Fano, Pesaro e Urbino: in arrivo mostre che spaziano da Leonardo a Raffaello

edil 4
Rosalba Cagli
il particolare arredamenti
Biondi
rte
Biondi
Biondi

Fano, Pesaro e Urbino proseguono nella condivisione di progetti che fanno rete con il nuovo ciclo “Mostre per Leonardo e per Raffaello”; progetto diffuso e messo in campo di concerto dai tre comuni nell’ambito delle celebrazioni promosse dal MIBAC per i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci nel 2019 e di Raffaello Sanzio nel 2020. Tre appuntamenti concepiti come un percorso con un filo conduttore univoco che racconti gli artisti e le connessioni con il territorio.

Il Comune di Fano ha scelto di partecipare alle celebrazioni di Leonardo riscoprendo il suo legame con Vitruvio, nella città del grande architetto romano, e presenta la mostra “Leonardo e Vitruvio: oltre il cerchio e il quadrato. Alla ricerca dell’armonia. I leggendari disegni del Codice Atlantico”, a cura di Guido Beltramini, Francesca Borgo e Paolo Clini, che inaugura al pubblico giovedì 11 luglio alle 17.30, al Museo del Palazzo Malatestiano, Sala Morganti. In mostra cinque straordinari disegni originali di Leonardo, per la prima volta nella storia recente esposti sulla sponda centro-adriatica d’Italia.

In continuità con Fano, il Comune di Pesaro, in collaborazione con l’Ente Olivieri – Biblioteca e Musei Oliveriani, presenta un progetto originale in dialogo tra passato e presente con la mostra “Agostino Iacurci. Tracing Vitruvio. Viaggio onirico tra le pagine del De Architectura”, a cura di Marcello Smarrelli, con la consulenza scientifica di Brunella Paolini, che inaugura a Palazzo Mosca – Musei Civici, sabato 13 luglio alle 19. Agostino Iacurci, artista noto in tutto il mondo per i suoi monumentali dipinti murali realizzati nello spazio pubblico, sperimenta una visione contemporanea del celebre trattato di Vitruvio, esposto in dieci pregiate edizioni.

A Urbino prosegue la mostra apripista alle celebrazioni di Raffaello: “Da Raffaello. Raffaellino del Colle”, a cura di Vittorio Sgarbi, in omaggio al ‘divin pittore’ riletto tramite le opere di uno dei suoi più fedeli seguaci.

Le mostre sono realizzate con il sostegno della Regione Marche, del Comitato nazionale per la celebrazione dei 500 anni dalla morte di Raffaello Sanzio, del Comitato nazionale per la celebrazione dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, del Centro Studi Vitruviani di Fano, dell’Ente Olivieri – Biblioteca e Musei Oliveriani e l’organizzazione curata da Sistema Museo.

original-ceramiche
Bella Ischia
Frescina
ercolani
Biondi
meme