Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Punto di riferimento storico: sono riusciti a risalire all’origine della peste nera, la peggiore pandemia che abbia colpito l’umanità

“Il trionfo della morte” è una delle opere più famose del pittore fiammingo Pieter Bruegel che raffigura l’arrivo della peste nera in Europa

Il Morte Nera È stata l’epidemia più devastante della storia umana. Che colpì l’Europa e l’Asia nel XIV secolo e raggiunse il suo apice tra il 1347 e il 1353 quando Ha ucciso tra 80 e 200 milioni di persone.

Gli storici lo stimano Questa malattia ha causato la morte della popolazione europea, causando la morte tra il 30% e il 60% della popolazione di quel continente a causa di batteri. Yersinia peste. Secondo le conoscenze contemporanee, l’epidemia è apparsa per la prima volta in Asia e in seguito ha raggiunto l’Europa attraverso rotte commerciali. L’epidemia raggiunse l’Europa attraverso il bacino del Mediterraneo nel 1346 d.C., da navi mercantili provenienti dal Mar Nero, Si diffuse in tutta Europa, Medio Oriente e Nord Africa nella prima diffusione su larga scala che durò fino all’inizio dell’Ottocento (in varie ondate) e causò la morte di più della metà della popolazione europea.

Attualmente Un team interdisciplinare di scienziati è stato in grado di determinare l’origine della peste nera, la più grande pandemia della storia, nella regione dei Monti Tian Shan dell’Asia centrale. Nella prima metà del Trecento fu così delucidato uno dei più grandi misteri della scienza, nello studio che Inserito oggi rivista temperare la natura. In questo studio, un gruppo di scienziati del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology di Lipsia (Germania), dell’Università di Tubinga (Germania) e dell’Università di Stirling (Regno Unito) hanno tracciato le origini del primo ceppo di batteri causali. Dalla peste nera, Yersinia pestis, Al distretto dei laghi di Issyk Kul, nell’attuale Kirghizistan.

Pietra tombale scavata di una persona morta di peste nera dal cimitero di Kara Djigach nell'attuale Kirghizistan
Pietra tombale scavata di una persona morta di peste nera dal cimitero di Kara Djigach nell’attuale Kirghizistan

Molte teorie collocano l’origine di questa epidemia in luoghi dell’Asia, come la Cina o la Mongolia, ma in questo studio i ricercatori lo hanno dimostrato Il focolaio iniziale in quest’area proveniva dall’Asia centrale, un’area attraversata da importanti rotte commerciali sulla Via della Seta nel Medioevo.

Questa scoperta è stata resa possibile dall’indagine sui resti umani che sono stati scoperti in due cimiteri in questa regione dell’Asia durante gli scavi condotti quasi 140 anni fa. Alcune iscrizioni sulle lapidi di queste nicchie in siriaco indicano che gli individui ivi sepolti morirono nel 1338 e nel 1339 a causa di un’epidemia sconosciuta. I ricercatori hanno analizzato il DNA antico da questi resti umaniOltre ai dati storici e archeologici di queste due comunità colpite da questa misteriosa malattia, e che attestano la presenza del batterio Yersinia pestis. L’epidemia è scomparsa ed è riemersa a ondate in un periodo di 500 anni.

READ  Ecco come la fine delle maschere può influire su di te

Finora, la Cina è stata uno degli indizi più citati, ma non ci sono prove solide che consentano di verificare questa teoria. “Sono sempre stato affascinato dalla peste nera e uno dei miei sogni era quello di risolvere il mistero della sua origineha spiegato uno storico specializzato in disastri elefante schiavo Uno degli autori dello studio, in conferenza stampa. “La cosa più importante non è solo che abbiamo rilevato Yersinia pestis in queste sepolture, ma anche, in termini di evoluzione, gli stessi batteri sono all’origine della pandemia di peste nera”, ha detto Slavin. In altre parole, È una varietà più vecchia della varietà Black Death in Europa. Per essere più precisi, è il ceppo che coincide esattamente con l’inizio dell’epidemia“, Ha aggiunto.

