Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Beto Perez, creatore di Zumba: “Ho sempre sognato di viaggiare e ballare con tante persone. Non avrei mai immaginato di essere famoso o milionario” |  la gente

Beto Perez, creatore di Zumba: “Ho sempre sognato di viaggiare e ballare con tante persone. Non avrei mai immaginato di essere famoso o milionario” | la gente

All’età di sedici anni, alla fine degli anni ’80, Beto Pérez iniziò ad insegnare aerobica a Cali (Colombia). All’età di 20 anni, negli anni ’90, si trasferisce nella capitale, Bogotá, per continuare a crescere in questo campo. Successivamente si è recato tre volte, senza documenti e con la minima conoscenza della lingua inglese, a Miami (USA) per cercare un’opportunità. L’ha preso per la quarta volta, dopo aver dormito per strada. Già nel 21° secolo, all’età di 29 anni, arrivò il momento più decisivo della sua vita. Ha dovuto scegliere tra un uomo d’affari americano che gli ha offerto un milione di euro da investire su di lui, e Alberto Perlman, un cittadino che non aveva quasi nulla. “L’ho scelto perché era la persona con cui ho passato più tempo sensazione. “Penso di aver preso la decisione giusta”, ha ricordato oggi. Perez è l’inventore della Zumba, l’esercizio che li ha resi milionari e che è piaciuto a tutti, dalla regina Letizia a Michelle Obama, passando per Garbiñe Muguruza, Victoria Beckham e Raquel Sanchez Silva. Più di 15 milioni di persone lo praticano ogni settimana in 180 paesi del mondo, mentre lui tiene lezioni nella sua palestra di Miami e tiene eventi specifici, come lo scorso fine settimana a Malaga.

Più di 500 persone provenienti da mezza Europa si sono riunite sabato scorso presso il Palazzetto dello Sport Martín Carpeña della capitale, Malaga, per partecipare a un corso di Zumba di 10 ore rivolto a istruttori certificati. In fondo alla pista da ballo, i partecipanti, per lo più donne, sembravano seguaci di una religione. il cui costume è composto da calzini, Cime Le sue giacche sono di colori fluorescenti, i suoi inni sono merengue, reggaeton e samba, e il suo messia è lo stesso Beto Pérez, che ha compiuto 53 anni la primavera scorsa. Risate, occhi spalancati e movimento aiutavano a seguire le orme di qualcuno che un tempo combinava danza e aerobica in una pratica che all’epoca non aveva nemmeno un nome. Oggi Zumba è un’azienda che vale più di 500 milioni di dollari, con un proprio marchio di abbigliamento – in collaborazione con Hello Kitty o Crayola – e cosmetici, tra le altre aziende. “Ho sempre sognato di viaggiare per il mondo e ballare con tantissime persone, ma non avrei mai immaginato di diventare famoso, milionario o di contribuire a cambiare vite”, ammette.

READ  BKT y el fútbol, ​​​​un año más gana la solidaridad en España e Italia

Il padre di Zumba definisce la pratica come “una serie di movimenti camuffati da danza che in realtà tonificano il corpo”. “È una festa in discoteca portata in un mondo fitness, Senza stare alzato fino a tardi, senza alcol e con acqua”, ha detto, indossando una maglietta a maniche lunghe che diceva: “Devi crederci“E il suo volto è disegnato. Sulla piattaforma Vix – che non è ancora arrivata in Spagna – puoi guardare una serie di 70 capitoli sulla sua vita, dall’infanzia isolata dopo che sua madre partì per lavorare negli Stati Uniti, fino ai suoi successi e fallimenti da adulto. È facile trovare video su YouTube in cui Perez insegna lezioni di gruppo in luoghi diversi come Rimini (Italia), Giakarta (Indonesia), Città del Messico o Istanbul (Turchia), e presto tornerà nel Regno Unito e in Giappone .Le sue ultime due visite in Spagna, nel 2021 e lo scorso fine settimana, sono state a Malaga, la destinazione preferita per i suoi collegamenti con l’Europa in aereo, le sue spiagge e i suoi prezzi.Il tennista Garbiñe Muguruza si è unito a più di 500 persone che hanno partecipato per pochi minuti. Malena Costa, Shakira, Becky G e Claudia Leite sono le personalità che hanno aderito agli eventi che viaggiano in tutto il mondo e hanno tenuto la loro conferenza centrale annuale a Orlando, alla quale hanno partecipato 8.000 persone. Sono tutti istruttori formali formati e certificati dalla società di Perez che poi ricevono ogni due mesi coreografie, musiche e materiali per insegnare le lezioni.

