Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Azioni provinciali e gap di cambio: perché già si parla di “dollaro-primo”

Azioni provinciali e gap di cambio: perché già si parla di “dollaro-primo”

Gustavo Saez, governatore di Salta, e Juan Sciaretti, che non potranno pagare il 60% alla scadenza del 10 giugno.

Un gruppo di procuratori provinciali continua a scambiarsi commenti e valutazioni in un gruppo WhatsApp sui provvedimenti che riguarderanno i loro dipartimenti dalla recente decisione della banca centrale, che da giovedì ha esteso i controlli sui cambi alle giurisdizioni “subnazionali”. Le province possono acquistare dollari sul mercato ufficiale solo per pagare gli interessi e non più del 40% delle scadenze principali (nette) del loro debito in valuta estera, con dover acquistare il restante 60% dei loro conti in valuta estera (se li hai) o rifinanziare le scadenze, a quella che potrebbe essere una riclassificazione forzata ordinata dal livello nazionale.

La procedura equipara il trattamento permutario delle province a quello già percepito dalle aziende private. “Le contee che hanno ristrutturato in gran parte il proprio debito nel 2020 e ora, in alcuni casi, stanno iniziando ad affrontare scadenze azionarie, devono decidere se cercare nuovi finanziamenti in valuta forte per una scadenza azionaria di almeno il 60% o eseguire uno swap. importo equivalente al coefficiente indicato, ovvero – implicitamente – l’acquisto o l’utilizzo di valuta estera per soddisfare la restante parte senza accesso al mercato ufficiale dei cambi. Daniele Marx.

Il rapporto determina che per i restanti sette mesi fino alla fine dell’anno, le scadenze principali per i titoli emessi ammontano a 443 milioni di dollari (dopo aver dedotto i pagamenti principali a Salta, una provincia governata dal governatore recentemente rieletto). Gustavo Sainz1), che ha pagato quanto dovuto giovedì 1), e per il quale le province devono acquistare per 266 milioni di dollari. Il totale dei pagamenti di interessi maturati nel periodo su questi strumenti è di $ 505 milioni (al netto anche della data di scadenza di Salta). Inoltre, ci sono altri obblighi all’estero previsti dai prestiti.

Archiviare i dollari di scadenza del debito della contea, archiviati su Quantum Report

Le province con le scadenze più elevate nel resto dell’anno sono Buenos Aires e Cordoba. La regione mediterranea, che ha deciso di agire davanti alla giustizia, è la più obbligata in termini di entità, avverte Quantum, perché il 10 giugno deve pagare un ammortamento di 120,3 milioni di dollari Usa. Mentre Mendoza annunciava che avrebbe fatto ricorso alla giustizia, Neuquén espresse anche la sua insoddisfazione per la procedura formale, sebbene non fosse certo che avrebbe interferito in una sorta di procedimento.

Infatti, Mendoza è stata una delle province più critiche nei confronti della procedura ufficiale, formalizzata nella comunicazione A7782 della Banca Centrale. L’amministrazione del radicale Rodolfo Suarez dovrà ottenere circa 27 milioni di dollari, oltre ai 18 milioni di dollari che la nazione venderà inizialmente al tasso di cambio ufficiale, per pagare una scadenza capitale di 45 milioni di dollari che scade il 19 settembre. Dovrai cercarlo con uno scarto di cambio superiore al 100%, che in pesos significa un superamento dei costi di oltre $ 6.000 milioni, per il valore basso, rispetto ai conti precedenti, anche se – come si suol dire – “i soldi è lì”. I dollari che la provincia ha sono per lo più soldi per il lavoro del “Portezuelo del Viento”, che è stato interrotto dal governo nazionale.

READ  Come funziona e chi fa parte della rete Triple Frontier Hijazi

La persona che ha preso il voto politico per sostenere questo problema è stata Lisandro Neri, ex ministro delle finanze e attuale vice nazionale di Mendoza che ha indicato in una trascrizione di aver notato che, inoltre, “a causa di uno straordinario capriccio dell’opposizione” (del Frente de Todos), non ha il mandato legale di fare un debito. In ogni caso, ha spiegato, “il debito di Mendoza è completamente sostenibile” e dal 2015, quando l’Unione delle Città Unite (UCR) ha ripreso il governo provinciale, è stato ridotto di oltre il 30%, da 1.487 milioni di dollari a 976 milioni di dollari in Marzo di quest’anno. . “La sostenibilità del debito non rappresenta alcun problema e questo si riflette chiaramente sul prezzo del titolo”, ha sottolineato Neri, che ha messo in dubbio i “successi” dell’amministrazione del ministro Massa in Cina per la scarsa tempestività dei provvedimenti. “Se si raggiunge il risultato che dicono di scambiare yuan per miliardi, avrebbe senso questo sfogo per soli 300 milioni?, si è chiesto.

