Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alcaraz dice addio e New York piange

Alcaraz dice addio e New York piange

Davide Villafranca

NEW YORK, 8 settembre – Carlos Alcaraz ha sofferto nel secondo set con tutto contro, con lo spirito compromesso, con l’imperiale Daniil Medvedev e con una difesa del titolo sempre più difficile. E poi c’era il ruggito dell’Arthur Ashe Stadium, interamente dedicato al suo attuale campione e al prodigio del tennis di cui si era perdutamente innamorato.

Venerdì Alcaraz ha detto addio al sogno di vincere il doppio titolo agli US Open (cosa che nessuno riusciva a fare dai tempi di Roger Federer dal 2004 al 2008) quando è stato eliminato da Medvedev, che domenica giocherà il titolo contro Novak Djokovic. .

Ma ciò a cui lo spagnolo non ha salutato è stato l’affetto dei tifosi newyorkesi, che appena 20 anni fa abbracciarono questo genio del tennis come se fosse il “loro” tennista.

È normale (e comprensibile) che i tifosi degli US Open, rumorosi e chiassosi come nessun altro, tifino per gli americani in campo contro concorrenti di tutto il mondo.

Ma i tifosi newyorkesi hanno accolto tra le loro braccia anche un ragazzo di El Palmar, con il sorriso permanente in faccia e un missile al braccio destro, che nel 2022 si è laureato campione a soli 19 anni sul campo da tennis più grande del mondo . mondo.

Lo hanno accompagnato finora nelle sue vittorie schiaccianti e nei suoi risultati impressionanti, come l’indimenticabile partita dei quarti di finale dell’anno scorso che si è conclusa quasi alle tre del mattino dopo una battaglia feroce ed emozionante di cinque ore contro l’italiano Jannik Sinner.

Ma questa volta hanno fatto qualcosa di diverso: stringere la mano ad Alcaraz, sollevarlo da terra e consolarlo della sconfitta.

READ  Hilda Bernard è morta: ha raccontato alla figlia come sono state le ultime ore dell'amata attrice

“Il pubblico è stato fantastico, ancora una volta. L’energia e l’amore che ho ricevuto non solo oggi, ma fin dal primo incontro. Dopo aver perso i primi due set, sono cresciuto tanto da poter alzare il mio livello, da poter continuare lì”. Alcaraz ha commentato stasera in conferenza stampa finché non avrò l’opportunità di tornare.

Ha aggiunto: “Nell’ultima partita i tifosi sono stati fantastici nei miei confronti. Voglio dire, potevo a malapena sentire altro che le urla. È stato pazzesco ed è qualcosa che non dimenticherò mai, anche se ho perso”.

Dopo aver perso il primo set al tie-break, Alcaraz è entrato, secondo le sue parole, in un “crollo mentale” che gli ha fatto perdere il secondo set 6-1.

Ma soprattutto in quel secondo set, il pubblico newyorkese si è alzato in più occasioni per mandare messaggi di incoraggiamento e sostegno ad Alcaraz, ad esempio quando ha dovuto affrontare palle break contro Medvedev.

Anche il russo, che era in netta minoranza in termini di sostegno sugli spalti, è stato soddisfatto dell’atmosfera vivace allo stadio.

Ma con il suo consueto sarcasmo, Medvedev ha parlato anche della sua partita ai tifosi, soprattutto quando ha servito per battere Alcaraz nel quarto set, e si sono sentite urla tra la prima e la seconda di servizio.

“Il pubblico era incredibile oggi. Assolutamente incredibile, lo dico sul serio (…). L’unica cosa è che c’erano un migliaio di giocatori spagnoli che hanno iniziato a urlare tra la mia prima e la seconda di servizio quando era 5-3 (nel quarto set). Ha detto sarcastico. : “Non è ‘Era molto bello. Ma penso che fossero disperati. Quindi sono felice di non averli aiutati. Ora possono dormire.'”

READ  Hanno pubblicato una foto di Dani La Chibi con il suo nuovo fidanzato, scatenando un acceso dibattito in rete

Alcaraz ha sottolineato in più occasioni che si sente a casa all’Arthur Ashe Stadium, non ha problemi a cantare davanti a migliaia di persone (come ha fatto con “Vagabundo” di Sebastian Yatra) e cerca sempre di dare “spettacolo”. “Con il tennis in una città come New York affascinata dalle star e dallo spettacolo.

Stasera non è riuscito a consegnare la vittoria ai suoi tifosi di New York, che sono rimasti a sospirare con il miele sulle labbra nella finale selezionata tra Alcaraz e Djokovic.

Ma sicuramente cammineranno al suo fianco anche l’anno prossimo, sia nella vittoria che nella sconfitta. Evie

dvp/jpd

(immagine)