Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

40 anni di Cortázar: un tour di Buenos Aires che lo ha ispirato

40 anni di Cortázar: un tour di Buenos Aires che lo ha ispirato

In memoria di Il 40° anniversario della morte di Julio Cortázar e il 110° anniversario della sua nascita, Questo martedì Si svolgerà il tour letterario Sulle orme di Cortázar, un tour a piedi di Buenos Aires che inizierà alle 16:30 dal Teatro Colon e toccherà 10 punti chiave della città associati all'autore di “Hopscotch”, come Diagonal Norte, Plaza de Mayo e Luna Park. E Florida Street.

Buenos Aires è una città letteraria per eccellenza e non è esclusa dalle opere narrative di Cortázar. Lo scrittore argentino è nato a Bruxelles nel 1914 ed è morto il 12 febbraio 1984 a Parigi.

La vita di Cortázar a Buenos Aires può essere suddivisa in diverse fasi. Dal suo arrivo in città nel 1918 all'età di quattro anni, visse a Banfield fino al 1932, quando si trasferì a Villa del Parque. Durante questo periodo trascorse la maggior parte dei suoi giorni nella capitale federale. Nel 1937 si trasferì a Bolivar e poi a Chivilcoy per insegnare, tornando a Buenos Aires nei fine settimana. Nel 1944 iniziò a insegnare a Mendoza, prima di tornare a Buenos Aires e poi trasferirsi a Parigi nel 1951. Fece diverse visite a Buenos Aires, solo con la moglie, in diverse fasi della sua vita.

Sulle orme di Julio Cortázar: un tour letterario di Buenos Aires

A quarant'anni dalla sua morte si tiene un omaggio alla sua vita e alla sua eredità letteraria, organizzato dalla giornalista e guida turistica Mariana Iglesias. A piedi Partirai da Colon sul Cerrito 628 Si concluderà alla London City Confectionery. I punti selezionati hanno un significato speciale, perché sono una parte importante della vita e del lavoro dello scrittore a Buenos Aires. Dal suo arrivo a Buenos Aires nel 1918, quando aveva quattro anni, fino alle sue ultime visite come scrittore affermato, Cortázar fu strettamente legato alla città e ai suoi quartieri.

Per Cortázar “Buenos Aires è una delle più grandi figure chiave della sua vita e della sua opera”, spiega Iglesias, che ha dedicato la sua carriera alla diffusione del patrimonio culturale e turistico di Buenos Aires. Una delle stazioni è Ingegneria agricola: Nel 1931, Cortázar e la sua famiglia si trasferirono nell'edificio Artigas 3246. All'angolo di via Espinosa c'è via Artigas, che dal 1994 si chiama Julio Cortázar. Ci sono diverse campane che vengono spesso disegnate dai vicini, così come un pub con quel nome stesso.

READ  "Voglio chiedere giustizia e pace per la sua famiglia".

Uno dei quartieri Cronobio per eccellenza è Palermo, dove oggi l'ex Piazza Serrano si chiama Julio Cortázar. Anche Jorge Luis Borges ha vissuto in via Serrano, “trasformando quell'angolo nello spazio letterario per eccellenza della città”, spiega la guida. Nello stesso ambito, “La famiglia in Humboldt Street” è l'eroina di molti testi da lui scritti Storie di Cronobio e Famas Come le storie di “Simulacros” o “Posta e telecomunicazioni”.

Via Cronobio

Un altro spazio importante è la piazza centrale della città Biblioteca Nazionale Mariano Moreno Che si chiama campana, ed è uno spazio aperto per giocare, leggere, disegnare e scambiare da lettore a lettore. “Attraversando la piazza e l'edificio della biblioteca, troviamo una statua di Cortázar che è stata collocata nel centenario della sua nascita, su iniziativa della cantante e amica personale di Julio, Susana Rinaldi”, spiega Iglesias.

Autore di “Bestario” Ha studiato alla Escuela Normal Superior N2 Mariano Acosta in via Urquiza 277. Ad Anse tra il 1928 e il 1932. “Entrare nella scuola, salire le scale e vedere la scatola da scarpe gialla davanti a sé mentre si racconta la storia di ‘Night School’ è un’esperienza potente che ci permette di immaginare gli anni giovanili di Julio nella scuola serale.” Città”, dice la guida.

