui mercati esteri.

Il primo grande segnale di ripresa dell’Italia arriva dal mercato del lavoro: dopo il crollo del numero degli occupati registrato nel 2020, il tasso di occupazione è in costante aumento e oggi, contrariamente allo stereotipo che considera la sua popolazione poco lavoratrice, l’Italia ha raggiunto e ha raggiunto il numero di dipendenti più alto mai registrato nella sua storia (23,7 milioni), in aumento del 3% rispetto al periodo pre-pandemia.

READ  “La pesca non può sprecare capitale umano importante quanto le donne”.

La ripresa post-pandemia dell’Italia si riflette anche in un altro indicatore macroeconomico che spesso è motivo di preoccupazione e frustrazione per chi desidera investire nel Paese: il debito pubblico nazionale. Infatti, sebbene il debito nazionale a livello nominale (2.760 miliardi di euro) sia su livelli simili a quelli di altri paesi europei come Francia e Germania, il rapporto tra debito e Pil suscita sempre preoccupazioni tra gli esperti del settore. Tuttavia, a partire dal 2021 è iniziato un costante calo del rapporto debito/PIL e molti analisti prevedono che questa tendenza continui nei prossimi anni.

La crescita e il rafforzamento dell’economia italiana nel periodo post-pandemia è testimoniato anche dai depositi delle famiglie e delle imprese, che oggi ammontano rispettivamente a oltre 1 trilione e 400 miliardi di euro. Per entrambi gli indicatori si registra una significativa variazione positiva rispetto al 2020: +1,4% per i depositi delle famiglie e +4,2% per quelli delle imprese.

Infine, e talvolta confutando l’idea ampiamente diffusa secondo cui l’Italia è uno stato statico di fronte a un contesto internazionale in evoluzione, i governi nazionali hanno mostrato interesse per la sicurezza economica. Consideriamo, ad esempio, i recenti sforzi per concludere nuovi accordi sulle forniture energetiche, un aspetto critico della performance di qualsiasi economia. L’Italia ha assunto un impegno significativo per diversificare i partner da cui riceve risorse energetiche, in particolare gas naturale, dimostrando preoccupazione per la sicurezza e la resilienza del proprio ecosistema economico.

Nonostante gli stereotipi e le preoccupazioni sull’economia italiana, i dati presentati Mostrare una realtà più dinamica e promettente. L’Italia sta mostrando una notevole ripresa post-pandemia, mettendo in risalto le esportazioni, lo sviluppo del capitale umano e la sicurezza economica. La diversificazione delle forniture energetiche riflette un approccio proattivo alla resilienza economica.

READ  Questo è il primo aerotaxi della Spagna: le dimensioni di un Land Roar e un'autonomia di 15 km

Questi indicatori sfidano i pregiudizi e sottolineano il potenziale dell’Italia come destinazione attraente per gli investitori stranieri.

alberto.colella@esteri.it

L’autore è l’Ambasciatore italiano in Costa Rica.