Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Altre elezioni: qual è la squadra dei cinque candidati alle presidenziali e le loro storie legate al calcio?

Altre elezioni: qual è la squadra dei cinque candidati alle presidenziali e le loro storie legate al calcio?

Javier Miley nel ruolo del portiere di Chacarita

Sarà uno di gioie e dolori, uno di vincitori e perdenti, uno di celebrazione e resa, uno di urla e silenzio. La stessa cosa che succede ogni domenica con il calcio. Ma questa volta lo sport fermerà la palla e darà alla politica un passaggio immaginario, affinché sia ​​lei il campione, pur conservando quelle caratteristiche. Cinque sono i candidati che sognano di indossare la sciarpa presidenziale il prossimo 10 dicembre Le sue possibilità inizieranno a peggiorare in queste ore, come nelle partite decisive in cui si gioca tutto o niente. Tutti e cinque hanno o hanno avuto un legame con il calcio per tutta la vita.

Javier Miley Ultimamente aveva preso le distanze dal numero cinque, ma era giovane Portiere eccezionale nelle serie inferiori del Chacarita Juniors e del San Lorenzo. I suoi esordi furono negli anni ’80 nel famoso club San Martin, dove i suoi compagni lo ricordano come molto atletico e forte in quella posizione, che usciva anche per tagliare con sicurezza, e se doveva gettarsi ai piedi degli attaccanti per evitare il gol, lo ha fatto senza esitazione. Lo ricordano anche come qualcuno che aveva un ottimo comportamento, che non mancava mai l’allenamento e che, da quei tempi, aveva quello sguardo speciale tra i capelli.

Ha salvato nei ranghi inferiori per A.J Chacarita Che ha avuto ottime stagioni in Primera, finendo terzo in B nel 1982, anno del titolo del San Lorenzo, e ottenendo la promozione in Categoria Uno una stagione dopo. Nel 1986, i suoi voli facevano parte del Cyclone Arc, Dove è riuscito a diventare campione nella partita finale contro l’Huracan. Miley è nata nel 1970, categoria in cui c’erano già ottimi giocatori nella squadra degli Inferiores, che poi si consolidarono nel professionistico, come il Cholo Simeone A Velez, Leonardo Strada E Juan José Borelli Nel River Plate turco Maometto A Huracan o Fernando Gamboa A Newell’s.

Fin da bambino è tifoso del Boca Juniors. Ma qualche tempo fa ha spiegato perché ha messo da parte questa parte della sua vita: “Ne ho abbastanza di vivere in un Paese populista per essere tifoso di una squadra che ha preso decisioni populiste. Ad esempio, l’assunzione Riquelme Di Angelici, quando era chiaro che non avrebbe funzionato e così non è stato. Un altro argomento è stata la finale di Madrid, dove tifavo per il Boca. In realtà non è che fossi gonfio, è che guardavo la partita, ma quando Jago, un altro atto di populismo, volevo che vincesse il River. Secondo me era un cattivo calciatore, che è stata una delle bugie più grandi, ed è stato allora che sono diventato anti-Boca”.

Sergio Massa da ragazzo era tifoso del San Lorenzo

Coloro che furono suoi compagni di squadra al liceo ricordano A.J Sergio Massa è un tifoso del San Lorenzo. Frequentò il quinto anno nel 1989, epoca delle seconde elezioni presidenziali dal ritorno della democrazia, e fu attivo nell’Osedi, dove il suo fondatore Álvaro Alsugaray fu a capo della lista che fece un ottimo lavoro, piazzandosi al terzo posto. posto. Il teenager, tifoso del Ciclone, sapeva che la sua società non stava attraversando il miglior momento istituzionale, visto che in quella stagione si era sbarazzato di alcune figure, come José Luis Chilavert e Walter Perazzo, ma a metà del 1989 avrebbe diventare campione della pre-campionato Libertadores, con una vittoria indimenticabile: 4-0 contro il Boca, grazie alla saggezza di Bambino Vieira da allenatore, ai gol di Beto Acosta e al talento di Pippo Gorosito, che anni dopo avrà un ottimo rapporto con Boca. Masa.

READ  In Italia è vietato ai calciatori allenarsi in gruppo a causa del prolungamento della quarantena

La passione di Tigre Che attualmente crede sia iniziato negli anni ’90, quando ha incontrato la famiglia di sua moglie, Malina Galmarini. Suo suocero, Fernando, è stato il primo segretario sportivo di Carlos Menem e ha sempre mostrato il suo amore per il calcio e il Boca Juniors. Già pochi mesi dopo il suo insediamento, l’11 ottobre 1989, ebbe il piacere di disputare una partita in maglia azzurrooro. È stata un’amichevole in cui gli Xeneizes hanno vinto 1-0 all’Estadio Argentino de Quilmes contro la squadra locale, e Pato ha giocato 33 minuti con, tra gli altri, Juan Simón, Diego Sonora, José Luis Cociovo, Luis Abramovich e Koya Gutierrez, chi è stato l’autore del gol.

All’inizio del suo rapporto con il Tigre, Massa ha vissuto il percorso altalenante degli anni ’90, alti e bassi tra Primera B e P Nacional, finché nel 2003 ne è diventato direttore tecnico. Riccardo Caruso Lombardi Quando il candidato presidenziale aveva già peso all’interno dell’establishment. Nel giro di pochi anni passa dalla terza alla prima categoria, in un’indimenticabile promozione con la Nueva Chicago nel 2007, e dopo una stagione accetta un tie-break a tre con Boca e San Lorenzo per trovare capire chi era il campione. porta . Suo cognato, Martin Galmarini, è il calciatore che ha giocato più partite nella storia del Tigre.

