Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Amber è sulla buona strada per diventare il terzo azionista di Indra e chiude la crisi della governance tecnologica | comp

Amber Capital sta cercando di rafforzarsi a Indra e ha ricevuto il via libera dal governo per farlo. Il fondo guidato da Joseph O’Gurlian, che attualmente controlla il 4,18% della società tecnologica, ha ottenuto il permesso dal governo di accedere fino al 9,99% del suo capitale.

Secondo un dato di rilievo inviato venerdì al CNMV, il Consiglio dei Ministri ha approvato martedì l’accordo che autorizza “l’investimento estero congiunto di Amber Capital UK, LLP (UK) e Amber Capital Italia (Italia)” in Indra. Il mandato consente loro di accedere “congiuntamente” a una quota rappresentativa del 9,99% del loro capitale, aprendo la strada a una spinta hard core.

Amber Capital, gestita da Oughourlian, presidente di PRISA (editore di Cinco Días e El País, tra gli altri media), è entrata nella capitale di Indra lo scorso giugno, con il 4,18% della società tecnologica. L’operazione ha comportato l’acquisto di 7,38 milioni di azioni con un investimento di 75,69 milioni di euro. L’eventuale nuovo acquisto, che la collocherebbe come terzo azionista, comporterebbe per Amber un investimento aggiuntivo di circa 80 milioni di euro.

Il principale azionista di Indra rimarrà SEPI, che ha confermato a Cinco Días di detenere il 28% del capitale, seguito da Fidelity, con l’11%. Se si concretizza l’aumento della quota di Amber al 9,99%, il rinnovo del cda di Indra sarebbe ancora più vicino, tanto che Amber e Sepi, insieme a Basque Sapa, con l’8%, hanno votato a giugno per licenziare quattro indipendenti e non rinnovare i quinti , provocando una crisi di governance in una società tecnologica.

I tre soci possono sommare fino al 46% del capitale in vista dell’assemblea degli azionisti che dovrà ricostituire il consiglio di amministrazione, prevista per ottobre.

READ  Calo Rivero ha testimoniato per oltre 4 ore nel processo contro Darthes

Vale a dire venerdì, Indra ha annunciato che il comitato per le nomine aveva una “lista ristretta” di sei amministratori indipendenti in sostituzione di quelli che hanno lasciato lo scorso giugno, una corsa che ha fatto cadere la partecipazione. I candidati selezionati sono Virginia Ars, Partner responsabile del settore Tecnologia, Comunicazioni, Intrattenimento e Media di PwC Spagna; Olga San Jacinto, consulente esperta nella progettazione di strategie di trasformazione; Felipe Fernandez, ex presidente di Deutsche Telekom in Spagna e presidente di AdeA; Coloma Armero, avvocato, ex partner di Uría y Menéndez e direttore di Cemex Latam; Axel Arndt, ex direttore di Rolls Royce e direttore di ITP Aero, e Belén Amatriain, ex direttore di Telefónica.

Entrambe le operazioni rafforzeranno il non CEO di Indra, Mark Mortra, e il suo interesse a rafforzarsi nella difesa, un’area in cui sono previsti massicci investimenti in tutto il mondo dopo la guerra in Ucraina.

“Sono stati completati i controlli finali volti a garantirne l’idoneità e l’indipendenza”, ha affermato Indra. Successivamente, il Comitato Nomine prevede di riunirsi lunedì prossimo per adottare, ove opportuno, le corrispondenti proposte di nomina che saranno comunicate al Consiglio e sottoposte all’Assemblea.

Entrambe le notizie hanno portato Indra in rialzo del 2,32% in borsa questo venerdì, a 8,17€.

Processo di selezione dei direttori

Le fonti di Indra hanno difeso che gli azionisti sono rimasti ai margini del processo di selezione degli amministratori indipendenti. Ha aggiunto un’altra fonte, che ha spiegato che c’erano “diverse liste di candidati e SEPI stava prendendo appunti sui candidati cercando di evitare incompatibilità con l’azienda”. L’ente pubblico potrebbe anche sollevare una prospettiva di genere come aspetto rilevante.

READ  Un altro tirocinante di TV Nostra è venuto alla luce: cosa è successo tra Diego Ramos e Jorge Real dopo la rivolta?

Sebbene Indra voglia rafforzarsi nel campo della difesa, solo uno dei manager selezionati è direttamente correlato al settore: Axel Arendt. Fonti vicine alla società tecnologica spagnola sostengono, però, che il board dovrebbe essere visto nella sua interezza, e lì il peso difensivo sarà più equilibrato”, perché Ignacio Mataix, che è stato alla guida dell’ITP per quattordici anni, e direttore di Saba, Joken Abribay Pedaloneta, collaboratore del Basque Defense Group”.