Gli studi sul polline antico indicano che la peste nera ha colpito alcune aree dell'Europa e ne ha devastato altre (di Jonathan Corum | Fonti: Adam Izdebsky et al., Natural Ecology and Evolution. Modern Frontiers Shown)
Gli studi sul polline antico indicano che la peste nera ha colpito alcune aree dell’Europa e ne ha devastato altre (di Jonathan Corum | Fonti: Adam Izdebsky et al., Natural Ecology and Evolution. Modern Frontiers Shown)

Lo studio suggerisce che ad un certo punto nel 14° secolo ci fu un evento che i ricercatori chiamano il “Big Bang”.un’enorme diversità di ceppi di peste, che li collega alla formazione della prima ondata di peste nera in Europa tra il 1346 e il 1353. Il team è riuscito a sequenziare il genoma completo di questa prima piaga dai cimiteri del Kirghizistan E ha scoperto che queste antiche dinastie “cadono proprio nel nodo di origine di questo enorme evento di diversificazione”, come dice lei. Maria Spiro Ricercatore presso l’Università di Tubinga e anche autore dell’opera.

Cento delle circa 400 lapidi hanno date specifiche, tra il 1338 e il 1339. La lapide menziona “morte per pestilenza” in siriaco. Questi segni indicano un tasso di mortalità anormalmente alto all’interno della comunità, sette o otto anni prima che la peste nera raggiungesse l’Europa. Per scoprire la causa della morte, i ricercatori hanno ottenuto il DNA da dentiere appartenenti a sette scheletri. “La polpa dentale è un indizio prezioso, perché è una regione vascolare molto alta che offre un alto potenziale per il rilevamento di agenti patogeni nel sangue”, ha spiegato Spyro. Il DNA può essere sequenziato (un compito molto difficile perché così frammentato) e quindi confrontato con un database contenente i genomi di migliaia di batteri.

Plague Shield: la morte incorona il vincitore.  1607-37, Augusta, Germania.
Plague Shield: la morte incorona il vincitore. 1607-37, Augusta, Germania.

Gli scienziati hanno concluso che l’antico ceppo dell’Asia centrale che ha causato l’epidemia di peste nel 1338-1339 in Kirghizistan è passato agli esseri umani dalle popolazioni di tassi in questa regione, che fungono da serbatoi per i batteri, che in seguito si trasformano in varie varianti che si sono diffuse in tutto il mondo. “Questo lignaggio precede il ‘Big Bang’, che è stato un evento evolutivo fondamentale, e qualsiasi evento del genere deve essersi evoluto da un lignaggio precedente”, ha detto Slavin.

READ  Tempeste e fulmini nei dipinti

Ottenere i genomi dei batteri della peste ereditati dagli antenati di coloro che sono dietro la peste nera è un “grande progresso”, afferma Monica Green, storica medievale e ricercatrice indipendente a Phoenix, in Arizona. “Le lapidi sono le più vicine che avremo mai” ai certificati di morte. Quindi sappiamo che questo rapporto Y. pestis esisteva all’epoca”. Ma non è sicura del risultato dello studio, che il “big bang” della peste si sia verificato all’epoca della morte del Kirghizistan nel 1338-1339. Greene ha ipotizzato, sulla base di dati genetici, ambientali , e prove storiche, che l’espansione dell’Impero Mongolo nel XIII secolo stimolò la diffusione e la diversificazione delle razze Y. pestis responsabile della successiva peste nera.

Il ricercatore ha fatto un’analogia con la pandemia di coronavirus: “Abbiamo alfa, beta, gamma, delta, omicron… Omicron si è evoluto da delta e delta si è evoluto da gamma. Potrebbe non essere il miglior confronto, ma quello che sappiamo è che questo ceppo è antecedente al ceppo Black Death”. da microrganismi come virus e batteri.

La catena montuosa del Tian Shan, dove i ricercatori hanno trovato ceppi moderni di batteri che causano la peste legati ad antichi batteri del Kirghizistan.
La catena montuosa del Tian Shan, dove i ricercatori hanno trovato ceppi moderni di batteri che causano la peste legati ad antichi batteri del Kirghizistan.

Questa è stata una delle maggiori fonti di controversia nella storia, Soprattutto ora con il COVID”, conclude Slavin. Inoltre, ha aggiunto, sebbene questi risultati “concludano tutte le speculazioni sulle origini della peste nera, sollevano anche nuove domande” sul contesto in cui è sorto questo primo focolaio.