Beto Pérez, il 16 settembre a Malaga. Garcia Santos Garcia Santos (El Pais)

Ai piedi di Jane Fonda

Lui stesso ha detto in più occasioni che tutto in principio era frutto del caso. Già da adolescente insegnava aerobica a Cali con la musica che registrava all’alba su un vecchio nastro direttamente dalla radio, perché a quel tempo non c’erano pubblicità. “Locomía, Rosario, El General, Juan Luis Guerra, quel tipo di canzoni, qualunque canzone suonassero”, dice. Era lui che lo utilizzava nelle sue sedute, finché un giorno se ne dimenticò Nastri a cassetta. Avevo merengue, salsa e altri ritmi latini a portata di mano. Per tirare avanti mentì ai suoi studenti, dicendo che aveva preparato qualcosa di speciale per loro. Ha improvvisato per un’ora. E ha funzionato. “Lo adoravano e mi chiedevano di più, era così pazzesco. Ero un visionario senza saperlo”, ricorda.

READ  Uno x uno da River vs. Velez per la Copa Libertadores: punteggi Millionaire

Ha cambiato la sua vita per sempre. Prima a Cali sotto il nome di Latin Aerobics, poi a Bogotá sotto il nome di Rumba, e poi a Miami, dove finirà per collaborare con Alberto Perlman – figlio di uno studente di Perez e attualmente CEO di Zumba Fitness LL – e Alberto Aghion per dargli il nome Finale. “Stava lanciando nomi come Tinga, bunga, panga, dampa…finché Zumba non uscì con la lettera Z la volpe “Questo è ciò che amavo così tanto da bambino.” L’obiettivo iniziale era registrare alcune lezioni e venderle su DVD con l’idea che l’esercizio fisico avrebbe aiutato una comunità nordamericana con alti tassi di obesità a perdere peso. “quello era marketing“Anche se la mia attenzione era più orientata alla gioia e al divertimento”, dice Perez. Quando hanno lanciato l’audiovisivo hanno iniziato a ricevere lettere di persone che volevano formarsi come formatori e l’azienda ha avviato un programma di formazione in cui si aspettavano circa 80 persone, ma ne sono arrivate 300. È diventata un’impresa, ma da allora non è più riuscita assumersi tutte le classi, ha deciso di delegare i formatori ai formatori. In Spagna, solo quattro donne hanno questo certificato, ma permette loro di mantenere una comunità attiva la cui fedeltà è quasi religiosa.

“Questa non è un’audizione per Broadway, è solo un modo per esprimersi e divertirsi”, dice Beto Perez, nella foto, partecipante all’evento Zin Academy Zumba a Malaga.Garcia Santos Garcia Santos (El Pais)

Cosa attrae questo vasto pubblico verso Zumba? “Le persone si allenano senza avere la sensazione di fare esercizio. Lo sport è associato al dolore, al sacrificio e al dolore, e questo è quello che succede anche qui, ma quello che ricordiamo è quanto ci siamo divertiti in classe. Questa è una passione”, dice Perez. Sottolinea che non esiste alcuna condizione per praticare questo metodo nella palestra all’angolo: “Chi è completamente aritmico si sentirà a suo agio in terza classe. E chi sa muoversi un po’, la prima volta”. Broadway, è solo un modo per esprimersi e divertirsi”, spiega, sottolineando che persone di tutte le età praticano questa disciplina. “Hai solo bisogno del tuo corpo”. Per renderla accessibile a tutti i tipi di pubblico, ha sviluppato nuovi metodi: Zumba Step, Aqua Zumba, Zumba Gold per gli anziani e Zumba Sentau per gli esercizi addominali, e anche Zumba per i bambini. “Abbiamo preso le tendenze e le stiamo facendo rivivere in modo che la generazione attuale possa sperimentare le cose belle che sono accadute nel mondo di fitness “Negli anni ’80 e ’90”, aggiunge Perez, che mette su un piedistallo la pioniera dell’esercizio fisico Jane Fonda.

READ  "Ero in modalità aereo, ma ho perso la mia felicità"

L’azienda nordamericana ha firmato accordi con artisti famosi per pubblicare le loro canzoni e deve chiedere il permesso di utilizzare la parola Zumba nei testi delle loro canzoni. All’inizio veniva praticato a ritmo maccheroni Anche Aserejéper tirare fuori le canzoni di Pitbull, Calle 13 o Luis Fonsi e i suoi successi successivi lentamente. “Compriamo i diritti, perché una bella festa ha bisogno di musica di qualità, ma abbiamo anche vincitori di Grammy che realizzano canzoni esclusive per noi”, conclude Perez, che vorrebbe continuare a insegnare al City Zero, il suo spazio sportivo nella città della Florida. Per mantenere la sua vicinanza ai suoi seguaci. “Non voglio andare in pensione e allontanarmi dalla realtà”, dice.