Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Calviño guarda già all’Unione Europea

Calviño guarda già all’Unione Europea

La Banca Europea per gli Investimenti (BEI), principale braccio finanziario dell’Unione Europea e uno dei più grandi enti di sviluppo a livello mondiale, è alla ricerca di qualcuno che diriga l’istituto ed è stato scelto da una vecchia conoscenza della politica comunitaria: Nadia Calviño, la spagnola Vicepresidente e presidente ad interim. Economia.

La ministra aveva già difeso lo scorso agosto, quando il governo annunciò la sua candidatura alla presidenza dell’organizzazione, che la sua proposta rappresentava una “opportunità unica” per la Spagna di raggiungere una “posizione di alto livello” che era “essenziale” per finanziare “grandi investimenti”. Progetti.

Calviño ha poi sottolineato che, dopo aver stabilito “contatti informali” con altri leader del blocco europeo, “è diventato molto chiaro che la Spagna non ha opzioni di successo a meno che non venga scelta”.

Ma il responsabile degli affari economici dovrà competere con i pesi massimi dell’UE come Margrethe Vestager, la vicepresidente della Commissione europea responsabile dell’importante portafoglio della concorrenza. Non sono gli unici pretendenti (l’Italia offre, ad esempio, l’ex ministro Daniele Franco), ma sono quelli che hanno le maggiori opzioni di fronte alla decisione presa dai ministri dell’Economia Ue, con l’obiettivo di sostituire la Germania. Werner Hoyer a partire dal 1 gennaio 2024.

Se verranno scelti Calviño o la danese Vestager, diventeranno le prime donne a dirigere una banca comunitaria dopo i sette uomini che hanno guidato le redini di questa entità nei suoi 65 anni di storia.

Promuovere lo sviluppo

Dalla sua sede in Lussemburgo, la funzione dell’organizzazione è quella di fornire prestiti e garanzie a progetti in “tutti i settori dell’economia” cercando di sviluppare le aree “più arretrate” e di modernizzare o riconvertire anche nuove imprese o attività. Come progetti “di interesse comune per molti Stati membri” e anche extra Ue.

READ  Più riscossione dell'IVA all'acquisto di greggio e prezzi più competitivi durante l'esportazione

Solo l’anno scorso, l’istituto ha firmato accordi di finanziamento per oltre 72,5 miliardi di euro e attualmente si avvicina ai 230 miliardi di euro con la Spagna dall’approvazione dei primi prestiti alle imprese nazionali nel 1981.

Ottiene le sue risorse principalmente dai mercati del debito, sebbene dipenda anche dai contributi di capitale effettuati dai paesi del blocco. Dirige poi le risorse alle imprese bisognose di finanziamenti e alle banche private, che le indirizzano ai destinatari finali.

Il suo massimo organo decisionale è il Consiglio dei governatori, composto da ventisette ministri dell’Economia, tra cui Calviño, anche se il suo lavoro dipende da un comitato direttivo composto dal presidente e da sei vicepresidenti.

La BEI è nata con la missione di promuovere lo sviluppo economico e rafforzare la coesione sociale, ma negli ultimi anni ha acquisito maggiore rilevanza nell’affrontare le sfide recenti. E così è nato, ad esempio, Piano JunckerCome ex capo della Commissione, ha cercato di mobilitare investimenti per milioni di dollari per rilanciare l’economia dopo la crisi finanziaria dell’ultimo decennio.

Nuove priorità

Il coronavirus ha anche stimolato il braccio finanziario dell’UE, che faceva parte della rete di sicurezza tripartita concordata dall’Eurogruppo per sostenere l’economia con un programma generale di garanzie fino a 100 miliardi di euro. In quel periodo sono emersi finanziamenti per lo sviluppo di vaccini, ad esempio 100 milioni di dollari alla società tedesca BionTech per implementare uno dei primi vaccini contro il Coronavirus da immettere sul mercato.

Nel 2022, a seguito dell’aggressione militare russa contro l’Ucraina, l’organismo ha assunto il compito di indirizzare le risorse per ricostruire le infrastrutture e finanziare progetti nel paese orientale, e negli ultimi anni si è posto l’obiettivo di diventare soprattutto una “banca climatica” europea. .”

READ  Perché è difficile imparare l'inglese? | formazione | Economia