Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alberto Fernandez parte per l’Europa in cerca di un rinvio del diritto al Paris Club

Fernandez Viaggerà con il ministro degli Esteri Philip Sola. Il ministro dell’Economia Martin Guzmán; Segretario generale della Presidenza della Repubblica, Julio Vettobello Segretario per gli affari strategici, Gustavo Pelles; Tra i membri che possono contribuire alle trattative sul debito argentino.

Il viaggio della delegazione argentina avviene quando è già entrata Il vantaggio del Paris Club è di $ 2.400 Million, e che ha una durata fino alla fine di luglio per essere considerato un default definitivo.

Fernandez e Guzmán Si recherà in Europa per richiedere un ritardo di scadenza, in un momento in cui i legislatori democratici statunitensi hanno lanciato un’iniziativa in modo che i paesi gravemente colpiti dall’epidemia, inclusa l’Argentina, possano essere esentati per un periodo di determinati obblighi con le organizzazioni multilaterali per la durata del questo mondo. Lesione sana.

La novità è che i legislatori democratici non sono limitati solo ai paesi più poveri, ma anche ai paesi a reddito medio.

L’iniziativa parlamentare denominata “Una forte risposta globale alla pandemia del Covid-19” afferma che il Dipartimento del Tesoro americano chiede al Fondo monetario internazionale di “ridurre gli obiettivi finanziari per tutti i programmi” concordati o concordati con i “paesi”. Chi cerca finanziamenti “in quell’organizzazione multilaterale mentre l’epidemia continua.

Allo stesso modo, i legislatori democratici suggeriscono che i rappresentanti degli Stati Uniti nel Fondo monetario internazionale (FMI) “si oppongano a qualsiasi credito, garanzia, documento o strategia che potrebbe ridurre la spesa pubblica assegnata dagli stessi paesi debitori per contrastare la seconda ondata. Da Covid-19.

Da parte sua a Roma, Guzmán parteciperà a un simposio internazionale sul debito Dove il capo del Fondo monetario internazionale ha confermato la loro presenza, Kristalina Georgieva, il premio Nobel Joseph Stiglitz e l’inviato speciale statunitense per il clima John Kerry, tra gli altri.

READ  La Juventus vince la Coppa Italia battendo 2-1 l'Atalanta

L’evento, denominato “Sognando un restauro migliore”, è organizzato dalla Pontificia Accademia delle Scienze.

Sarà una specie di versione 2021 del Simposio internazionale sull’onere del debito nazionale tenutosi nel febbraio dello scorso anno, a cui ha partecipato Papa Francesco.

Proprio lì, a Roma, ha incontrato Georgieva e Guzmán e ha avviato un dialogo che ha aiutato l’Argentina ad andare avanti con la ristrutturazione del debito con i creditori privati, sanzionata dal Fondo monetario internazionale.

Nel frattempo, il FMI ha confermato che i negoziati con l’Argentina stanno proseguendo in modo costruttivo, rilevando che il ministro dell’Economia Martin Guzman è attualmente la sua “controparte” in queste discussioni per raggiungere un accordo per riprogrammare il debito in dollari USA. 45.000 milioni.

Le prime forti scadenze capitalistiche sono solo dopo settembre e il governo ha spazio per negoziare questo debito, anche se il Club di Parigi preferisce un accordo con il fondo per rinegoziare il suo debito.

Qui è esattamente dove Il governo cercherà di convincere il Club di Parigi che l’Argentina è in condizioni eccezionali e ha bisogno di un po ‘d’aria alla scadenza dell’accordo firmato nel 2014.

“Siamo molto coinvolti in quelle discussioni con il segretario Guzman. Lui è la nostra controparte in quelle discussioni”, ha detto il portavoce del Fondo monetario internazionale Jerry Rice, aggiungendo: “Siamo pienamente impegnati con lui in questo momento”.

Alla conferenza stampa regionale bisettimanale, la Rice ha parlato in questo modo dei negoziati in corso tra il team economico e lo staff tecnico del FMI per raggiungere un accordo per riprogrammare le scadenze del debito.

“Stiamo lavorando in modo costruttivo con le autorità argentine sulla possibilità di un programma sostenuto dalla FISM per aiutare l’Argentina a superare le sfide che deve affrontare, inclusa la pandemia. Questo rimane il nostro obiettivo, aiutare l’Argentina e aiutare il popolo argentino”. Ha spiegato un portavoce del fondo.

READ  L'economia italiana potrebbe crescere del 5% nel 2021 | Aggiornamento Europa | DW

La Rice ha anche confermato che nel prossimo giugno verrà presentata l’iniziativa per l’assegnazione di diritti speciali di prelievo, la valuta del Fondo monetario internazionale, che inciderà positivamente sulle riserve degli Stati membri, con un importo totale aggiuntivo di 650 miliardi di dollari.

“L’amministratore delegato Kristalina Georgieva lo presenterà al nostro consiglio di amministrazione il prossimo mese per l’approvazione – ancora una volta, l’approvazione del consiglio è una conditio sine qua non, e poi andrà all’approvazione del consiglio di amministrazione nei prossimi mesi”, ha detto la Rice.

La Rice ha spiegato che “l’Argentina, come altri membri del Fondo monetario internazionale, riceverà stanziamenti in base alla sua quota di partecipazione al Fondo monetario internazionale” e per evitare speculazioni sull’uso sovrano delle risorse.

“Aspettiamo l’approvazione dello stanziamento e poi si può parlare degli utilizzi dei DSP, ovviamente, che sono in larga misura appannaggio degli Stati membri interessati”, ha concluso Rice.

In questo quadro, l’Argentina riceverà un totale di 4.354 milioni di dollari USA per aumentare le riserve internazionali.