Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Che errore hanno commesso Italia e Spagna per far fronte alle morti in Cina?

Che errore hanno commesso Italia e Spagna per far fronte alle morti in Cina?

Cosa hanno fatto di sbagliato Spagna e Italia? Perché questo gran numero di morti in entrambi i paesi? Come ha fatto la Cina a fermare l’epidemia?

Mercoledì la Spagna ha superato la Cina per numero di morti Confermato da Corona virus. 4.089 decessi, secondo i dati forniti dal Ministero della Salute al 26 marzo, contro i 3.245 della Cina, che anch'essa non registra contagi locali da diversi giorni. La Spagna segue così le orme dell’Italia, il paese che è al primo posto in Europa per numero di contagiati e deceduti. Corona virus.

Con l’avanzare dell’epidemia Corona virus In tutto il mondo, dove secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità si contano già più di 413.467 contagi e 18.433 decessi, le differenze nelle risposte alla crisi possono essere viste più chiaramente. Questa è la chiave per cui la Cina, epicentro dell’epidemia, è riuscita a fermare infezioni e decessi in un breve periodo di tempo. Cosa hanno fatto di sbagliato Spagna e Italia? Perché questo gran numero di morti in entrambi i paesi? Come ha fatto la Cina a fermare l’epidemia? Anche se dovremmo tenerne conto Regime di dittatura Dalla Cina e Mancanza di chiarezza nelle informazioni Ciò che trasmette, da prendere con particolare attenzione, è che le sue misure hanno spinto il Paese asiatico a fermare il virus.

Sebbene il numero dei contagi in Italia abbia cominciato a diminuire, il numero dei decessi continua ad aumentare, mentre in Spagna, L’epidemia continua a peggiorare. Le autorità nazionali e regionali stanno lottando per controllare la diffusione del virus e ottenere le forniture mediche urgentemente necessarie. Il portavoce della pandemia del Ministero della Salute, Fernando Simon, ha confermato mercoledì che il sistema ospedaliero spagnolo è “sovraccaricato” e che questa situazione “continuerà a crescere” finché il livello di nuovi casi positivi non diminuirà. Quando arriverà quel momento? Perché Spagna e Italia non seguono l'esempio della Cina? Quali sono i tuoi errori?

Misure tardive versus misure rapide

77 giorni fa si parlava di confinamento solo in un paese al mondo: la Cina. Lui 23 gennaio Il governo cinese ha deciso di limitare… 11 milioni di cittadini a Wuhan, epicentro dell'epidemia. Giorni dopo ha raggiunto l’intera provincia dell’Hubei (56 milioni di persone), mentre in altre regioni del Paese asiatico sono state imposte misure di distanziamento sociale. Il giorno in cui a Wuhan è stata imposta una quarantena totale La città ha registrato 17 morti e 571 infezioni confermate.

Il suo isolamento ha bloccato tutto, dai trasporti a tutte le attività che non fossero servizi essenziali. Nessuno poteva lasciare la propria casa e le autorità controllavano chiunque se ne andasse. L’epidemia a Wuhan, secondo le informazioni provenienti dalla Cina, è iniziata con un piccolo numero di pazienti che hanno interagito in un mercato del pesce a Wuhan. Non è ancora chiaro se l'originale sia esattamente questo e i dubbi a riguardo sono molti. Il 1° gennaio 2020 il mercato viene chiuso, il 7 gennaio viene identificato il nuovo virus e il 23 gennaio la città di Wuhan viene messa in quarantena. Governo cinese La rete dei trasporti è stata interrottaSospensione di autobus, metropolitane, traghetti e trasporto passeggeri a lunga percorrenza. Stazione di partenza anche per l'aeroporto e le stazioni ferroviarie. Sono state messe in atto linee guida più severe.

READ  Formazione: Grillo ha parlato della crisi di legittimità e dei nuovi rapporti di forza

In Italia, anche se è stato il primo Paese ad attuare misure severe, come nel caso della Cina. Tuttavia tra le misure attivate dal Governo Giuseppe Conte Per combattere il coronavirus è stata imposta in tutta Italia la quarantena – istituita il 9 marzo; Nord dal 22 febbraio -, Gli era permesso uscire e fare esercizioE le uscite con i figli, e le attività produttive continuavano… e i contagi continuavano ad aumentare, nonostante anche le misure adottate 21 MarzoConte ha adottato misure più stringenti: Disposta la chiusura di tutte le attivitàComprese le fabbriche, ad eccezione di quelle che forniscono servizi essenziali, e le procedure di quarantena sono diventate più stringenti. Da lunedì la curva dei contagi, pur essendo ancora presente, ha cominciato a scendere.

