Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Città delle maschere?  – il nuovo

Città delle maschere? – il nuovo

A volte si sente spesso dire “Bahía es Careta” e mi chiedo se sarà come una città in un carnevale eterno. Carnevale e maschere fanno parte dello stesso gruppo, quindi l'articolo di oggi tenta di “svelare” questo problema.

Ricordiamo che la parola persona deriva dalla parola greca “prosopon”, che a sua volta è un termine che si riferisce alle maschere utilizzate dagli attori nella tragedia e nella commedia. Nella Grecia classica, “prosopon” si riferiva sia alla persona che alla maschera, e in questo modo lo stesso attore andava in scena con maschere diverse corrispondenti a personaggi diversi.

Consciamente e inconsciamente, nella vita reale ma anche in quella virtuale, utilizziamo una serie di maschere che rispondono ai diversi ruoli che interpretiamo o cerchiamo di mostrare. Ad esempio i ruoli familiari, i ruoli professionali, ecc., ma allo stesso tempo esistono altre maschere che non sempre corrispondono a chi siamo veramente, ma piuttosto al modo in cui vogliamo apparire.

Uno dei compiti della psicologia è notare quella maschera e lavorare su di essa, perché senza dubbio nasconde un problema, un sintomo, un dolore o un conflitto. C'è il tentativo di coprire qualcosa che non vuole essere mostrato.

Secondo la ricerca nascondersi è una delle prime reazioni umane agli errori che commette e l'origine va ricercata nella paura di essere scoperti, per questo le maschere vengono utilizzate per paura di esprimersi, di giudizio, di rifiuto, di essere conosciuti. . .

La maschera viene utilizzata anche per trovare o mantenere un partner o degli amici per compiacerli, attirarli e accettarli. C'è un tentativo di nascondere o nascondere i sentimenti, nascondere il dolore e la debolezza o nascondere la “realtà” come se gli altri non la vedessero.

READ  Amelie, fotografata suor Madeleine McCann, parla per la prima volta in pubblico: 'È un'occasione triste'

Così, come in un carnevale, nella vita di tutti i giorni si vede un corteo di persone e personaggi con maschere diverse, ma quali sono le più comuni?

Come se fosse un posto a Venezia o a Rio de Janeiro dove si compra una maschera, ce ne sono alcune che fanno “tendenza” e sfilano nel corteo della vita quotidiana.

La guardia, con la sua maschera di equilibrio, crede di avere la bilancia in grado di misurare con precisione ed è inflessibile. Il perfezionismo cerca di nascondere ossessioni e paure. Quello forte, che può tutto, nasconde le ferite aperte dietro la sua corazza protettiva.

L'ansia fa un respiro profondo, conta fino a dieci, cento, mille e si nasconde dietro una falsa calma. La persona angosciata che nasconde la sua condizione con eccessivo ottimismo. La persona di successo, solitamente arrogante, che nasconde i numeri rossi nel suo conto bancario.

Il controllore tradito monitora tutto con il pretesto di precisione per evitare nuovi tradimenti. Pertanto, la maggior parte delle persone nasconde le proprie insicurezze e non permette che accada nulla di nuovo.

Quello evasivo, che gode della solitudine e fugge la compagnia per paura del rifiuto. Il seduttore, con la sua gentilezza e le sue parole lusinghiere, nasconde comportamenti ostili, manipolatori, molesti e violenti.

Il punitore o masochista, che nasconde l'umiliazione subita nei primi anni di vita, nasconde il dolore e la vergogna attraversando la vita alla ricerca del dolore.
L'uomo divertente con una risata acuta nasconde un vuoto e assorda la sua tristezza. L'indifferente, colui a cui non importa nulla, è dilaniato dall'interno. La persona indipendente che nasconde la propria incapacità e combatte quotidianamente battaglie contro l’isolamento non riesce ad impegnarsi per paura dell’abbandono.

READ  Bill Gates ha confermato che ci aspettano le fasi peggiori dell'epidemia

La vittima, che si traveste per attirare l'attenzione, si sente bersaglio di attacchi, che il mondo è contro di lui e vede cospiratori dove non ce ne sono; Non c'è dubbio che la maschera del “pianto” apporti grandi benefici, anche se non sempre dura.

Non so se si può definire una città come una “maschera”, prima di creare una classificazione devi prenderti del tempo per identificare le caratteristiche che stai cercando di nascondere ed evidenziare le caratteristiche che definisci.