Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Conferenza delle Nazioni Unite sull’Oceano

Di fronte al cambiamento climatico, alla perdita di biodiversità e all’inquinamento che devastano gli oceani del mondo, che sono fondamentali per la sicurezza alimentare, la crescita economica e l’ambiente, la Conferenza oceanica delle Nazioni Unite del 2022 si è aperta lunedì a Lisbona, in Portogallo, con l’invito ad aprire un nuovo capitolo. dell’azione oceanica guidata da scienza, tecnologia e innovazione.

“Purtroppo abbiamo dato per scontato l’oceano e oggi ci troviamo di fronte a quella che definirei un'”emergenza oceanica”, ha detto ai delegati il ​​segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres in apertura della conferenza. “Dobbiamo invertire questa tendenza. Un oceano sano e produttivo è vitale per il nostro futuro comune”.

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha anche affermato che ci sono buone notizie con uno strumento giuridicamente vincolante sulla conservazione e l’uso sostenibile della biodiversità marina in aree al di fuori della giurisdizione nazionale; È in corso la negoziazione di un nuovo trattato per affrontare la crisi mondiale della plastica che soffoca i nostri oceani; Una settimana fa, attraverso l’accordo dell’OMC sono state evidenziate azioni multilaterali per porre fine ai sussidi dannosi alla pesca. Ma ha anche notato che c’è ancora molto da fare.


Gli oceani sono fondamentali per l’equilibrio delle forze

“Gli oceani sono fondamentali per l’equilibrio geopolitico del potere”, ha affermato il presidente del Portogallo, Marcelo Rebelo de Sousa, nel suo discorso di apertura. “Assistenza sanitaria, risorse economiche, energia, mobilità, migrazione, sviluppo scientifico e tecnologico, cambiamento climatico, tutto questo esiste nel contesto o come risultato di un’epidemia, di una guerra e di una crisi”.

Più di 20 capi di stato e di governo, insieme a migliaia di giovani, leader aziendali, studiosi e rappresentanti della società civile, hanno presentato soluzioni nuove, audaci e innovative per guidare il cambiamento trasformativo per affrontare efficacemente le sfide che ci attendono.

READ  ultima ora di incendio, ettari, evacuazioni, comunità, comuni, vigili del fuoco, UME, ondata di caldo

I paesi europei hanno partecipato attivamente alla discussione generale.

Ecco alcuni dei punti salienti:

– Il Commissione europea Ha annunciato 50 contributi volontari per un valore di 7 miliardi di euro, di cui 1 miliardo per la tutela della biodiversità in alto mare.

Grecia Annunciata una partnership con gli Stati Uniti per ospitare la nona conferenza sui nostri oceani nel 2024.

Italia Ha invitato altri a partecipare alla Blue Leaders Initiative, dove hanno co-lanciato un programma di restauro da 400 milioni di euro.

Portogallo Ha notato i progressi nella sostenibilità degli oceani, come garantire che il 100% delle aree marine sotto la giurisdizione portoghese siano zone ecologiche, riconoscere il legame tra scienza e oceano e sviluppare una strategia bioeconomica.

Spagna Sottolineare il valore della pesca sostenibile,

Lussemburgo Sul recente lancio del Blue Natural Capital Fund per gli investimenti nella blue economy.

birra Ha annunciato che avrebbe dato la priorità al rapporto tra clima, oceano e sicurezza al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Belgio Sono ottimisti sull’invertire il degrado degli oceani raggiungendo l’obiettivo 30 x 30 sulle aree protette. Insieme al Sudafrica, agli Stati Federati di Micronesia e ad altri, il Belgio sta finalizzando i negoziati sulla Convenzione sulla conservazione della diversità biologica marina e sul suo uso sostenibile delle aree al di là della giurisdizione nazionale (BBNJ).

Islanda Evidenzia il valore degli oceani e delle risorse marine per fornire soluzioni alle crisi attuali e nutrire le persone. L’Islanda ha annunciato di aver aderito alla High Ambition Alliance della BBNJ.

Germania Ha evidenziato l’accordo del G7 sugli oceani, che dà priorità, tra le altre cose, alla conclusione dei negoziati BBNJ e ai rigorosi piani e standard di gestione ambientale nell’ambito dell’ISA.

READ  tra tutti | Vitalità, impegno per la medicina, la salute e il benessere

Olanda Ha evidenziato l’accordo sul Mare del Nord del 2020 come parte delle ambizioni di un’economia blu sostenibile.

Irlanda impegni congiunti, tra l’altro, per espandere le aree marine protette al 30% e disporre di 5 GW di energia rinnovabile marina entro il 2030; Ha impegnato 10 milioni di euro per un’azione oceanica internazionale a sostegno di un partenariato di ricerca con i piccoli Stati insulari in via di sviluppo.

Regno Unito ha evidenziato gli impegni per raddoppiare i finanziamenti per il clima a 11,6 miliardi di sterline, con un terzo destinato a soluzioni basate sulla natura con un investimento di 500 milioni di sterline nel Blue Planet Fund; e investire 154 milioni di sterline in un nuovo programma costiero che aiuti le comunità vulnerabili ad adattarsi ai cambiamenti climatici.

Oceani: un fattore chiave per lo sviluppo sostenibile

Il tema della conferenza, “Scaling up science and innovation-based action on the oceans to raggiungere Goal 14: Assessment, partnerships and solutions”, in linea con il Decennio di oceanografia per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, sottolinea l’esigenza fondamentale di scienza e tecnologia marine per aumentare la resilienza degli oceani.

Le attività umane mettono in pericolo la salute degli oceani. Secondo il rapporto dell’Organizzazione meteorologica mondiale sullo stato del clima globale nel 2021, l’innalzamento del livello del mare, la temperatura degli oceani, l’acidificazione degli oceani e le concentrazioni di gas serra stabiliranno nuovi record nel 2021. Inoltre, l’inquinamento marino sta aumentando a un ritmo allarmante e se le tendenze attuali continuano Quasi la metà delle specie marine del mondo potrebbe estinguersi entro il 2100.

READ  Punti salienti degli sviluppi medici e biofarmaceutici a Cuba in Italia

L’oceano è il principale motore dello sviluppo sostenibile, in linea con l’obiettivo di sviluppo sostenibile 14. La salute umana, la forte crescita economica e la stabilità climatica dipendono dalla salute dell’oceano.

L’oceano è una barriera vitale contro il cambiamento climatico, assorbendo circa il 25% di tutte le emissioni di anidride carbonica. Più di 3,5 miliardi di persone dipendono dall’oceano per la loro sicurezza alimentare, mentre quasi 120 milioni di persone sono direttamente impiegate in attività legate alla pesca e all’acquacoltura. La maggior parte di questi lavoratori vive nei paesi in via di sviluppo, in particolare nei piccoli stati insulari in via di sviluppo e nei paesi meno sviluppati.

maggiori informazioni:

Conferenza sugli oceani, Lisbona, Portogallo

Giornata mondiale degli oceani, 8 giugno

Centro di Informazione del Centro Regionale delle Nazioni Unite per il Mediterraneo Orientale – Risorse delle Nazioni Unite