Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Come l'aggressione a un dissidente russo in Argentina ha portato all'arresto degli aggressori dell'opposizione di Putin in Polonia

Come l'aggressione a un dissidente russo in Argentina ha portato all'arresto degli aggressori dell'opposizione di Putin in Polonia

L'economista, attivista e blogger russo Maxim Mironov e Leonid Volkov sono i più importanti collaboratori del defunto dissidente Alexei Navalny.

IL La polizia polacca ha arrestato tre cittadini polacchi per attacchi contro dissidenti russi critici nei confronti di Vladimir Putin in Argentina e Lituania.Ciò è in parte dovuto alle conclusioni del sistema giudiziario argentino e alle indagini condotte dai media russi L'infiltrato.

Sono stati effettuati degli arresti All'inizio di aprileMa venerdì è stato ufficializzato. Le autorità polacche sospettano che gli uomini fossero precedentemente impiegati Servizi segreti russi Per effettuare attacchi intimidatori contro di loro Maxim Mironov, Economista, attivista e blogger russo Buenos Aires E Leonid Volkovil dissidente russo in esilio e il più importante collaboratore del dissidente defunto Alexei NavalnyIn Vilnius.

Maxim Mironov e sua moglie Alexandra Petrachkova

Un detenuto in Polonia è stato intimidito e aggredito Maxim Mironov E sua moglie, Alessandra PetrashkovaDi fronte alla sua casa a Buenos Aires il 31 agosto e il 1° settembre 2023, secondo le autorità polacche.

Il fatto è avvenuto nel pomeriggio del 31 agosto 2023, quando uno sconosciuto dal forte accento ha suonato al campanello di casa. MironovChi risiede con la sua famiglia a Buenos Aires. La persona ha detto mentre parlava al citofono: “Il professor Maxim Mironov? Ho un messaggio per lei. Stai lontano dalla Russia e dalla politica russa.”. Mironov corse a trovare l'inaspettato visitatore, ma era già partito.

La mattina dopo, la moglie di Mironov, Alessandra PetrashkovaStava tornando a casa con il figlio di 10 mesi. Uno sconosciuto è apparso all'improvviso dal nulla e… Le diede un pugno in faccia e gridò: “Stai lontano dalla Russia!”. Alexandra ha urlato e l'aggressore è scappato.

Mironov, Un economista nell’analisi dei flussi doganali, Crede che l'aggressività sia collegata alle sue attività professionali: una volta è stato coautore della piattaforma economica di Alexei NavalnyPiù recentemente, ha indagato e riferito su come le autorità russe eludono le sanzioni. Critica apertamente il presidente russo anche sui social media. Il suo account Twitter, che riceve milioni di visualizzazioni ogni giorno, è considerato uno degli account più influenti nel suo paese. sua moglie, Alessandra Petrashkovauna volta è stato uno dei co-organizzatori delle manifestazioni anti-Putin in Russia.

Mironov e Petrashkova hanno detto informazione Questa era la prima volta che subivano intimidazioni da quando si stabilirono in Argentina nel 2008.

READ  Elezioni in Brasile: chi sono le prime donne trans ad essere elette rappresentanti | Le loro storie e le sfide politiche

Si tratta infatti del primo attacco di questo genere registrato nel Paese sudamericano contro i dissidenti russi. I due credono che l’attacco sia stato un avvertimento e che i servizi russi abbiano effettuato l’operazione in Argentina perché sarebbe stato un paese relativamente “nuovo” per le loro operazioni e volevano “fare una prova” In questo paese. Sono convinti che la polemica sia stata provocata dalla notizia dell'attentato pubblicata in precedenza informazione E poi in altri media argentini si è evitato un risultato peggiore.

L'indagine polacca ha fatto seguito a un'indagine condotta dal Ministero della Giustizia argentino, guidato dal Procuratore Generale Massimiliano Vinci, della Procura Penale N. 08 della Città di Buenos Aires. Con un decreto vi ha avuto accesso informazioneL'accusa ha accertato dove si trovava l'imputato, che non si trovava nel Paese al momento dell'identificazione.