All'inizio degli anni Quaranta, la scena musicale a Buenos Aires era complessa ma estesa Cortázar, un dichiarato amante della musica. Presentazione dell'insegnante Arturo Toscanini Il Teatro Colón era un evento inevitabile per un'anima come quella di uno scrittore. “Durante lo spettacolo – racconta Iglesias – l’entusiasmo del pubblico per l’esibizione del maestro lo disturbò e lo spaventò a tal punto che, appena finito il concerto, ritornò a casa, e in un sol colpo, Ho provato le prime righe dell'indimenticabile racconto “I Ménads”.

READ  "Olioturismo. Un'opportunità per le imprese e le regioni" Una guida per promuovere l'attività dell'olioturismo in Italia

Luna Park: dove i personaggi di Cortazar prendono vita

Corrientes è anche un gruppo di spazi cortazar ma Parco giochi È lì che trascorse lunghe ore guardando gli incontri di boxe negli anni '40 e nel 1973, durante la sua visita a Buenos Aires, fu invitato a raccontare un incontro, che fu pubblicato sulla rivista. Il disegno.

Dal 1915 passaggio Galleria Gomez Collega per i pedoni la Florida a Rue Saint-Martin, ma per l'eroe del racconto “L'altro paradiso” attraversare la galleria significa entrare in contatto diretto con un altro luogo e un altro tempo: la Galleria Vivien di Parigi alla fine dell'Ottocento. secolo. diciannovesimo. “Questo incrocio è interessante perché lo scrittore francese Antonio Santo d'Exupéry (autore piccolo Principe) Visse in uno degli appartamenti affittati alla Goem's Gallery tra il 1929 e il 1931. E a Parigi i due scrittori erano anche vicini di casa, anche se non lo sapevano… o lo sapevano?'', si chiede Iglesias.

Anche Plaza de Mayo è l'eroina di molti testi. In l'esame, un romanzo scritto nel 1950 e pubblicato nel 1986, descrive un'atmosfera spettrale e il vagabondare di diversi studenti mentre si recano a sostenere un esame, mentre altre persone adorano uno strano oggetto al centro della piazza. Quando a Buenos Aires cala la nebbia mentre si passeggia per la zona, non sorprende la sensazione di vivere in una favola.

L'ultimo viaggio di Cortázar

“I dolci”, spiega Iglesias Città di Londra È l'ambientazione per l'inizio del romanzo. Premi (1960) ma è anche una finestra diretta per conoscere il polso dell'Avenida de Mayo.” Attualmente, questo iconico bar rende omaggio all'autore con un'esposizione permanente di fotografie, libri e altri oggetti.

READ  Enrique Siemens, scrittore e giornalista "da questo sporco sito" è morto | Avevo 77 anni

Importante per la memoria letteraria L'ultimo viaggio di Cortázar a Buenos Aires. Lo ha fatto dopo un'assenza di dieci anni, poco prima della sua morte. Arrivò all'aeroporto di Ezeiza mercoledì 30 novembre 1983, praticamente senza attirare l'attenzione. È stata una sua idea salutare sua madre, Maria Herminia d'Escot.

Cortázar ha trascorso la sua prima giornata intera in città, giovedì, in compagnia del suo amico Hector Llanover presso la libreria Norte situata a Las Heras 2225. Poi ha avuto l'opportunità di incontrare la fotografa Sara Faccio all'angolo di Patio Bullrich. Il 4 dicembre Cortazar si è divertito Proiezione presso la sala cinematografica Petit Premieresituato in via Corrientes al 1565, dove puoi vedere Non ci sarà più tristezza né dimenticanzaUn film diretto da Hector Oliveira basato sul romanzo del suo amico Osvaldo Soriano. Non sono mancate le passeggiate attraverso i luoghi emblematici della città, da Caffè Ouro Preto in un teatro all'aperto. Il quinto andò a Incontra Alberto Mario Pironiche aveva precedentemente intervistato e divenne suo lontano amico. Hanno camminato insieme per la città e hanno anche visitato La Boca, dove il fotografo Mario Paganetti ha catturato gli ultimi momenti dell'autore a Buenos Aires.

Il 6 dicembre, prima di salutare Buenos Aires, Cortazar era sull'aereo Ristorante pizzeria Los Inmortales, situato a Marcelo T de Alvear alle 12.00. Partì di nuovo per Parigi dall'aeroporto di Ezeiza il 7 dicembre. Due mesi dopo morì nella capitale francese.