Non solo abbiamo trovato l’antenato della Morte Nera, ma abbiamo anche trovato i ceppi della peste attualmente sparsi per il mondo.Aggiunto Johannes Croese del Max Planck Institute. I roditori che attualmente vivono in quella zona del Tien Shan sono portatori di un ceppo di batteri molto vicino a quello delle vittime umane dal 1338 al 1339. La peste non è stata ancora debellata: migliaia di persone sono contagiate dalla malattia, soprattutto in Asia centrale. Nelle montagne Tian Shan, i tassi sono il principale serbatoio animale per le malattie. Tuttavia, grazie agli antibiotici e allo sviluppo dell’igiene, l’epidemia è un fenomeno limitato.

Conoscere l’origine dell’epidemia più mortale della storia è stato un desiderio di scienza. Con circa 500 anni di distruzione del pianeta, La peste nera è diventata un obiettivo in sospeso. Il COVID-19 ha dato un nuovo impulso a questa ricerca fondamentale e nel 2022 ha avuto luogo una serie di scoperte che hanno fatto luce sullo sviluppo e la progressione di questa malattia.

Grazie alla paleoecologia, gli scienziati sono stati in grado di ricostruire la mappa della morte della peste nera
Grazie alla paleoecologia, gli scienziati sono stati in grado di ricostruire la mappa della morte della peste nera

Nel marzo di quest’anno, È stato creato un gruppo internazionale di scienziati La prima mappa delle morti della peste nera. Secondo il documento pubblicato sulla rivista Ambiente ed evoluzione della naturaL’attacco della malattia all’umanità non è stato uniforme. “Abbiamo scoperto che quella che è considerata la peggiore pandemia della storia ha avuto un effetto devastante in alcune regioni, come la Scandinavia o la Francia, mentre in altre, come l’Irlanda o la penisola iberica, l’effetto è stato più conservativo.“, ha sostenuto Re Luelmoricercatore nel Gruppo Effetti Ambientali presso l’Istituto di Storia CSIC.

READ  La protesta dei medici sta già colpendo le cure in alcuni ospedali

Gli esperti sono stati in grado di identificare questa mappa della mortale “Morte Nera” grazie all’analisi del polline e delle spore fossilizzate che hanno raccolto in tutta Europa.. Grazie a queste particelle, gli scienziati hanno potuto ricostruire la storia delle piante locali, l’evoluzione e le attività dell’uomo. Ma non è tutto, in quanto possono anche determinare il rapporto tra l’ambiente e la civiltà.

(Credit: Hans Seal, Michelle O'Reilly e AI/Nature Ecology and Evolution - Nat Ecol Evol)
(Credit: Hans Seal, Michelle O’Reilly e AI/Nature Ecology and Evolution – Nat Ecol Evol)

Uno dei modi in cui gli scienziati hanno scoperto il tasso di mortalità è la quantità di polline fossilizzato che hanno trovato nelle aree. Come hanno spiegato, maggiore è il calo della popolazione, maggiore è l’avanzamento della foresta e maggiore è la quantità di polline.. “Si presume che la diffusione di un’epidemia con un tale calo demografico porterà al recupero delle foreste a fronte di un minore impatto antropico su di esse e, parallelamente a ciò, l’agricoltura e l’allevamento hanno subito un notevole rallentamento o addirittura un completo fermati”, ha sottolineato. José Antonio Lopezuno studioso del CSIC Institute of History, ha affermato in una nota.

Questo studio, condotto anche dal Max Planck Institute e che ha coinvolto quasi venti scienziati provenienti da 19 paesi, è stato in grado di confermare elevata mortalità in: Scandinavia, Francia, Germania sudoccidentale, Grecia, Italia centrale (coerente con il rimboschimento dei campi abbandonati); Mentre in alcune regioni dell’Europa centrale e orientale e in parti dell’Europa occidentale, comprese l’Irlanda e la penisola iberica, la forza letale non aveva ancora raggiunto gli stessi livelli.

Continuare a leggere:

Dalla peste nera al Coronavirus: quali sono le 20 pandemie più letali della storia
Impronte umane che contraddicono la teoria più accettata di come sia la popolazione americana
Nuovi documenti rivelano che il laboratorio di Wuhan intende migliorare i virus dei pipistrelli per studiare i rischi per l’uomo.