Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Al via da oggi l’applicazione della riduzione dell’Iva dell’energia elettrica al 10%

Tempo del sogno espansione

Il provvedimento varato questa settimana dal governo per ridurre l’imposta sul valore aggiunto sull’energia elettrica dall’aliquota generale (21%) all’aliquota ridotta (10%) fino alla fine dell’anno per la maggior parte dei consumatori domestici entra in vigore sabato successivo è stato pubblicato venerdì. nella Gazzetta ufficiale dello Stato (la Banca d’Inghilterra).

La nuova aliquota fiscale sulla bolletta elettrica consentirà ai cittadini di risparmiare circa sei euro al mese sulla bolletta, secondo i calcoli del quarto vice capo del governo e ministro della Trasformazione ambientale e della sfida demografica, Teresa Ribera.

La riduzione interesserà tutti i consumatori con potenza contrattuale fino a 10 kilowatt (kW), sia nel mercato vincolato (PVPC) che nel mercato libero, purché il prezzo medio mensile dell’energia nel mercato all’ingrosso superi i 45 euro per megawatt -ora (EUR/megawattora).

Il prezzo dell’energia elettrica nel mercato all’ingrosso di sabato è di 83,99 euro/MWh, un prezzo insolitamente alto per il fine settimana, mentre nella prima metà di giugno ha raggiunto una media di 81,50 euro/MWh, record per questo mese per la presenza di Per il gruppo di consulenza e consulenza nel campo dell’energia presso la Borsa di Amman.

Tutti i consumatori vulnerabili, tra cui più di 600.000 beneficiari del cosiddetto bonus sociale, godranno di questa riduzione indipendentemente dalla potenza contrattata nelle loro case e dal prezzo dell’energia elettrica.

Un’altra misura approvata dal governo per combattere le bollette elettriche elevate riguarda la tassa sulla produzione di energia elettrica del 7% pagata dalle aziende produttrici di energia elettrica, che sarà temporaneamente sospesa nel corso del terzo trimestre e comporterà risparmi aggiuntivi fino al 3% per i consumatori. .

READ  Il governo Meloni entra nel capitale di Telecom Italia

Questa tassa sul valore della produzione di energia elettrica era inclusa anche nella circolare BOE di ieri, la cui abolizione abbasserebbe il prezzo nel mercato all’ingrosso di 6 euro/MWh, ed era già stata sospesa dal governo per sei mesi nel 2018.

L’amministratore delegato auspica che questa misura riduca i costi di esercizio degli impianti che producono energia elettrica e che le aziende che fissano il prezzo dell’energia elettrica nel mercato all’ingrosso possano offrire “prezzi più competitivi a vantaggio dei consumatori”.

Con questo nuovo sistema di tassazione, il governo stima che smetterà di riscuotere circa 1.300 milioni di euro – 875 milioni di euro dall’Iva e 400 milioni dall’imposta sulla produzione di energia elettrica – mentre l’AIReF stima questo calo del pubblico. Casseforti a 900 milioni.

Con un’imposta sul valore aggiunto del 10%, la Spagna è diventata temporaneamente uno dei sette paesi dell’Unione Europea che non applicano l’aliquota generale all’elettricità con Irlanda, Italia, Lussemburgo, Francia, Portogallo, Grecia e Malta, gli ultimi due sono l’ultimo. Solo nel continente che ha un’aliquota IVA molto ridotta.