Il 13 marzo una squadra di esperti del governo cinese è arrivata in Italia, sei dopo l'arrivo, e il capo della squadra, Yang Huiquan, ha avvertito in un'udienza che c'erano stati Molta gente per stradaQuale I trasporti pubblici hanno dovuto essere chiusiQuale La circolazione dei veicoli non è limitata E il? Non tutta l’attività economica si è fermata. Due giorni dopo Conte ha aumentato le misure.

In Spagna, anche se lo ha stabilito il Ministero della Salute L’ultima settimana di febbraio “importante” contagio da coronavirus. In alcune regioni della Spagna, in particolare nella regione di Madrid, non è stata intrapresa alcuna azione fino al 14 marzo, quando il Primo Ministro ha dichiarato lo stato di allarme a causa… Corona virus. È stato dichiarato lo stato di allarme, prorogato per altri 15 giorni dopo che il Congresso lo ha approvato mercoledì, e prevede il confinamento a casa, ad eccezione dei lavoratori che devono recarsi in azienda, portare a spasso il cane, prendersi cura di una persona a carico o per effettuare acquisti, tra le altre situazioni. Le scuole sono state chiuse, anche se alcune comunità le avevano già chiuse giorni prima; Chiuse le attività non alimentari, bar e ristoranti.

Infatti, i cittadini cinesi residenti in Spagna, quando hanno visto che le misure di confinamento non venivano adottate quando la Cina già avvertiva il mondo del pericolo del virus e dei focolai di… Gli esperti cinesi hanno avvertito che le cose non stavano andando bene. Si sono chiusi in casa, hanno chiuso le attività e hanno chiesto all’esecutivo spagnolo di prendere le misure necessarie.

Le dure misure della Cina

Semmai ha fermato l’epidemia Corona virus In Cina sono state adottate misure rigorose per contenere il contagio. Questo martedì, Bruce AylwardIl capo della missione congiunta di esperti tra l’Organizzazione mondiale della sanità e la Cina ha confermato che “Migliaia di casi sono stati prevenuti in Cina grazie a un intervento aggressivoQuesto grazie alla scoperta dei casi, all’isolamento e alla limitazione dei loro movimenti.

READ  Nazione/Venezia evita l'elenco dei siti del patrimonio mondiale in pericolo

Ecco un’altra chiave del rallentamento della Cina, ovvero la capacità del Paese asiatico di fermare le infezioni di persone che non mostrano sintomi. Secondo uno studio pubblicato su ScienzeUno dei motivi della diffusione del Corona virus sono le infezioni che non possono essere controllate, quelle che non sono state diagnosticate, quelle che colpiscono persone con sintomi lievi o addirittura senza sintomi.

Quanto ancora Persona infetta senza documentiE si è diffuso di più, e questo è quello che sarebbe potuto accadere in Spagna, dove sebbene il governo avesse annunciato la settimana scorsa che i test rapidi per diagnosticare il virus Corona sarebbero arrivati ​​entro la fine della settimana, ad oggi non sono ancora arrivati ​​ai centri ospedalieri del paese. importo che dovrebbe essere.

Sono molte, infatti, le persone che restano a casa con sintomi che non possono essere testati, persone che fino a due settimane fa vivevano una vita normale, socializzavano normalmente, ecc.

La stessa cosa accade con le forniture mediche. Mentre lo è La Cina sta ora inviando aiuti a Spagna e Italia Per proteggersi e affrontare il virus Corona, nei due Paesi europei vi è ancora una grave carenza di attrezzature mediche necessarie per combatterlo. COVID-19. Carenza di mascherine, respiratori, test rapidi, guanti e tute protettive.

Mancanza di intuizione

Anche se la Spagna ha l’esempio della Cina e dell’Italia, paesi a noi più vicini, uno degli errori più grandi è stato credere che il Corona virus non sarebbe arrivato. Nei giorni precedenti la dichiarazione dello stato di allarme, il portavoce del Ministero della Salute in questa crisi, Fernando Simon, aveva assicurato ai cittadini che “La Spagna avrà solo un piccolo numero di casi”. O che “i dati continuano a raccomandare un livello di contenimento”.