Decreto della Procura Penale N. 08 della Città di Buenos Aires.

La polizia argentina, informata dell'accaduto da Mironov, ha agito con decisione e le telecamere di sorveglianza hanno subito individuato il volto dell'aggressore: un uomo bianco, alto circa 1,85 cm, con gli occhiali e una tuta sportiva dell'Adidas.

È stato identificato dalla Procura Generale dell'Argentina Grzegortz Piotr DaszkowskiNazionalità polacca. La polizia ha mostrato a Mironov la sua foto, ma lui non è riuscito a identificare l'uomo.

Secondo l'indagine quello Dipartimento Antiterrorismo della Polizia della Città di Buenos AiresL'uomo è stato visto bighellonare davanti alla casa di Mironov e di sua moglie nei giorni in cui sono avvenuti gli attacchi.

Le telecamere di sorveglianza lo hanno ripreso mentre si avvicinava all'edificio. Mironov E segui PetrashkovaDurante la registrazione con il cellulare. Lo stesso uomo è stato anche ripreso da una telecamera di sicurezza mentre si avvicinava al suo appartamento il giorno prima, nel momento in cui Mironov riceveva il messaggio dell'interfono.

Grazie alla testimonianza di un tassista, che l'indagato ha preso dopo l'aggressione alla moglie di Mironov del 1 settembre, ha appreso che l'uomo aveva detto che era di una cittadina vicino a Varsavia e che il giorno successivo – 2 settembre – sarebbe tornato a Parigi su un volo Air France.

Durante il tuo soggiorno a Buenos Aires Daskovsky ha soggiornato in hotel dal 30 agosto 2023 a sabato 2 settembre 2023. Secondo quanto hanno confermato agli inquirenti i dipendenti dell'istituto. Ha lasciato il Paese il 5 settembre 2023 Attraverso l'aeroporto internazionale di Ezeiza, secondo i documenti della Direzione Nazionale dell'Immigrazione, citati ed esaminati dalla Procura informazione.

READ  16 terremoti a Ica: allerta in Perù per una serie di forti scosse nel sud del Paese

Secondo quanto riferito dalla polizia di sicurezza aeroportuale. Daskovsky ha viaggiato da solo.

Tuttavia, le autorità argentine non erano sicure se l'uomo fosse effettivamente polacco o fosse arrivato con un passaporto falso. Quando la polizia ha identificato il sospetto, Aveva già lasciato il paese.

Grazie alle immagini delle telecamere di sicurezza e agli strumenti di ricerca inversa, L'infiltrato Identificato anche il sospettato Grzegorz Daszkowskicittadino polacco di 38 anni di Bydgoszcz.

Inchiesta condotta dai giornalisti Christo Grozev E Roman Dobrokotov Ci è stato permesso di fornire ulteriori informazioni sul sospettato, che secondo le informazioni pubblicamente disponibili è un padre e un allenatore di calcio giovanile. Gestisce quella che sembra essere una società individuale che organizza vari eventi sportivi e ritiri aziendali.

Daszkowski in un resort in Bulgaria, 2020

Ricerca inversa del volto L'infiltrato Daszkowski è stato ritrovato anche nelle foto in cui appariva, poco dopo l'inizio dell'invasione su larga scala dell'Ucraina Organizzatore di attività di raccolta aiuti per l'Ucraina; Anche parlandone con una stazione radiofonica nazionale polacca e descrivendo i piani imminenti per raccogliere i benefici delle donazioni raccolte per l'Ucraina. Tuttavia, sono stati consultati i dati dei valichi di frontiera in Ucraina L'infiltrato Mostralo Non è mai entrato in Ucraina.

Daszkowski in un'intervista sulla raccolta di aiuti per l'Ucraina.