Inoltre, Nyeri ha sollevato il tema della discriminazione e dell’antifederalismo ricordando che per pagare le proprie quote, l’erario nazionale raggiungerà il tasso di cambio ufficiale che la BCRA nega alle province. La nuova misura 40/60 che BCRA ha creato per i pagamenti regionali può essere chiamata “Fernet Dollar” e aggiungere una serie di tassi di cambio che includono categorie come Coldplay, Qatar, Netflix, Techno, Soy, Malbec, Crypto, Luxury, oltre a CCL, eurodeputato e “Blue” il solito. E tutto, chiude il legislatore ed ex ministro delle finanze di Mendoza, “solo per non mettersi a disattivare questo scambio mamarracho”.

READ  La Russia è riuscita a superare le sanzioni occidentali per espandere la propria produzione missilistica

Giovedì, quando la BCRA ha annunciato il provvedimento, i giornali regionali più colpiti sono stati quelli della provincia di Buenos Aires, in calo del 2,6%, e quelli di Córdoba, i cui tassi sono scesi dell’1%. “Il resto delle giurisdizioni non ha mostrato differenze significative, presumibilmente a causa della minore liquidità con cui operano”, spiega il rapporto di Quantum.

Il provvedimento ufficiale mira a costringere i governatorati a utilizzare i dollari che hanno immagazzinato e le fonti ufficiali sono esaurite di circa 1.400 milioni di dollari.

Dettaglio delle scadenze, per regione, fino a fine anno

Secondo Quantum, “è probabile che gran parte di questi risparmi oggi sia depositata nelle banche locali nei conti delle banche centrali, e quindi conteggiata nelle riserve totali. Il loro utilizzo per fornire servizi non comporterà cambiamenti che si rifletteranno nella definizione di net riserve internazionali che figura nel memorandum firmato con il Fondo monetario internazionale e avrà lo stesso effetto sulle riserve totali dell’accesso al mercato unico dei cambi.

L’urgente carenza di dollari dalla banca centrale fa da sfondo alle grandi trattative guidate da Massa in Cina. L’economia cerca di legare i crediti della “New Development Bank” dei BRICS, il blocco formato da Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica, un processo che, nella migliore delle ipotesi, maturerebbe nell’agosto dello stesso mese . dal passo. L’obiettivo raggiunto è quello di ampliare l’utilizzo dei currency swap con la Central Bank of China, un passo avanti alla fase finale dei negoziati con il Fondo Monetario Internazionale per riformulare il leaky agreement in vigore e per arrivare all’esborso di 10.800 milioni di dollari USA dal agenzia in una sola volta e non nelle tre rate citate nella lettera originaria, nei mesi di giugno, settembre e dicembre. Troppo tardi i conti finanziari ed elettorali del governo.

Non escludiamo che l’autorità esecutiva continui ad aprire il mercato ufficiale dei cambi oa richiedere che i dollari del settore privato vengano utilizzati per determinati pagamenti. In ogni caso, un allargamento del divario nel breve termine sembra inevitabile” (Equilibra)

Altra testimonianza di carenza di dollari è la decisione della Bank of Bahrain e del Kuwait di non intervenire giovedì sul mercato obbligazionario, che ha permesso ai prezzi dei dollari finanziari di salire di circa 40 dollari, per raggiungere area 480 dollari, più vicina alla dollaro blu.

Il presidente della BCRA Miguel Pesque ha firmato tra il suo omologo cinese Yi Gang e il ministro Sergio Massa l’estensione dell’uso degli swap di valuta con la Cina

Equilibra Advisory ha stabilito che mantenere il dollaro finanziario “artificialmente basso” è costato alla posizione $ 800 milioni di riserve nette tra il 25 aprile e il 17 maggio, a un tasso di $ 50 milioni per giorno lavorativo.

READ  Israele revoca quasi tutte le restrizioni relative al coronavirus da giugno

Riteniamo che la Banca Centrale continuerà ad intervenire sui prezzi finanziari. Ma dato lo stock in calo delle riserve internazionali nette (NIR), non escludiamo la possibilità che il CEO continui a raddoppiare sul mercato ufficiale dei cambi oa richiedere che i dollari del settore privato vengano utilizzati per determinati pagamenti. In ogni caso, un allargamento del divario appare inevitabile nel breve termine”, ha previsto Equilibra.

L’economista ha sottolineato qualcosa di simile su Twitter Fernando Maroloche ha sottolineato l’ironia che il limite ai dollari ufficiali per le province serve alla BCRA per risparmiare solo $ 260 milioni fino alla fine dell’anno.

“Il governo ha speso 900 milioni di dollari in un mese per sovvenzionare dollari parlamentari a 455. pesos e ha speso 825 milioni di dollari ‘in 3 anni’ per pagare il FMI. Oltre a questi dollari, li ha ereditati. In altre parole, non ha messo un mango giù e riconteggio Pieno Kirchnerismo sottolineò Marol.

Continuare a leggere:

L’Argentina ha rinnovato lo scambio con la banca centrale cinese
Un nuovo segnale di sostegno della Casa Bianca all’Argentina nei negoziati con il FMI