Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Christina Kirchner interviene al Forum Mondiale per i Diritti Umani |  Il VP appare di nuovo al CCK

Christina Kirchner interviene al Forum Mondiale per i Diritti Umani | Il VP appare di nuovo al CCK

Per Correa, “sarebbe fantastico” se Cristina Fernandez de Kirchner fosse una “candidata”

L’ex presidente ecuadoriano Rafael Correa ha detto che sarebbe “sorprendente” per il vicepresidente Cristina Fernandez de Kirchner essere un “candidato” alle elezioni di ottobre in Argentina, definendola un “gigante della storia”.

Correa, nel discorso alla stampa a Casa Rosada, entrando nella Sala degli Indigeni, ha detto: “Vive sempre sotto minaccia, pericolo, scrutinio e cattiva volontà, ma sarebbe bello se si candidasse”. Partecipazione al Grupo de Puebla Progressive Forum deliberando alla presenza del Presidente Alberto Fernandez.

“Speriamo che sia una gioia storica”, ha detto l’ex presidente ecuadoriano quando gli è stato chiesto se pensava che Fernández de Kirchner potesse essere un candidato.

A questo proposito, ha considerato che “i giganti della storia, come Christina, sono profondamente amati da molti, e purtroppo pochi li odiano fanaticamente, ma nessuno può essere indifferente”.

In risposta a una domanda sul riavvicinamento tra il presidente Alberto Fernandez e il suo omologo brasiliano Lula da Silva, ha detto: “Il Brasile è la più grande economia dell’America Latina e una delle più grandi economie del mondo, e l’Argentina è la terza”.

“Questo riavvicinamento potrebbe giovare molto all’America Latina che ha già mosso i primi passi con la moneta comune di scambio”, ha analizzato l’ex presidente ecuadoriano.

Allo stesso tempo, ha spiegato che “non è una valuta fisica, è una valuta contabile, per lo scambio tra i due Paesi e per ridurre l’uso di una valuta regionale aggiuntiva come il dollaro” ed è stata valutata come “assurda”. ad uso degli Stati Uniti. valuta nella regione.

Intanto, riferendosi ancora all’incidente diplomatico tra Ecuador e Argentina – entrambi i Paesi hanno espulso gli ambasciatori coinvolti nel caso dell’ex ministro Maria (de los Angeles) Duarte (Besantes), richiedente asilo, Correa ha dichiarato: “Come ecuadoriano muoio di vergogna voglio scusarmi”.

READ  Quasi tutti i paesi del G20 hanno sostenuto la soluzione dei due Stati “come unica soluzione possibile” al conflitto israelo-palestinese.

Ha aggiunto: “È la più grande assurdità. L’Ecuador sta scrivendo parte della storia del cinismo a livello di relazioni internazionali con ciò che merita”.

A questo proposito, ha osservato che “è stata prima una rifugiata e poi ha ottenuto asilo politico dall’Argentina presso la residenza dell’ambasciatore, per obbligo e non come opzione, in conformità con l’Accordo di Caracas”.

In questo senso ha ampliato: “Non è un obbligo, è un’opzione per garantire la sicurezza richiesta dal governo argentino. È (il presidente Guillermo) Lasso che la tiene in ostaggio in ambasciata con custodia straniera, con autopattuglie che non ha nemmeno la batteria, le comunicazioni e la benzina, parte con mezzi propri e quando se ne accorgono cacciano l’ambasciatore.

Allo stesso modo, Correa ha descritto questa situazione come “follia” e ha chiesto: “Se ti fanno male i denti, vai dal ginecologo, è ridicolo, sto morendo di vergogna, mi scuso”.

Nel frattempo, alla domanda sui commenti qualche giorno fa dal comandante del comando meridionale degli Stati Uniti, il generale Laura Richardson, ha detto: “Questo è spaventoso, non è nemmeno più sotto i riflettori”.

Lo stesso Richardson si è chiesto, a un evento del Consiglio Atlantico, “perché l’America Latina è così importante” e ha risposto che “il 60% del litio mondiale si trova nel triangolo” di Argentina, Bolivia e Cile, quando si tiene conto di considerazioni geopolitiche.

Correa apprezza a questo proposito che “è evidente che la sua politica estera, soprattutto nei confronti dell’America Latina, è stata spaventosa e che tutti gli interventi e le invasioni diretti e indiretti, siano essi dittatoriali o democratici, hanno avuto come denominatore comune la difesa non della democrazia ma di interessi”.

READ  Elezioni negli Stati Uniti: Ron DeAntis lancia la sua candidatura alla presidenza e apre un atteso duello con Donald Trump