Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

AMLO e Morena annunciano la riforma elettorale; È l’ultima elezione per INE: Salgado

Dopo aver criticato il modo in cui si sono comportati l’Istituto nazionale di statistica e la Corte elettorale nel caso di Felix Salgado Macedonio e Raul Moron, il presidente Andres Manuel Lopez Obrador, Morena ei governatori del partito hanno annunciato di essere alla ricerca di una riforma elettorale.

Almeno sette governatori hanno parlato con Morena contro INE e TEPGV, accusandoli di “pregiudizio” e “indebolimento della democrazia”, ​​e hanno fissato una posizione per i candidati di Salgado, Macedonio e Raul Moron.

Questa mattina il presidente ha rinnovato che stava preparando una riforma per eliminare gli organismi indipendenti e ha annunciato che avrebbe inviato un’iniziativa Riforma elettorale Al Congresso per affrontare la situazione di “impeachment” in cui sono presenti candidati come Salgado Macedonio e Raul Moron.

“Lo presenterò per questo Sono stati lasciati indifesi, E violando i loro diritti, possono rivolgersi a organismi internazionali e sono certo che saranno d’accordo, ma bisogna rivedere quanto tempo richiede questo processo, un anno, che non è nemmeno vincolante “.

Ha detto che se si trattava di una questione costituzionale legata alla corte e al diritto alla tutela giudiziaria.

Il mio: Morena offre un profilo della figlia di Felix Salgado come candidata a Guerrero; Mojica chiede di essere inclusa

Lopez Obrador ha nuovamente criticato il modo in cui l’INE e il Tribunale elettorale hanno agito nel caso Salgado e Moron, dicendo che avevano inferto un “colpo alla democrazia”.

Ha sottolineato che “questi organismi (indipendenti) non hanno il compito di garantire la democrazia ma piuttosto di prevenire la democrazia, anche se può sembrare irragionevole o inaccettabile, ma come escluderli da organi di fazioni che sono stati fusi attraverso concessioni di parte”.

READ  "rilassamento". Nuovo video nelle reti, derisione e fastidio tra gli operatori sanitari

“È una riforma che faremo, una riforma amministrativa per adattare il governo alle nuove condizioni, e che non abbiamo tutta questa dispersione, e la maggioranza non fa nulla a beneficio del popolo, ma non fa nulla tutto loro, solo quando cercano di difendere i propri interessi “.

L’Istituto Nazionale di Statistica fa parte della magistratura?

Nell’ambito della riforma, il presidente proporrà che l’Istituto elettorale nazionale diventi parte della magistratura. L’argomento che ha fatto è che ora non è veramente un organismo indipendente ed è anche molto costoso.

“È l’organo elettorale più costoso del mondo e l’ultima goccia è che non serve per imporre la democrazia, ma fino a quando non ci sarà la democrazia, perché siamo solo masochisti, quindi come sarà permesso?”

Alla domanda durante la sua conferenza stampa sulla segreteria a cui sarà inviato l’Istituto Nazionale di Statistica, ha risposto:

“No, no, no, deve essere davvero indipendente. Non è così adesso, e Può essere nella magistratura, in un’autorità indipendente e indipendente, con persone di integrità, onestà ed errore, Ma non è quello che stiamo soffrendo adesso, ma va avanti da tempo “, ha sottolineato.

Mentre Felix Salgado Macedonio Ha confermato che quest’anno saranno le ultime elezioni organizzate dall’Istituto nazionale di statistica.

“Buona fortuna, Lorenzo. Saranno le ultime elezioni organizzate dall’Istituto nazionale di statistica “.Salgado ha risposto a un videoclip di Lorenzo Cordova che parla del giorno delle elezioni.

Gli arbitri di Morena si oppongono a INE e TEPJF

I governatori di Morena di sette Stati si sono lanciati contro la decisione dell’Istituto per le elezioni nazionali e della Corte elettorale di ritirare le candidature di Salgado Macedonio e Raul Moron.

READ  Fattori di business che aiuteranno a migliorare le prestazioni del mercato delle nanotecnologie mediche: aggiornamenti della ricerca medica e farmaceutica

E lo consideravano “costituzionalmente sproporzionato, perché la sua applicazione automatica limita il diritto di voto”.

Nominato a nome dei Governatori dello Stato della Bassa California, Jaime Bonilla; Rutilio Escandon, dal Chiapas; Cuauhtemoc Blanco di Morelos. Miguel Barbosa di Puebla. Adán Augusto López Hernández, di Tabasco; Quetlahuac Garcia, di Veracruz; Il capo del governo del CDMX, Claudia Sheinbaum.

Ora riflettiamo che è mancato lo stesso impegno da parte di altre istituzioni, soprattutto degli organi che organizzano e classificano i processi elettorali. Questa non è la prima volta che l’Istituto nazionale di statistica, ex IFE e TEPJF hanno agito in modo neutrale. E contro la volontà popolare di avanzare verso una vera democrazia “.

Giovedì, durante una videoconferenza, Claudia Sheinbaum ha detto la sua dichiarazione riguardo all’Istituto nazionale di statistica e al tribunale Non supportano i loro compagni di partitoÈ un appello alla democrazia.

Ha aggiunto: “Non sosteniamo i candidati, diciamo che non pensiamo alla decisione del tribunale e dell’istituto. Vogliamo che ci sia democrazia nel paese (…) e se siano necessarie modifiche legali o legali. , sarà necessario valutarlo “, ha detto.

Ha anche affermato di essere d’accordo con l’approccio del presidente alla valutazione delle istituzioni indipendenti.

Deve esserci una valutazione, e l’obiettivo è che svolga una funzione, perché a volte “la burocrazia è solo creata”.

“Se siamo soggetti a una valutazione permanente delle persone e dei cittadini, le diverse istituzioni dovrebbero essere soggette a una valutazione”, ha affermato.

READ  Università La Plata. Un medico che copre il crimine di Cabezas è a un passo dall'essere il capo della medicina legale

I conservatori nel loro insieme hanno criticato il fatto che, sebbene la Corte elettorale abbia inizialmente stabilito la punizione dell’Istituto nazionale per le elezioni nello stesso modo, ha approvato nella sua seconda posizione il ritiro del verbale e ha accusato la decisione che limita il diritto di voto e di voto.

La posizione dice: “L’Istituto elettorale nazionale e la Corte elettorale dell’Autorità giudiziaria federale hanno l’obbligo costituzionale di assicurarlo, e oggi hanno violato questo principio, e quindi la stessa Costituzione”.

“Con i principi e la saggezza che governano il nostro comportamento, esprimiamo il nostro completo disaccordo con tale decisione, simpatizziamo con la gente di Michoacan e Guerrero, e uniamo l’appello del Presidente della Repubblica a non essere provocati e continuare, e hanno indicato che la lotta è per il progresso in modo pacifico per raggiungere la democrazia.

Quello che facciamo ad Animal Político richiede giornalisti professionisti, lavoro di squadra, dialogo con i nostri lettori e qualcosa di molto importante: l’indipendenza. Puoi aiutarci ad andare avanti. Entra a far parte della squadra. Iscriviti ad Animal Político, ricevi i vantaggi e sostieni il giornalismo gratuito.

#YoSoyAnimal