Sergio Massa è stato sempre con la sua famiglia e non ha mai nascosto la gioia di seguire la squadra e di sostenerla in ogni circostanza. È entrato in campo per congratularsi con i giocatori e scattare foto dopo la storica finale in cui il Tigre si è laureato campione della Coppa di Premier League 2019, con Gorosito come allenatore, e lo stesso due anni dopo, quando ha ottenuto la promozione in prima divisione. Il suddetto Bibo era uno dei presenti alla cerimonia che ha visto l’attuale candidato alla presidenza assumere la carica di ministro dell’Economia.

Patricia Bullrich è una tifosa dell’Independiente.

Patricia Bullrich è una famosa tifosa dell’Independiente, tanto che qualche tempo fa è diventato virale un video in cui la si vede insieme a Néstor Grindetti, il suo candidato a governatore della provincia di Buenos Aires e attuale presidente dei Rojo, mentre canta una classica canzone di corte, incoraggiando il suo popolo. un gruppo. I suoi esordi nella lotta politica, nel primo quinquennio degli anni ’70, coincisero con l’epoca più brillante del Club Avellaneda, dove vinse per quattro volte consecutive la Copa Libertadores (1972 – 73 – 74 – 75) e confermò il titolo di Re di Coppe. Con la personalità distinta di Riccardo Boschini.

READ  Playtomic arriva in Italia con l'acquisto della piattaforma sportiva Sportclubby

Fin da piccola ha scelto il Club Independiente e, come ha raccontato qualche giorno fa, un membro della sua famiglia, anche lui una celebrità, ha dovuto fare i conti con questa situazione: “I nostri cugini Pueridón e Cesar e i loro fratelli, con i quali poi abbiamo formato il gruppo Bananas, da bambini abbiamo reso tutti Indipendenti. “Mio padre era disperato, ma aveva già preso questa decisione”. Fondazione intitolata “Del Rojo”.

Il candidato Juan Chiarte è un fan del Racing de Córdoba.

Dal boicottare il calcio come pochi altri Juan Chiaretti, l’attuale governatore, non è un tifoso delle due grandi squadre del posto, Talleres e Belgrano, ma piuttosto un tifoso del Racing, del quartiere Nueva Italia. L’anno scorso ha ottenuto la tanto attesa promozione dal Campionato Federale al Campionato Nazionale Senior e ha ricevuto la squadra e i capitani per congratularsi con loro. Dopo il discorso d’occasione, non ha esitato a indossare la maglia azzurra e bianca, come quella che porta il suo nome da Avellaneda, a baciare lo scudetto e ad alzare il trofeo che i giocatori gli hanno portato.

Il calcio si è insinuato nel secondo dibattito presidenziale, quando Massa e Sciaretti si sono incontrati sulla questione stadi. L’attuale Ministro dell’Economia ha confermato di volere che Córdoba fosse tra i prescelti, al che il governatore ha risposto che lo aveva già fatto, con l’obiettivo di ridisegnare lo Stadio Mario Kempes.

Tra i ricordi più belli che Chiaretti avrebbe dovuto custodire come tifoso ci sarebbe quello del campionato nazionale del 1980 del suo amato Racing Team, dove la squadra guidata da Alfio Basile non riuscì a conquistare il titolo, perdendo la finale contro il Rosario Central. Tra gli ottimi giocatori che componevano questa squadra, due si sono distinti e si sono distinti: La Araña Luis Amochastegui, con i suoi gol e la sua velocità, e Pato Roberto Gasparini, l’immenso talento, il più grande idolo della squadra.

Miriam Bregman ha dipinto il suo cuore di rosso e bianco, perché è una fan dell’Estudiantes de la Plata

Miriam Bregman ha dipinto il suo cuore di rosso e bianco, perché è una fan dell’Estudiantes de la Plata Ha spiegato in più occasioni di essere una tifosa di calcio: “Quando ero ragazza, nei centri urbani della provincia di Buenos Aires, era come se fosse dimostrato che dovevi essere del Boca o del River, al massimo potresti incontrare qualcuno del San Lorenzo, del Racing o dell’Independiente.” . Da adolescente ho capito che non era necessario, che potevo scegliere, e ho sempre amato l’Estudiantes. Naturalmente, quando sono cresciuto, l’ho fatto consapevolmente. Per fortuna questo non succede più, perché ci sono club, come Sarmiento de Junin o altri, che iniziano ad avere influenza e questa è un’ottima cosa.

READ  Video: Messi sulla bici Funes

Stiamo già giocando il recupero. Tra poche ore finirà questo fantamatch e vedremo quali tifosi festeggeranno e quali dovranno attendere la rivincita. Cinque candidati, tifosi di squadre diverse, mantengono questa tendenza, perché dal ritorno della democrazia nel 1983, il club dei presidenti eletti per volontà popolare è stato piuttosto diversificato: Raul Alfonsin (Independiente), Carlos Menem (Rivers); Fernando de la Rua (Boca Juniors), Nestor Kirchner (Racing Club), Cristina Fernandez (Gimnasia y Esgrima La Plata), Mauricio Macri (Boca Juniors), Alberto Fernandez (Argentinos Juniors).

È il giorno in cui i colori di tutti non contano. Speriamo che alla fine del percorso, chiunque vinca, potremo dire che siamo sulla buona strada per sconfiggere tutti questi avversari che affrontiamo come società e che possiamo vivere meglio. Come l’inno che ci ha uniti ai Mondiali del Qatar: Emozioniamoci ancora.