Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Aida Mari scarica 43 migranti soccorsi in Italia

Aida Mari scarica 43 migranti soccorsi in Italia

San Sebastián (EFE).- La nave di salvataggio Aida Mari della ONG basca Salvataggio marittimo umanitario (SMH) Questo martedì “senza problemi” sono sbarcati nel porto di Ordona (Italia) 43 migranti di origine egiziana, sudanese e bengalese, salvati venerdì scorso da un'imbarcazione in navigazione nel Mar Mediterraneo centrale.

Secondo una nota della SMH, queste 43 persone hanno “attivamente” abbandonato la nave e sono “sotto la custodia delle autorità locali”, dopodiché “avranno inizio i processi di gestione delle frontiere”, anche se la ONG ha affermato che la maggior parte di questi casi “riceve ordini di evacuazione”. e “non viene concessa la protezione internazionale”.

Aida Mari sbarca ad Ortona

Nonostante l'accelerazione fin dall'inizio delle assegnazioni dei porti dopo il salvataggio di venerdì scorso, la Ida ha impiegato quattro giorni per raggiungere il porto di Ortona, in provincia di Mari Chieti, dove è arrivata poco dopo le 4 del mattino.

Foto d'archivio di uno dei soccorritori di Aida Mari. EFE/Unai Beroiz

Ortona dista 700 miglia nautiche dal punto di soccorso, ovvero 1.200 chilometri, spiega l'SMH, aggiungendo che la nave di soccorso “è passata davanti a decine di porti vicini” durante il viaggio, il più vicino dei quali è stato la Sicilia. Un giorno di viaggio da dove si trovava originariamente la nave.

Nuova notifica

Poche ore dopo l'operazione di salvataggio umanitario in mare, è arrivata una nuova notifica secondo cui nella zona si trovavano altre imbarcazioni di migranti, una con 80 persone e l'altra con circa 40 persone.

“Dopo aver consultato l'Italia – precisa SMH – lo stesso governo ha ordinato al capitano dell'Aida Mari di tornare indietro e perquisire la zona Sar libica alla ricerca di altre navi”.

READ  Giro d'Italia 2023: Parade Peintre conquista il Lago Lecino, e cambia leader: Lugnesund caccia la 'Maglia'

“Quello che inizialmente era stato un atto di speranza da parte delle autorità ha presto cambiato idea – spiega l'organizzazione – e alla fine sono state ritrovate sul posto due imbarcazioni vuote che erano state chiaramente evacuate e riportate al caldo dalla guardia costiera tunisina”. e la Libia.”

Il capitano Simon Vidal della nave di salvataggio Ida Mari, in una foto d'archivio. EFE/Andreu Esteban

Dopo aver segnalato l'accaduto al governo italiano, Aida Mari ha ricevuto l'ordine di recarsi immediatamente al porto di Ortona “senza alcun ritardo”.

“In breve”, prosegue la ong, “Ida Mari si è costretta a un viaggio di quattro giorni verso un porto remoto senza capacità sufficiente per fornire ulteriori aiuti umanitari, per cui ora è arrivata a Ordona con 43 persone. La sua capacità massima è di 150 persone”.

Tempo avverso

Le previsioni meteo avverse costringeranno Ida Marie a rimanere in porto per il resto della prossima settimana.

Secondo l'SMH, “misure come l'assegnazione di porti remoti” per le navi di salvataggio “evidenziano l'intenzione di svuotare la rotta del Mediterraneo centrale dalle risorse di salvataggio e dai testimoni. I diritti umani fondamentali dei migranti e dei rifugiati”.

“Questa strategia mette a repentaglio il futuro della missione e comporta un enorme logoramento per gli equipaggi, le persone soccorse e le risorse”, conclude l'organizzazione.

Per questo motivo, la SMH ribadisce la necessità di “creare corridoi umanitari che consentano una migrazione sicura e forniscano risorse per assistere queste persone in mare”.

“Chiediamo – prosegue – che le autorità europee si assumano la responsabilità nelle zone SAR (ricerca e salvataggio) e non finanzino gli Stati che non sono considerati sicuri come controllori delle frontiere, perché continuano a violare il principio di non respingimento secondo la Convenzione di Ginevra Convenzione sui rifugiati. .”.

READ  Giuseppe Rossi verrà dall'Italia questa domenica per un recital di pianoforte alla Fundación Eutherpe de Leon