Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Anecoop evita la diffusione del virus crescendo del 6,6% e generando 966 milioni di affari

Guardando i risultati, il presidente di Anecoop Alejandro Monzon ha ammesso ieri che è stato l’anno “strano” dopo aver venduto il volume di 826.000 tonnellate, che ha rappresentato un calo dell’1,9% rispetto all’anno precedente, rispetto allo scorso anno. Vengono conservate oltre un milione di tonnellate raccolte. Anecoop segue da vicino le orme dei grandi fondi di investimento, che partecipano a pieno titolo al capitale delle aziende agroalimentari, e chiede di accelerare il processo di integrazione delle realtà cooperative per acquisire dimensione e affrontare le sfide della globalizzazione economica. Secondo il direttore generale di Anecoop Joan Mir, il 2020 è stato l’anno “più duro”, ha evidenziato il “grande esempio” che il settore agroalimentare ha fornito in questa crisi e ha chiesto “più sostegno” per far fronte agli anni in cui vedono gli affitti più bassi in questa zona con aumento della domanda e dei costi.

Più turnover degli agrumi

Negli agrumi, le vendite di Anecoop sono aumentate dell’11,3% nonostante abbia venduto una tonnellata del 13% in meno rispetto all’anno precedente, con prezzi di liquidazione significativamente più alti rispetto agli anni precedenti. Secondo Meyer, il settore degli agrumi spagnolo, nonostante l’annunciata cancellazione delle tariffe statunitensi – che ha ridotto a zero le spedizioni nelle ultime due stagioni – sta avendo difficoltà a raggiungere grandi volumi di vendita nel Paese nordamericano a causa della concorrenza del terzo posto. Paesi e alta produzione di mandarino in California.

Nella frutta, è migliorato del 12% nelle vendite e del 10,3% in più rispetto alle tonnellate vendute. Negli ortaggi, il volume è diminuito del 2,6% e le vendite sono aumentate dell’1,7%. È stato un buon anno anche per le cantine del gruppo, che hanno incrementato le vendite attraverso la distribuzione capillare e Internet, con una crescita di 24,4 milioni di litri in bottiglia (+ 12,5%) e dei volumi di vendita, che hanno raggiunto i 32,7 milioni di euro (+ 7,8%).

READ  Vaccini e focus sul clima Vertice G7, primo di persona dalla pandemia

Le vendite della quarta e della quinta gamma sono in calo

Per i prodotti IV e V Gamma (Ready to Cook and Eat) l’anno non è stato buono, principalmente a causa della chiusura del Canale “Horeca” e della sostituzione di alcune referenze con produzioni locali ”, costringendo chi l’ha fatto a traslocare da questa nuova realtà. Anecoop sta attualmente esportando in 81 paesi. L’Europa è la principale destinazione delle sue esportazioni, guidata dalla Francia, con oltre 181mila tonnellate. Al secondo posto c’è la Spagna con 172.500 tonnellate e la Germania con più di 161.000 tonnellate. Altre destinazioni rappresentative sono: Italia, Slovacchia, Polonia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Ungheria e Svezia. La Brexit ha avuto scarso impatto sui loro conti.

Mir: “Devi difendere il settore come il calcio contro la ‘Premier League'”

L’amministratore delegato di Anecoop ha difeso il “grande esempio” che la filiera agroalimentare aveva dato durante la pandemia e ha chiesto sostegno e difesa di questo settore essenziale, come avvenuto con il calcio di fronte alla “nascita della Premier League”. Di fronte all’incontro dei membri del gruppo cooperativo, Mir ha fatto luce sul valore strategico del settore nell’economia locale e si è chiesta cosa sarebbe successo se avesse incontrato gli stessi problemi nell’ottenere gli approvvigionamenti alimentari come nell’accesso a prodotti sani. “Sarebbe stato un disastro”, ha osservato. Secondo Mir, “il Paese ha bisogno di indipendenza alimentare in caso di crisi come quella scoppiata”. Alejando Monzo ha chiesto una spinta alle campagne di promozione degli agrumi attraverso Intercitrus.