Il 19 febbraio, 2.500 tifosi del Valencia si sono mescolati con 40.000 tifosi dell'Atalanta Per la partita di Champions League a Bergamo. In Spagna, giocatori, tifosi e giornalisti sportivi che hanno seguito quella partita sono stati tra i primi a contrarre la malattia in Spagna. L’8 marzo, quando i numeri in Italia diventavano sempre più allarmanti, il governo lo ha consentito Manifestazioni in occasione della Festa della DonnaMentre i cittadini continuavano a vivere la loro vita in modo del tutto normale. Tre giorni dopo, circa 3.000 I tifosi dell'Atletico Madrid si sono riuniti per un'altra partita di Champions League a Liverpoolinforma custode. Sono stati decine gli eventi prima che scoppiasse la crisi del coronavirus in Spagna: otto del mattino, partite di calcio, manifestazioni di partiti politici…

Dati che riflettono che c’è stata una mancanza di intuizione e che la reazione è stata troppo tardiva nonostante in Italia i casi fossero raddoppiati. Il coronavirus è arrivato in Spagna senza che il Paese fosse preparatoSenza attrezzature essenziali, senza respiratori, senza indumenti protettivi… La Cina è passata da cattiva a salvatrice, con attrezzature e test arrivati ​​in Spagna.

Chiarimenti sulla Spagna

Come ha spiegato il ministro della Sanità Salvador Illa nel suo intervento al Congresso, è stato solo l’11 marzo che l’Organizzazione mondiale della sanità ha riconosciuto il coronavirus come una pandemia. Dal 7 gennaio, una settimana dopo l'annuncio della comparsa del virus da parte della Cina, “il Ministero della Salute ha informato le regioni autonome. Successivamente è stato implementato il primo protocollo d'azione per i primi casi, pubblicato sul sito web del Ministero il 23 gennaio. Inoltre al comitato di follow-up Corona virus Che sottoponiamo al comitato dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Ecco perché, quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato l’allerta sanitaria globale, il 30 gennaio, la Spagna aveva già dei passi da seguire.

READ  Erbario come risorsa educativa

Il primo caso in Spagna è stato registrato il 31 gennaio a La Gomera, “il che ha dimostrato il buon avanzamento delle misure proposte dal comitato”. Ila ha sottolineato che “tutte le procedure sono state aggiornate” e che “la cooperazione con la CCAA è stata uno dei punti principali”.

Nella sua apparizione, Ella ha osservato che “il 4 febbraio è stato approvato il Comitato di coordinamento interministeriale e lo stesso giorno si è tenuto il Consiglio sanitario regionale, dove sono state analizzate tutte le informazioni che abbiamo con le regioni autonome”. Secondo il ministro i punti fondamentali sono due: “Il primo è che siano state adottate misure adeguate, il secondo è il monitoraggio continuo della situazione”. Corona virus“.

“La situazione internazionale ha avuto una svolta alla fine di febbraio. Fino al 21 febbraio l'Italia ha segnalato tre casi, e una settimana dopo i casi erano più di 1.000. Pertanto, il 24 febbraio, l'Italia e altri tre paesi sono stati inclusi nei paesi al rischio Maggiori informazioni sul 25 Le informazioni sono state ampliate I casi sono stati ridefiniti. Al 3 marzo, il numero di casi positivi in ​​Spagna ha raggiunto 149. Secondo il parere degli esperti di ogni momento, il paese è rimasto nella fase di contenimento concordata con la CCAA.

24 ore fino all'applicazione della condizione di avviso

I governi di Spagna e Italia hanno commesso lo stesso errore: hanno dichiarato lo stato di allarme e le misure che esso comportava, e ci sono volute diverse ore per attuarle, il che significa che gran parte del La popolazione si disperderà in diverse parti dei due paesi Diffusione delle infezioni. Questo è qualcosa che non è accaduto a Wuhan o nell’Hubei, dove le misure sono state attuate subito dopo essere state annunciate.

Inoltre, in Spagna, la decisione di alcuni governi regionali di chiudere le scuole, giorni prima che il governo facesse lo stesso a livello nazionale, ha trasformato alcune città in destinazioni di vacanza. Bambini nei parchi, famiglie sugli spalti, tanti cittadini in massa per fare acquisti… Ormai la Spagna è diventata lo specchio dell'Italia. I titoli di due settimane fa sulla stampa italiana sono i titoli di oggi in Spagna.