Procura Generale dell'Argentina L'infiltrato Hanno condiviso le loro scoperte su Daszkowski alla polizia polacca, che ha aperto un fascicolo Indagine penale su di lui e sui suoi presunti appaltatori. Dopo un breve periodo di sorveglianza, le forze dell'ordine hanno confermato il suo coinvolgimento nell'attacco, portandolo all'arresto all'inizio di aprile.

Mentre guardavano Reti di comunicazione Daszkowski, I ricercatori polacchi hanno fatto una scoperta inaspettata L'infiltrato.

Attraverso l'uomo che presumibilmente li ha assunti, Daszkowski aveva legami con altri due criminali polacchi Che per coincidenza si è recato in Lituania nello stesso periodo Leonid Volkovex capo della Fondazione Anticorruzione Alexei NavalnyÈ stato aggredito mentre scendeva dall'auto nella sua casa di campagna a Vilnius. L'aggressore lo ha spruzzato di gas lacrimogeno e lo ha colpito più volte con un martello, provocandogli gravi ferite al viso e alle gambe che hanno richiesto il ricovero in ospedale..

Leonid Volkov è stato aggredito con martelli e gas lacrimogeni in Lituania, dove è stato esiliato a causa della persecuzione del Cremlino.

L'intelligence lituana ha poi dichiarato di sospettarlo Partecipazione dei servizi speciali russi.

READ  Ci sono voluti 375 anni per trovare la mappa che mostra le dimensioni del continente sommerso nell'Oceano Pacifico

L'aggressione è avvenuta circa un mese dopo la morte Navalny In una prigione artica, di cui Volkov ha incolpato il presidente russo Il presidente russo Vladimir PutinA pochi giorni dalle elezioni, che prolungarono la permanenza al potere del presidente del Cremlino.

Ora, grazie alla cooperazione tra le autorità polacche e lituane, Le persone coinvolte nell'attacco a Volkov furono arrestatecome riferito venerdì dal presidente lituano Nosida zingara. Nauseda non ha rivelato l'identità dei presunti aggressori, ma ha detto che sarebbero stati deportati in Lituania. Autorità lituane e polacche Si sono rifiutati di dirlo Se hanno scoperto prove che attribuiscono l'attacco ai servizi speciali russi. Inoltre non hanno menzionato l'arresto dell'aggressore di Mironov e di sua moglie, ha confermato L'infiltrato.

Volkov Ha celebrato gli arresti con un comunicato sul social network Telegram.

“Non conosco ancora i dettagli, ma posso dire di aver visto l’energia e la perseveranza con cui la polizia lituana ha lavorato su questa questione e ho Sono così felice che questo lavoro abbia dato i suoi fruttiConosceremo presto i dettagli e non vedo l'ora di scoprirli”, ha commentato il 43enne.

L'annuncio è arrivato il giorno dopo che i pubblici ministeri polacchi e ucraini hanno annunciato di aver arrestato un uomo sospettato di aver commesso un reato Pianificazione di un attacco Contro il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelenskij.

secondo L'infiltratogli attacchi contro Volkov e Mironov non solo indicano il coinvolgimento dello stesso gruppo di criminali, ma condividono anche altre caratteristiche degne di nota: Gli aggressori sono arrivati ​​nel Paese poco prima che accadessero i fatti, che suggerisce il riconoscimento preventivo del luogo di residenza e degli spostamenti della vittima. Il presupposto è che i servizi segreti russi abbiano effettuato la sorveglianza, mentre per eseguire gli attacchi sono stati reclutati solo criminali polacchi.

Sarà Il metodo di lavoro dei servizi segreti russi, fenomeno diventato sempre più frequente negli ultimi anni. Esempio, ricorda Lo scopo dell'indagine è arrestare sei bulgari da lei assunti Jan MarszalekSono stati reclutati dai servizi segreti russi per condurre attività di sorveglianza, rubare dispositivi elettronici e potenzialmente pianificare rapimenti o omicidi di oppositori di Putin in diversi paesi europei.