Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Chi è Bernardo Hosay, il medico per il quale in Argentina si celebra la Giornata del Ricercatore Scientifico?

Chi è Bernardo Hosay, il medico per il quale in Argentina si celebra la Giornata del Ricercatore Scientifico?

La casa in cui Hosay visse tra il 1925 e il 1971 è stata trasformata in museo e dichiarata sito storico nazionale.

In onore della nascita del dottore Bernardo HosayOgni 10 aprile si celebra Giornata del ricercatore e del ricercatore scientifico in Argentina. Questo scienziato argentino è stato insignito del Premio Nobel per la Fisiologia o la Medicina nel 1947 per le sue scoperte sul ruolo della ghiandola pituitaria nella regolazione della quantità di zucchero nel sangue.

Bernardo Alberto Hosay – come il suo nome completo – nasce a Buenos Aires il 10 aprile 1887 da una famiglia di immigrati francesi. Era uno studente prodigio e i suoi successi lo dimostrano: dopo aver saltato i voti alle elementari a causa delle sue conoscenze avanzate, fu mandato al Collegio Nazionale di Buenos Aires dove conseguì la laurea all’età di 13 anni. A diciassette anni si laureò in farmacia, a ventitré lavorò come medico.

Oltre ad aver vinto un premio internazionale per il suo significativo contributo alla medicina, il medico è ricordato per i suoi contributi, che hanno posto l’Argentina al centro della scienza mondiale.

Hosay ha realizzato molti degli strumenti con cui ha lavorato da solo (Foto di Nobel Prize House – UBA-Fabián García)

La sua inclinazione per la medicina sembra essere nata più o meno nello stesso periodo in cui lo era, da quando lo era Figlio di un avvocatoE secondo le usanze dell’epoca, tutto indicava che questa doveva essere la sua occupazione.

Ma, Sin da giovanissimo, Bernardo Hosay progettava di studiare medicina: Quando si è diplomato al liceo, ha cercato di iscriversi alla facoltà di medicina, ma non è stato accettato all’età di soli tredici anni.

Per questo, fedele alla sua professione, studiò prima farmacia presso la Facoltà di Farmacia e, parallelamente all’inizio di quella professione, iniziò a lavorare come assistente nell’ospedale francese.

Bernardo Houssay (a sinistra) con uno dei suoi studenti più importanti, anche lui premio Nobel Luis Federico Leloir (a destra)

Dopo essersi laureato in farmacia, è finalmente entrato a studiare medicina all’età di 18 anni. Si è laureato in medicina presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Buenos Aires (UBA), all’età di 23 anni. La sua tesi gli è valsa un diploma con onori.

READ  COVID in Spagna, in diretta: fine di mascherine esterne, micron, vaccini... | ultimo minuto

Coloro che lo conoscevano affermano che il suo interesse per la fisiologia derivava dalla lettura Introduzione alla medicina sperimentaleL’opera dell’eminente medico francese Claude Bernard (1813-1878).

L’incorporazione di nuove tecniche sperimentali sarà un segno distintivo di tutte le indagini di Hosay.

Hosay diceva: “I paesi ricchi sono ricchi perché stanziano denaro per lo sviluppo scientifico e tecnologico”.

Dopo la laurea in medicina, Hosay ha lavorato presso il National Bacteriological Institute (ora Malabran Institute), responsabile del dipartimento di sierologia, e ha partecipato alla campagna nazionale antidoto al serpente in varie province del Paese. All’istituto conobbe il Dott. Salvador Mazza e la Dott.ssa María Angelica Catan.

In quegli anni partecipa alla costituzione dell’Istituto di Fisiologia presso la Facoltà di Medicina dell’UBA e viene nominato Professore nel Dipartimento di Fisiologia, spazio che trasforma nel moderno centro di ricerca dell’Istituto del Dr. Hosay. Stabilì anche una grande amicizia con il Dr. Carlos Chagas, dell’Istituto Oswaldo Cruz di Rio de Janeiro.

Nel 1922 fu insignito del National Science Award Per il suo lavoro fisiologico di estratti ipofisari, in cui ci sono indicazioni di ricerche che gli valsero poi un premio Nobel.

Nel 1934 promosse la creazione dell’Associazione argentina per il progresso della scienza (AAPC) al fine di ottenere finanziamenti sufficienti affinché gli scienziati sviluppassero le loro ricerche con più tempo e risultati più accurati.

