Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Camera dei Rappresentanti del Texas ha ordinato l’arresto di 52 Democratici per violazione del quorum per ostacolo al Voting Act

I democratici del Texas in fuga chiedono una riforma elettorale per il Congresso degli Stati Uniti

Il presidente della Camera dei rappresentanti del Texas era un repubblicano Martedì Ded Phelan ha firmato mandati di arresto contro 52 legislatori democratici che ancora una volta hanno violato il quorum per impedire l’approvazione di leggi che limitano il diritto di voto.

Questa è la terza volta nelle ultime settimane che i Democratici scelgono questa strategia per sconvolgere la legislatura controllata dai repubblicani.

La prima durante il regolare calendario legislativo e le altre due in periodi speciali chiamati dal governatore, anche il repubblicano Greg Abbott, ad approvare queste riforme, simili a quelle promosse da altri stati conservatori dopo le ultime elezioni presidenziali, in cui è stato sconfitto Donald Trump .

I mandati d’arresto, che Phelan ha minacciato di eseguire mercoledì mattina, sono di natura civile e, se dovessero essere arrestati, i democratici non sarebbero incarcerati, ma piuttosto costretti a tornare in legislatura.

Ded Phelan, presidente della Camera dei rappresentanti del Texas
Ded Phelan, presidente della Camera dei rappresentanti del Texas

Perché ci sia un quorum, devono essere presenti almeno 100 legislatori Al momento dell’elaborazione delle fatture e dell’emissione degli ordini, 95 – 80 repubblicani e 15 democratici – si erano presentati al Campidoglio.

Non è chiaro quanti dei 52 democratici siano stati assenti dal Texas da quando una cinquantina di loro è fuggita a luglio a Washington, e alcuni si trovano ancora nella capitale federale.

Altri in Texas, come Evelina “Lina” Ortega e Celia Israel, hanno dichiarato ai media locali che non avevano intenzione di comparire davanti al legislatore nonostante i mandati di arresto.

La mossa dei democratici del Texas ha avuto un impatto nazionale e persino il presidente, Joe Biden, ha elogiato il “coraggio” dei legislatori.

READ  Hanno pubblicato una foto di Boris Johnson che beve vino con altre persone durante il blocco nel 2020 | La nuova polemica con il premier britannico avviene abbastanza presto nell'alternativa Omicron

Oltre a bloccare la sessione legislativa in Texas, i Democratici hanno chiesto ai loro colleghi del Congresso degli Stati Uniti di approvare la riforma elettorale nazionale, che è in stallo da mesi.

Negli Stati Uniti, ogni stato stabilisce le proprie regole di voto. Durante la pandemia, molte regioni hanno allentato i requisiti per il voto per corrispondenza o anticipato, innescando un’affluenza record e alimentando teorie cospirative tra Trump e i suoi sostenitori su presunte frodi elettorali di massa.

Da allora, in tutto lo stato, i repubblicani hanno introdotto più di 200 disegni di legge in circa 40 stati per limitare l’accesso al voto.

(Con informazioni da EFE)

Continuare a leggere: