Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

500 anni: le strategie usate da Hernan Cortes per conquistare il Grande Tenochtitlan

(Foto: Twitter @cuauhtemoc_1521)

Nonostante sia una credenza comune, C’erano 800 spagnoli guidati da Hernan Cortes Chi solo ha sconfitto la potente forza militare Messico A partire dal Tenochtitlan; Accanto a lui c’erano migliaia e migliaia di indigeni che si allearono con gli ispanici nella speranza di sbarazzarsi degli aztechi.. Ciò ha portato a uno scontro tra due eserciti giganti che è culminato in una sconfitta imperiale, come ha spiegato Eduardo Matos Moctezuma durante la partecipazione alla sessione della conferenza.

Quando Cortes assedia le città messicane di Tenochtitlan e Tlatelolco, mette in atto un piano per cercare di sconfiggere la resistenza originale. Ce lo racconta il capitano spagnolo nella terza lettera di relazione che ha inviato al re di Spagna Una delle strategie che usò fu quella di tagliare l’acqua potabile che raggiungeva Tenochtitlan attraverso il canale che portava da Chapultepec.: “Doveva togliere l’acqua dolce che entrava in città, e questo fu un grande inganno” (Curtis, n.d., pp. 325-326).

Per attaccare, divise le sue forze in tre grandi gruppi e preparò chiatte per distruggere queste città. Come ricorderà, Tenochtitlan si trovava nel mezzo del lago Texcoco e unito alla terraferma da grandi ponti come quelli di Takoba, a ovest, il Tepeak Bridgea nord, e Iztapalaba a sud, oltre alle migliaia di barche che trasportano persone e prodotti tra le città lacustri e la terraferma.

Cortes manda Pedro de Alvarado a Tacoba Con “trenta cavalieri, diciotto arcieri, centocinquanta tra spada e pedine e più di venticinquemila uomini di guerra del Taskaltec”.

Foto: (INAH)
Foto: (INAH)

Cristóbal de Olid si trova a Coyoacán Con “trentatre cavalli, diciotto arcieri e armati, centosessanta spade e pedine d’equipaggiamento, e più di ventimila uomini di guerra tra i nostri amici…”.

Gonzalo de Sandoval occupa Iztapalaba con “ventiquattro cavalieri, quattro armati e tredici arcieri, e centocinquanta spade e pedine d’equipaggiamento; numero cinquanta, scelti, che ho portato con me, e tutti gli abitanti di Guajucingo [Huejotzingo] e Chururtecal [Cholula] e calcio [Chalco], che sono più di trentamila uomini» (Curtis, pp. 323-324).

Da parte sua, Bernal Diaz indica numeri in qualche modo simili, anche se dice che La popolazione indigena che accompagnava ogni legione dell’esercito era di ottomila uomini (Diaz del Castillo, 1943, pp. 106-107). Da parte sua, Curtis ne comanda 13 in profondità, contando 300 uomini, “la maggior parte dei marinai e di buona abilità; così che in ogni brigadiere erano venticinque spagnoli, e ogni frusta portava il suo capitano, la sua sentinella e sei balestrieri e uomini armati” (Cortez, n.d., p. 324).

Caduta di Tenochtitlan (Foto: Twitter @cuauhtemoc_1521)
Caduta di Tenochtitlan (Foto: Twitter @cuauhtemoc_1521)

Come afferma Matos Moctezuma, Furono circa 800 spagnoli e circa 75.000 nemici originari di Tenochtitlan a portare avanti l’invasione. Documenti aborigeni, come The Story of the Conquest, scritto da uno sconosciuto indigeno di Tlatelolco nel 1528, raccontano quali furono gli ultimi scontri tra le due parti. Quindi, leggiamo passaggi come questi che segnano la fine della competizione:

READ  Borek Caste sarà sconfitto al secondo turno delle elezioni cilene | I sondaggi danno un vantaggio ai candidati di sinistra

Sono passati quasi 500 anni da quel fidanzamento e i suoi echi risuonano ancora ovunque, come l’ingresso del Museo del Templo Mayor, dove una poesia delle Canzoni messicane chiede a uno dei suoi frammenti: “Chi sarà in grado di assediare Tenochtitlan? Chi può scuotere le fondamenta del cielo? Tuttavia, il tempo ha dimostrato che anche quelle fondamenta possono essere scosse e che ciò che ha dato alla capitale azteca la sua reputazione di inespugnabile, ha causato la sua caduta”.

Fare di Tenochtitlan una città lacustre e avere accanto Tlatelolco sembrava una grande strategia difensiva poiché nessun popolo indigeno era in grado di resistere all’enorme flotta di barche che presidiava la zona., ma Cortes escogitò una strategia che avrebbe messo gli Aztechi sotto controllo: prese il controllo delle acque.”

Foto: (INAH)
Foto: (INAH)

Per il dottor Matos è necessario riconoscere l’audacia degli spagnoli e la loro capacità di avventurarsi in imprese improbabili, Come trasportare navi truccate attaccate a Tlaxcala per approfittare di naufragi e Costruire 13 torri che sarà poi trasferito al Lago Texcoco. Furono queste navi con i loro archi, cannoni e autobus in movimento che resero possibile assediare una città che si pensava impossibile da assediare.

Il controllo del lago ha permesso loro di affrontare le barche messicane che arrivavano a migliaia per difendere la città, oltre a impedire che i rifornimenti la raggiungessero. Parte dello stratagemma di Curtis prevedeva il taglio della fornitura di acqua potabile a Chapultepec E ha schierato frazioni del suo esercito sulle strade per impedire qualsiasi fornitura di terra. Sebbene un altro fattore importante nella creazione di questo assedio sia stato che gli spagnoli hanno saputo approfittare dell’ostilità di molti popoli indigeni nei confronti degli Aztechi e del loro dominio”.

READ  Lopez Obrador non parteciperà al Vertice delle Americhe se gli Stati Uniti escluderanno Cuba, Nicaragua e Venezuela | Il Presidente messicano invierà il suo Segretario di Stato

Economia Energetica

Secondo il professor Matos Moctezuma, I due pilastri del potere di Tenushka sono la guerra e l’agricoltura, e questo è evidente in Templo Mayor, dove una parte è dedicata a Tlaloc, il dio che porta la pioggia, e l’altra a Huetzelopochtli, il dio che guida la guerra.

(Foto: INAH)
(Foto: INAH)

C’era anche il commercio, ma non era molto importante perché si limitava allo scambio di prodotti; Tuttavia, l’espansione militare e la sottomissione di altri popoli portarono loro ricchezze che sembravano scorrere senza fine, grazie alla riscossione dei tributi”.

Dai tropici si ricavavano pelli di giaguaro, piume e animali esotici. Da Hidalgo grandi carichi di calce, e dalle pietre verdi di Guerrero, e mais e fagioli, Per citarne alcuni, le comunità che si rifiutarono di pagare furono saccheggiate, i loro bambini e le loro donne rapiti e le loro proprietà distrutte, così che migliaia di indigeni generarono un vero odio verso il Messico e videro gli spagnoli come una speranza per porvi fine. per il giogo azteco.

La storia più famosa di Elena Garo si chiama “La culpa es de los tlaxcalacas” (1964) ed esplora, attraverso il realismo magico, quell’idea così radicata oggi tra i messicani che i membri di questa comunità erano un branco di traditori che fecero cadere Tenochtitlan, Matos Moctezuma chiesto perché erano ?

Caduta di Tenochtitlan (Foto: Twitter @cuauhtemoc_1521)
Caduta di Tenochtitlan (Foto: Twitter @cuauhtemoc_1521)

Ho sempre sospettato che i Tenochka non abbiano invaso Tlaxcala solo per soffocare i suoi abitanti con guerre fiorite, quindi perché li chiamiamo traditori? Chiamiamoli che avrebbero dovuto tramare contro la loro stessa gente e che non sono messicani, lo stesso vale per Malenchi, che dalla regione del Tabasco fu minacciato dagli aztechi.. Inoltre, non solo erano i Tlaxcalans, ma erano anche tra gli alleati di Curtis Huygotzinkas, Texcocanos e molti ex allievi.”

La città di Tenochtitlan si arrese sabato 13 agosto 1521e Quando Cuauhtemoc è stato catturato di Francisco Garcia Holguin e presentato a Curtis. “Questa era una conseguenza inevitabile di due diversi modi di visualizzare la guerra”, ha spiegato il dottor Matos.

Prima di tutto, fu uno scontro di battaglioni messicani armati di maquahuites (pezzi di legno con bordi di ossidiana), fionde, giavellotti, mazze di pietra e manganelli, contro un esercito spagnolo dotato di spade, lance, autobus, archi e cannoni. Tuttavia, questo equilibrio precario in termini di modalità di svolgimento dei combattimenti sarebbe stato rotto, perché mentre gli aztechi catturavano i nemici per sacrificarli al loro dio, gli europei venivano eliminati senza riguardo.

Foto: (INAH)
Foto: (INAH)

“Si presenta uno spettacolo interessante solo quando Cuautemoc viene portato davanti al capitano degli spagnoli e si arrende, dicendo: “Signore, ho già fatto ciò che devo fare in difesa della mia casa e non posso più sopportarlo. Sono venuto con la forza e prigioniero davanti alla tua persona e autorità.’ Prendi questo coltello dalla cintura e uccidimi con esso. Invece, Hernan Cortes si avvicinò, lo abbracciò e gli salvò la vita”, o almeno questo è ciò che i dischi registrano erroneamente.

READ  Perché il Medioevo è così brutto (e colpa loro)

Secondo Matus, le parole qui sono così sconvolte da essere difficilmente riconoscibili perché espresse in nahuatl dal giovane lituano, e Malenci le tradusse in Maya e successivamente in spagnolo da Jerónimo de Aguilar, che lo interpretò come “prendi quel pugnale”. e uccidimi”, che in realtà avrebbe dovuto essere “Sacrificami al mio Dio e lasciami andare in bicicletta come un guerriero”.

Non concedendogli questo, lo fece vittima della massima crudeltà agli occhi del Messico: non solo vide devastata la sua città (che sarebbe caduta solo se fossero scosse le fondamenta del cielo), ma fu spogliato della sua diritto di accompagnare Huitzilopochtli nella sua marcia attraverso il cielo.

Continuare a leggere: