Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bruxelles chiede ai paesi di ritirare gli aiuti energetici

Bruxelles chiede ai paesi di ritirare gli aiuti energetici

La Commissione europea ha assicurato che se i prezzi dell’energia torneranno a salire, qualsiasi misura di sostegno messa in atto dovrebbe “mirare a proteggere le abitazioni e le imprese a rischio”.

Mercoledì la Commissione europea ha chiesto ai governi dell’intera Unione europea di porre fine ai sussidi energetici globali entro la fine di quest’anno. Ciò è necessario affinché si adeguino agli standard finanziari, secondo l’autorità esecutiva della società.

All’indomani dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia, i governi dell’UE hanno speso molti soldi per mitigare gli effetti dell’aumento dei costi energetici. Ma Bruxelles ora afferma che le misure di sostegno, se ancora necessarie, dovrebbero mirare a proteggere le famiglie e le imprese vulnerabili.

“La misura principale è ridurre le misure di sostegno energetico globale. Penso che qui ci possa essere più spazio di manovra”, ha detto ai giornalisti Paolo Gentiloni, commissario europeo per l’Economia, aggiungendo che “Certo, non interferiamo nel politiche fiscali dei diversi stati membri.” “.

Le regole fiscali sono state sospese durante la pandemia di COVID-19, ma tale sospensione scade nel 2024. È in discussione una revisione delle regole, ma il dibattito su come proteggere gli investimenti riducendo debito e deficit rimane aperto.

Il commissario Gentiloni ha affermato che i segnali sono positivi. “Nonostante il fatto che abbiamo un livello di debito decrescente, un livello di disavanzo decrescente rispetto al PIL e abbiamo bisogno di politiche fiscali più prudenti, non stiamo entrando nel ciclo che abbiamo visto nelle crisi precedenti di graduale riduzione del livello di spesa pubblica investimento.”

Nel caso della Spagna, la commissione ha chiesto al governo di limitare l’aumento della spesa pubblica al fine di ridurre parte del deficit strutturale. Allo stesso tempo, l’esecutivo della comunità sta già avvertendo che lo standard del deficit non è stato rispettato da 14 paesi: Francia, Germania, Italia, Lettonia, Ungheria, Malta, Polonia, Belgio, Bulgaria, Repubblica Ceca, Estonia, Spagna, Slovenia e Slovacchia – mentre le violazioni del debito sono state effettuate da tre: Italia, Francia e Finlandia.

READ  Recessione: 5 segreti che hanno salvato le aziende e le hanno portate al vertice

La Commissione proporrà al Consiglio di aprire il prossimo anno misure per il disavanzo eccessivo, che potrebbero comportare sanzioni pecuniarie nei confronti di chi non rispetta le regole.