“Adriatico Mediterraneo Festival 2018” ospiterà “Diritti e Rovesci – La tutela dei diritti in un mondo che cambia”

Biondi
il particolare arredamenti
rte
edil 4
Rosalba Cagli
Biondi
Biondi
Andrea Nobili

Anche quest’anno l’“Adriatico Mediterraneo Festival 2018” ospiterà “Diritti e Rovesci – La tutela dei diritti in un mondo che cambia”, la rassegna curata Garante regionale dei diritti, Andrea Nobili, con la collaborazione del Consiglio Regionale.
Il 30 agosto confronto sulle tematiche del caporalato e del trattamento dei lavoratori nei campi. Protagonisti saranno Aboubakar Soumahoro, sindacalista a capo delle proteste dei braccianti in Calabria dopo l’uccisione di Soumaila Sacko, e Stefania Prandi, giornalista ed autrice del libro “Oro rosso”, un reportage sullo sfruttamento e le violenze subite da donne e uomini durante il lavoro nei campi, che si snoda attraverso Italia, Spagna e Marocco, Paesi che figurano tra i maggiori esportatori di ortaggi e frutta in Europa e nel mondo.
Il 31 agosto si parlerà di Turchia con il giovane scrittore Hakan Gunday, chiamato a dialogare con Marco Ansando, giornalista del quotidiano “La Repubblica”. La conclusione del ciclo è in calendario per sabato primo settembre. Il giornalista Alessandro Barbano, autore del libro “Troppi diritti”, si confronterà con Sauro Longhi, rettore dell’Università Politecnica delle Marche. Un dibattito, a partire da un caso editoriale, per individuare un possibile punto di equilibrio fra la tutela dei diritti ed il riconoscimento dei doveri. Tutti gli incontri si terranno presso il foyer dell’Auditorium della Mole di Ancona, a partire dalle 18,15.
Sarà, invece, la sede Iai (Iniziativa Adriatico Ionica) della Cittadella ad ospitare il 29 agosto la consegna del Premio Adriatico Mediterraneo che quest’anno andrà al pianista siriano Aeham Ahmad.

Consiglio regionale Marche (A. Is.)
Biondi
original-ceramiche
ercolani
Frescina
Bella Ischia
meme