Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Campionato Mondiale Enduro: Laya Sanz: “Sono un po’ masochista, mi piace complicarmi la vita” | Gli sport

“Sono un asino irrequieto”, dice Laia Sanz (Corbera de Llobregat, Barcellona, ​​35). Per fare tutto ciò che un’atleta come lei può pensare, devi esserlo. Inoltre, aggiunge: “Mi piacciono molto le sfide”. Dopo un anno terribile per lei, ha contratto la malattia di Lyme mentre tutti gli altri cercavano di evitare di contrarre il virus e si isolavano in casa; Dopo mesi senza sapere di cosa soffrisse o come curarsi, diversi giorni di febbre e praticamente mezzo anno di antibiotici, il pilota multidisciplinare sulla scena mondiale, una leggenda vivente, ha deciso di scommettere su ancora più difficile.

Dopo aver vacillato alla fine della sua undicesima Dakar sulle 11 in cui ha gareggiato – cosa che pochi hanno realizzato e nessun altro pilota spagnolo mai – la catalana è tornata al Campionato del Mondo Test otto anni dopo e al Campionato del Mondo Enduro quattro anni dopo. Anni. E lo ha fatto con la vittoria. Se una settimana fa ha vinto il suo primo test stagionale in beta, in Italia, anche il suo primo evento enduro in Portogallo questo sabato è finito al primo posto.

Non è fisicamente in forma, ma è un animale da competizione. E la tecnica lo salva, soprattutto nelle prove, dove ha collezionato 13 mondiali. Gli ultimi due percorsi sono stati abbinati all’enduro, uno sport che ha finito per vincere altri cinque campionati del mondo. A quel tempo, soprattutto negli esperimenti, vivevo di rendita. Ho sperimentato per così tanti anni che mi ha permesso il lusso di saltare l’allenamento. Ho perso un po’ la motivazione, e ho iniziato con l’enduro, dove all’inizio mi hanno colpito… ma alla fine ho vinto. Suppongo che sia stata la prova ora che mi ha fatto ripartire perché so che è difficile vincere. Da allora le mie avversarie hanno continuato ad evolversi e invece il mio livello è calato”, ammette. Oggi però lei è co-leader dei mondiali, a pari punti con Emma Bristow, sua successore, campionessa del mondo da sette anni.

READ  Boca isolato dopo l'eliminazione in Brasile: gioca nel Banfield o è squalificato?

Sanz ha deciso di rioccupare il suo programma di viaggio e testarlo. Non si è ancora ripresa dopo quell’infezione batterica che l’ha lasciata in rovina—”Qualche mese fa non riuscivo nemmeno a salire le scale; sto meglio, ma sono davvero stanca. Sei mesi di antibiotici mi hanno lasciata molto debole e uno stomaco squarciato”, spiega, ma la sua mente aveva bisogno di una correzione. Affronta nuove sfide, per sentire la concorrenza. E anche la fatica non lo rallenta. “Sono un po’ masochista, mi piace complicarmi la vita. E la moto mi piace molto”.

maggiori informazioni

Tornato alla GasGas, con la quale ha giocato l’ultima partita della Dakar in Arabia Saudita, gli è stato concesso di riprendere una moto di prova. Ha iniziato a uscire con gli amici e ha preso l’insetto. “Tecnicamente mi sentivo molto bene, ma il fisico si è preso il sopravvento su di me. Il processo è stato molto esplosivo. E devi dare tutto, soprattutto ora, che con i regolamenti che cambiano, non puoi fermarti una volta che sei nel zona. Quando non sei in buona forma, sul Anche se la tua testa vuole fare un movimento, le tue gambe sono stanche e alla fine falliscono. Perdi molta precisione. “

L’annuncio del ritorno di Laia Sanz alle due discipline a cui aveva rinunciato nella giornata per allenarsi appositamente per correre la Dakar in moto è arrivato poche settimane dopo l’esordio dell’atleta di Corbera de Llobregat nel Mondiale Rally in Andalusia, con la Mini. “E’ stato fantastico correre con una macchina vera. Tutto è diventato completamente nuovo per me. Ha finito settimo”.

READ  Con Boca, River e Independiente: come si formerà la Super League sudamericana?
Laya Sanz (Gas Gas) durante l’ottava tappa della Dakar 2021.EFE

Molti pensavano che questo fosse il primo passo prima di annunciare la gara per la prossima Dakar in auto. Dice di non aver ancora deciso: “Sono tanti anni che guido una moto ed è difficile fare quel passo, ma è anche vero che il mio corpo non era quello di dieci anni fa. Inoltre, sono non 20 e il pericolo mi rallenta sempre di più.La Dakar è cambiata molto.Ultimamente.Non mi piace più molto la Dakar in moto.Il grado della tua follia gioca un ruolo più importante.E io sono sempre stato un pilota più razionale, in Sud America puoi pianificare meglio; qui per vedere chi può resistere più a lungo con gli occhi chiusi, non va bene per Lee. Abbiamo avuto molti incidenti ultimamente. All’età di 25 anni, io Sono sicuro che non conosceva i pericoli come lo è ora”.

probabile. Probabilmente non pensava che a 35 anni avrebbe continuato a vincere su una bici da prova, sistema in cui ha iniziato a gareggiare e vincere quando aveva solo 12 anni.

Puoi seguire EL PAÍS DEPORTES su Sito di social network Facebook S Twitter, o registrati qui per ricevere Newsletter settimanale.