All’età di 60 anni, Hosay ricevette il premio Nobel per la medicina.

Nel 1945 pubblicò Lettera di fisiologia umana, coautore con notabili delle loro squadre come Eduardo Braun Menendez, Virgilio G. Foglia, Oscar Urias, Luis F. Leloir, Juan T. Luis ed Enrique Hugues. La pubblicazione, che comprendeva articoli e illustrazioni sulla fisiologia generale, è stata tradotta in diverse lingue, tra cui francese, inglese, portoghese e italiano, un fatto molto importante per l’editoria scientifica in Argentina.

READ  UNLP Roberto Salvarezza è stato insignito del titolo di Dottore Onorario Cozza per il suo eccezionale lavoro scientifico »UNLP

La pubblicazione di questo trattato ha dato a Hosay devozione internazionale e Il 23 ottobre 1947 fu insignito del Premio Nobel per la Fisiologia o la Medicina. era diventato Il primo latinoamericano a ricevere il Distinction in Science. Le sue ricerche e scoperte sul ruolo della ghiandola pituitaria nella regolazione della quantità di zucchero nel sangue sono state essenziali per comprendere il diabete.

Tra le altre sue eredità c’è stata la creazione, nel 1958, del Consiglio nazionale per la ricerca scientifica e tecnica (CONICET) come centro di ricerca nazionale, e attraverso questo organismo una posizione di ricerca dedicata è una realtà fondamentale dell’Argentina.

La cosiddetta “Dottrina Houssay”, che scrisse di suo pugno nel 1943. (Per gentile concessione dell’Archivio Houssay del B. Houssay-FECIC House Museum)

Dobbiamo ricordarlo Ha ricevuto il premio Nobel all’età di sessant’anni. È stato un riconoscimento del percorso di vita e un meritato premio per la sua dedizione a tempo pieno alla ricerca scientifica nel Paese e per il Paese. E sebbene abbia ricevuto diverse offerte per continuare le sue ricerche all’estero, Hosay ha deciso di continuare a studiare scienze in Argentina, nonostante le difficoltà economiche e politiche del momento.

Sebbene Hosay fosse già noto per le sue eccezionali ricerche in vari centri scientifici all’estero, ricevere il Premio Nobel gli diede un riconoscimento internazionale e stabilì l’Argentina nel mondo della scienza.

È stato un enorme impulso che gli ha permesso di continuare a guidare progetti di ricerca e di continuare a formare gli alunni. Uno dei suoi più grandi studenti è stato Luis Federico Leloir, che ha vinto il Premio Nobel per la Chimica nel 1970. Un Nobel ha addestrato un altro Nobel, entrambi dall’Argentina, il che è un evento molto raro al mondo.

La biblioteca e l’ufficio di Hosai possono ora essere visitati nel museo che porta il suo nome

una casa Morì il 21 settembre 1971 a Buenos Aires e sepolto nel cimitero di Chacarita.

READ  "Se attacchi il gabinetto, attacchi tutti noi"

La casa in cui visse dal 1925 fino alla morte, sita in Viamonte 2790, e il suo archivio personale furono donati alla Fondazione per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (FECIC), creata da Hosay, con lo scopo di promuovere la sua personalità e diffonderne la valori. e i loro successi professionali e accademici. È stato convertito in museo e dichiarato Sito Storico Nazionale nel 1999 con Decreto 349/99.

“Non voglio statue, scudi, trofei, strade o istituti quando muoio. Spero che nulla di tutto ciò venga fatto. Le mie speranze sono diverse.” Voglio che il mio Paese contribuisca al progresso scientifico e culturale del mondo di oggiche ha artisti, pensatori e scienziati che arricchiscono la nostra cultura e il cui lavoro è benefico per il nostro Paese, i nostri cittadini e il genere umano “, diceva l’uomo, che già in quegli anni aveva idee avanzate del tipo:” Paesi ricchi lo saranno perché dedicano soldi allo sviluppo scientifico e tecnologico, e i paesi poveri sono ancora poveri perché lei no. La conoscenza non è costosa, ma l’ignoranza è costosa“.

Continuare a leggere

L’Argentina è leader nella ricerca clinica e il numero di esperti è raddoppiato in 5 anni
La biologa argentina Sandra Diaz ha ricevuto il prestigioso riconoscimento internazionale dalla Linnean Society di Londra
Orgoglio nazionale: perché la bandiera argentina è riconosciuta nel mondo?